This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

News 2020

Boris doesn't need a fourth season. It's already perfect like this

| VDNews.tv

VDNews.tv - Article - Boris doesn't need a fourth season. It's already perfect like this - Page 01 VDNews.tv - Article - Boris doesn't need a fourth season. It's already perfect like this - Page 02 VDNews.tv - Article - Boris doesn't need a fourth season. It's already perfect like this - Page 03 VDNews.tv - Article - Boris doesn't need a fourth season. It's already perfect like this - Page 04

Plus icon Show all screenshots [05]

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

Serie TV

A Boris non serve una quarta stagione. È già perfetta così

Niccolò Brighella |



Duccio si avvicina ad Alessandro con fare sospetto, lo guarda e sussurra: «Nella fiction la fotografia non deve essere più bella di quella della pubblicità, sennò la gente cambia canale». Una verità che oltrepassa la quarta parete e colpisce lo spettatore come uno schiaffo, lo lascia F4 basito a pensare: “ecco perché”. Questa perla è un esempio dell'immensa miniera di citazioni, saggezza popolare e comicità che è Boris, ancora oggi la miglior serie italiana. I fan e il cast ora vorrebbero farla ripartire con una quarta stagione (confermata dalle parole del produttore Lorenzo Mieli, ndr), contravvenendo a quella stessa saggezza da loro diffusa: mai superare la terza stagione.


Una quarta stagione per Boris?


I fan di Scrubs, classico delle serie tv legato a doppio filo a Boris, lo sanno bene: l'ultima stagione revival/spin off di Medici ai Primi Ferri non dovrebbe esistere. Rischiamo la stessa cosa per la fuoriserie italiana? Col ritorno di Boris su Netflix e l'esplosione di meme che, già dieci anni fa, avevano fatto la fortuna di Boris online, i fan e il cast hanno cominciato a spingere per una nuova stagione. Su Change.org è nata una petizione che ha raggiunto le 5.554 firme che afferma: «In questo paese troppe volte la qualità ha lasciato spazio alla mediocrità: è tempo che le piattaforme di streaming ripropongano un prodotto unico, attuale e tagliente come Boris! È giunto il tempo di “smarmellare, aprire tutto e fare le cose a cazzo di cane! Dai Dai Dai!”». Gli stessi interpreti del cast hanno dimostrato entusiasmo per il progetto, come Ninni Bruschetta e Caterina Guzzanti, rispettivamente Duccio e Arianna di Boris. Il freno maggiore resta l'assenza di Mattia Torre, geniale autore di Boris, e di Roberta Fiorentini, interprete di Itala, personaggio che rappresenta in tutto e per tutto l'Italia.


Non abbiamo bisogno di Boris 4


Ma al di là dell'operazione nostalgia abbiamo veramente bisogno di Boris 4? Davvero intervenire su una storia già conclusa, potrebbe arricchirla? Oppure è la solita mania di allungare il brodo, di cui abbiamo già parlato, che porterebbe la fuoriserie italiana da un lato all'altro della famigerata Linea Peter Jackson? Dagli universi cinematici composti di decine di film a saghe, composte da prequel, sequel e spin off, troppo lunghe per essere incisive, la nostra società ha un problema con le dimensioni. E col tempo che passa. La mania del remake o della riedizione ha già colpito molte serie tv o film del passato con esiti più deludenti che entusiasmanti: la nostalgia non può, da sola, eleggersi a prodotto o sostituirsi alla sana e genuina creatività. E se c'è un prodotto del passato che dovremmo difendere nella sua integrità é proprio Boris, lo specchio che riflette e smaschera la televisione italiana.


Boris così com'è, a cazzo di cane


«Non la vuole nessuno una fiction diversa. Ma tu ti rendi conto di cosa succederebbe se qualcuno facesse una fiction moderna, ben scritta, ben girata? Ma tutto un intero sistema industriale del nostro paese dovrebbe chiudere. Perché rivoluzionare un sistema che funziona già?». La saggezza posticcia di Lopez esplicita, nella terza stagione, tutto il sottotesto di Boris, serie che è essa stessa eccezione che conferma la regola su cui ironizza. Tuffarsi nel teatro dell'assurdo della fuoriserie italiana è un'esperienza unica e irripetibile, che non può essere riproposta e non merita una resurrezione fuori tempo massimo. Vogliamo rivivere quella magia? Allora creiamo qualcosa di nuovo, senza sguardi nostalgici al passato. Qualcosa che René Ferretti non avrebbe potuto fare nell'Italia in cui viveva, ma che forse noi, proprio grazie a Boris, possiamo permetterci.



