Questo sito web aderisce al Regolamento UE /679, comunemente denominato GDPR. Utilizziamo cookies propri e di terze parti per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Per maggiori informazioni, leggi la cookie policy e privacy policy.

News 2021

Boris e il calciomercato: Calabresi al Cagliari, il figlio di Biascica che voleva Totti e si è ritrovato Brio

| Calciomercato.com

Calciomercato.com - Articolo - Boris e il calciomercato: Calabresi al Cagliari, il figlio di Biascica che voleva Totti e si è ritrovato Brio - Pagina 01 Calciomercato.com - Articolo - Boris e il calciomercato: Calabresi al Cagliari, il figlio di Biascica che voleva Totti e si è ritrovato Brio - Pagina 02 Calciomercato.com - Articolo - Boris e il calciomercato: Calabresi al Cagliari, il figlio di Biascica che voleva Totti e si è ritrovato Brio - Pagina 03 Calciomercato.com - Articolo - Boris e il calciomercato: Calabresi al Cagliari, il figlio di Biascica che voleva Totti e si è ritrovato Brio - Pagina 04

Icona plus Mostra tutti gli screenshots [05]

Bandiera dell'Italia Bandiera del Regno Unito Mostra/nascondi la trascrizione e la traduzione.

Boris e il calciomercato: Calabresi al Cagliari, il figlio di Biascica che voleva Totti e si è ritrovato Brio

del alle

di Angelo Taglieri


"Un angolo per chi ha la visione del calcio di Nick Hornby, per chi vive la partita come un film, per chi reputa Babangida il miglior calciatore della storia. Un piccolo mondo per chi non ha scritto calcio con il pallone tra i piedi, ma con una penna tra le dita, una telecamera sulla spalla o un joystick in mano, per quelli cresciuti a pane, nutella e Holly e Benji. Il calcio visto con gli occhi, e gli occhiali, del Nerd".


Corsa perdifiato, cappellino della Roma in testa, zaino sulla spalla ma scuola saltata su indicazione del padre. "Papà, 'ndo sta, è arivato?". Ma il papà, che per gli amici è Biascica, è triste, appoggiato sul furgone, con la mano a coprirsi gli occhi. Il giovane Arturo se ne accorge e domanda: "Chè successo papà?". "Non viene, non viene er capitano". E un verso di disappunto che accomuna padre ed erede.



C'è Pruzzo - L'erede di Biascica è Arturo Calabresi, davvero figlio di Paolo, che interpreta il tifosissimo capo elettricista in Boris. Nell'episodio Stopper, Calabresi jr corre sul set perché il padre, che lo chiama al telefono, sente che lo special guest in Occhi del Cuore sarà Francesco Totti: incentivato da papà suo, Arturo la salta scuola e si presenta ma alla fine... non c'è er capitano.

E chi c'è? Sergio Brio. Stopppeerrrr...


"Ma chi, quello della Juve de tanti anni fa? Quello che menava Pruzzo?"

"Esatto, er bomber de Crocefieschi".



Er gol de Turone - Alla fine provano a capire la verità su uno dei più grandi misteri del calcio italiano: il gol di Turone. Tra servizi segreti e la Roma che poteva essere scomoda, Biascica non riesce a scalfire il solido Brio, anche se, a detta sua, "mi ha fatto la faccetta, come a dì so tutto ma non posso parlare". Niente Totti, niente verità, ma una bella esperienza vissuta assieme da padre, grande attore, e figlio, con Arturo che poi, col pallone, ci è cresciuto davvero, arrivando sino al debutto in Serie A con la maglia del Bologna. E che ora torna protagonista sul calciomercato.