La duplice natura di Boris, fenomeno di nicchia e pop, lo rende un prodotto unico nel panorama italiano

TV Series

Boris doesn't need a fourth season. It's already perfect like this

Niccolò Brighella |



Duccio approaches Alessandro with suspicion, looks at him and whispers: «In the drama the photography must not be more beautiful than the one of advertising, otherwise people change the channel». A truth that goes beyond the fourth wall and hits the viewer like a slap, leaves it F4 astonished to reflect: “that's why”. This gem is an example of the immense mine of quotes, folk wisdom and comedy that is Boris, still today the best Italian series. Fans and cast would now like to restart it with a fourth season (confirmed by the words of the producer Lorenzo Mieli, ed), violating that same wisdom spread by them: never get through the third season.


A fourth season for Boris?


The fans of Scrubs, classic of tv series bound to double wire with Boris, know well: the last season revival/spin off of Medici ai Primi Ferri (Scrubs) shouldn't exist. Do we risk the same thing for the Italian off series? With the return of Boris on Netflix and the explosion of memes that, already ten years ago, made Boris's fortune online, fans and cast began to push for a new season. On Change.org a petition was born which has reached the 5,554 signatures that claims: «In this country too many times quality has given way to mediocrity: it's time for streaming platforms to propose a unique, current and sharp product like Boris! It's time to “open all the light, open all and to make things to fucking dog! Come on Come on Come on!”». The same performers of the cast showed enthusiasm for the project, as Ninni Bruschetta and Caterina Guzzanti, respectively Duccio and Arianna of Boris. The biggest brake remains the absence of Mattia Torre, brilliant author of Boris, and of Roberta Fiorentini, interpreter of Itala, character that represents all over Italy.


We don't need Boris 4


But beyond the nostalgia operation do we really need Boris 4? Could really intervening on a story that has already ended, could it enrich it? Or is it the usual mania of lengthening the stories, of which we have already spoken, that would bring the Italian off series from one side to the other of the infamous Peter Jackson line? From cinematographic universes made up of dozens of movies collected in sagas, made up of prequels, sequels and spin offs, too long to be incisive, Italian society has a problem with the sizes. And with the passing of time. The mania of remake or the re-edition has already hit many TV series or movies of the past with more disappointing than exciting results: the nostalgia cannot, by itself, elect itself as a product or substitute for healthy and genuine creativity. And if there is a product of the past that we should defend in its integrity it's just Boris, the mirror that reflects and unmasks the Italian television.


Boris as it's, to fucking dog


«Nobody wants a different drama. But do you realize what would happen if someone did a modern drama, well written, well shot? But an entire Italian industrial system should close. Why revolutionize a system that already works?». The explicit false wisdom of Lopez, in the third season, all the subtext of Boris, a series which is itself exception that confirms the rule on which it makes fun. Diving into the theater of the absurd of the Italian off series is a unique and unrepeatable experience, which cannot be repeated and doesn't deserve a resurrection after the deadline. Do we want to relive that magic? Then let's create something new, without nostalgic glances towards the past. Something that René Ferretti could not have done in the Italy where he lived, but that perhaps we, just thanks to Boris, can afford.



The dual nature of Boris, a niche and pop phenomenon, makes it a unique product in the Italian paranorama

List of the news 2020

Boris 4 | The news about the developments of the fourth season of Boris

Last articles of blog

Last news

Merchandising | Buy DVD and gadgets about Boris

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) iPhone Tough Case (Smarmella! by Duperdu) Throw Pillow (Boris TV by swear) Comforter (Sto molto bene - Boris (white) by Warcry4) Classic Mug (A cazzo di cane - Boris by Madalpaca92) Laptop Sleeve (È stato... | Boris by ijijojajo) Mask (F4 BASITO | Serie Tv Italiana Boris by ChiaraKali)

WebmasterCookie policyPrivacy policy

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top