Il mercato - Difensore centrale o terzino, cresciuto nel settore giovanile proprio della Roma, dove è riuscito a collezionare qualche panchina in Serie A, con esperienze tra Livorno, Brescia, Spezia, Foggia e Amiens, è ora di proprietà del Bologna, ma pronto a volare in Sardegna, con Di Francesco, ex romanista, che lo aspetta al Cagliari, voglioso di ripartire e riprendersi il proprio spazio: 2 presenze quest'anno, 25 l'anno scorso in Francia, 21 quello prima sempre col Bologna. Gli serve fiducia al figlio di Biascica, che a 24 anni ha ancora tempo per dimostrare di essere un difensore da Serie A. Anzi, dicendola alla René Ferretti, uno stoppeeerrrr di categoria.


@AngeTaglieri88

Boris and the transfer market: Calabresi goes to Cagliari, the son of Biascica who wanted Totti and met Brio

published on at

by Angelo Taglieri


"A corner for the one who has the vision of football of Nick Hornby, for the one who lives the game like a movie, for the one who considers Babangida the best football player in history. A small world for the one who has not written football with the ball between his feet, but with a pen between his fingers, a camera on his shoulder or a joystick in his hand, for those who grew up on bread, Nutella and Holly and Benji. The football seen through the eyes, and glasses, of the Nerd".


Breathtaking race, cap of A.S. Roma on his head, backpack on his shoulder but school skipped on the orders of his father. "Dad, where is, has he arrived?". But the father, who for friends is Biascica, is sad, leaning on the van, with his hand covering his eyes. The young Arturo notices it and asks: "What happened, dad?". "He doesn't come, the captain doesn't come". It's a cry of disappointment shared by father and heir.



There's Pruzzo - The heir of Biascica is Arturo Calabresi, real son of Paolo, who plays the very fanatic chief electrician in Boris. In the episode Stopper, Calabresi jr runs to the set because his father, who calls him on the phone, hears that the special guest in Occhi del Cuore (The eyes of the heart) will be Francesco Totti: encouraged by his dad, Arturo skips school and shows up but in the end... the captain is not there.

And who is there? Sergio Brio. Stopppeerrrr...


"But who, the one of F.C. Juventus of many years ago? The one who beat Pruzzo?"

"That's right, the bomber of Crocefieschi".



The goal of Turone - In the end they try to understand the truth about one of the greatest mysteries of Italian football: the goal of Turone. Between Secret Services and A.S. Roma that could be thorny, Biascica fails to scratch the solid Brio, even if, according to him, "made me a face expression, as to say I know everything but I can not speak". No Totti, no truth, but a beautiful experience lived together by father, great actor, and son, with Arturo who then, with football, really grew up, reaching his debut in Serie A with the shirt of Bologna F.C.. And who is now back as protagonist on the transfer market.


The market - Central defender or full-back, who grew up in the youth sector of A.S. Roma, where he managed to collect some bleachers in Serie A, with experiences between A.S. Livorno, Brescia, Spezia, Foggia and Amiens Sporting Club Football, the player is now owned by Bologna F.C., but ready to fly to Sardinia, with Di Francesco, former A.S. Roma coach, waiting for him in Cagliari, eager to restart and take back his space: 2 presences this year, 25 last year in France, 21 the one before always with Bologna F.C.. Biascica's son needs trust, who at 24 years old has still time to prove he's a Serie A defender. Indeed, saying it as René Ferretti, a stoppeeerrrr of category.


@AngeTaglieri88

Boris 4 | Le news sugli sviluppi della quarta stagione di Boris

Ultimi articoli del blog

Ultime news

Merchandising | Acquista DVD e gadgets su Boris

Boris - La fuori serie italiana Stagione 01 Boris 2 Boris 3 Boris Il Film (DVD) iPhone Tough Case (Smarmella! by Duperdu) Throw Pillow (Boris TV by swear) Comforter (Sto molto bene - Boris (white) by Warcry4) Classic Mug (A cazzo di cane - Boris by Madalpaca92) Laptop Sleeve (È stato... | Boris by ijijojajo) Mask (F4 BASITO | Serie Tv Italiana Boris by ChiaraKali)

WebmasterCookie policyPrivacy policy

© Boris Italia - . Boris Italia è un fansite dedicato alla serie tv italiana Boris. Dal , con gioia e passione.

Top