This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

News 2020

BORIS: Duccio, critical conscience

| Futura.fm

Futura.fm - Article - BORIS: Duccio, critical conscience - Page 01 Futura.fm - Article - BORIS: Duccio, critical conscience - Page 02 Futura.fm - Article - BORIS: Duccio, critical conscience - Page 03 Futura.fm - Article - BORIS: Duccio, critical conscience - Page 04

Plus icon Show all screenshots [10]

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

Serie TV

Boris: Duccio, coscienza critica

- Fabio Calzolari

Prosegue la nostra rassegna sui personaggi di Boris. Questa settimana ci occupiamo di un pilastro: Duccio Patanè.


Maestro Miyagi


Duccio è il direttore della fotografia, il suo mantra è: Apri tutto - Chiudi tutto. Come in Karate Kid: dai la cera togli la cera. Sembrerebbe facile, in realtà il suo lavoro di luci viene da decenni di studi e riflessioni sulla società italiana.



L'allievo e il Maestro. Con un sottotesto in pieno stile Duccio.


Filosofo Zen


Durante la stagioni di Boris vari personaggi si confrontano con Duccio in cerca di consigli. È una sorta di consigliere ed è visto bene praticamente da tutti: questa sua assenza di conflittualità col resto del mondo lo porta ad essere influente verso gli altri, quasi fosse un monaco: più colombiano che buddista però.



Pillole filosofiche distribuite a Biascica. Also Sprach Patanè.


Attitudine al comando


Seguendo il mantra di chiudersi a riccio e farsi i cazzi propri, Duccio vuole essere lontano da ruoli di comando: in merito alla leadership consiglia di chiudere tutto, aprendo tutto invece quando si tratta di una pausa caffè.



Una delle migliori scene di Boris.


La cocaina


Duccio pippa forte. C'è poco da aggiungere.


Anzi sì, questa frase: Ma stai scherzando? Tu sei un professionista, eh? Ti sei fatto anche un nome nell'ambiente, la gente conta su di te. Io conto su di te. Capisco che uno può avere un momento di debolezza, di dubbio, è umano, è normale. Ma se smetti di spacciare adesso, domani te ne potresti pentire. Potresti non poter più tornare indietro. Mi capisci?



Coscienza critica


Duccio è l'alter ego di René. Sa benissimo che la qualità è sbagliata, che bisogna tenersi lontano dai problemi e per vivere sereni bisogna fare tre cose: aprire tutto, chiudere tutto e smarmellare. Ma dimostra allo stesso tempo grande umanità in vari frangenti, quando ad esempio non urla Merda allo schiavo o quando porta René a fare la guardia forestale (su raccomandazione naturalmente).


Duccio è molto più profondo di quanto voglia apparire.



i muri sono caduti


Un altro Duccio è possibile?


Se Sergio è l'Italia meschina e menefreghista, Duccio rappresenta quel paese che si è arreso alla barbarie del tempo, ben sapendo che un altro mondo non è possibile.


Per Hemingway il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare, per Duccio il mondo è una merda e quindi meglio starsene in disparte ad osservare quello che succede.


Nella fiction la fotografia non deve essere più bella di quella della pubblicità, se no la gente cambia canale: hanno pensato a tutto!


Sarebbe facile etichettare questo personaggio, interpretato magistralmente da Ninni Bruschetta, come il classico lassista: Duccio è molto di più, è un'Italia che si è arresa. E se Itala beve vino, lui usa la cocaina.


E quindi un altro Duccio è possibile? In un mondo diverso probabilmente sì.

TV Series

Boris: Duccio, critical conscience

- Fabio Calzolari

Continuing our review about the characters of Boris. This week we talk about one of the main characters: Duccio Patanè.


Master Miyagi


Duccio is the director of photography, his mantra is: Open all - Close all. As in Karate Kid: give the wax remove the wax. It would seem easy, in reality his lighting work comes from decades of studies and reflections about the Italian society.



The pupil and the teacher. With a subtext in full Duccio style.


Zen philosopher


During the seasons of Boris various characters talk with Duccio in search of advices. He's a sort of advisor and is well considered by practically everyone: this his absence of conflict with the rest of the world leads him to be influential towards others, almost as if he were a monk: more Colombian than Buddhist though.



Philosophical pills said to Biascica. So Patanè spoke.


Leadership attitude


Following the mantra of closing up like a hedgehog and having his businesses, Duccio wants to be away from leadership roles: regarding the leadership recommends closing everything, opening everything instead for a coffee break.



One of the best scenes of Boris.


The cocaine


Duccio sniffs cocaine a lot. There is little to add.


Indeed yes, this sentence: But are you kidding? You are a professional, huh? You have also been famous in the environment, people are counting on you. I'm counting on you. I understand that one can have a moment of weakness, of doubt, it's human, it's normal. But if you stop selling drugs now, you may regret it tomorrow. You may never be able to go back. Do you understand me?



Critical consciousness


Duccio is the alter ego of René. He knows very well that the quality is wrong, that you have to keep away from problems and to live peacefully you have to do three things: open all, close all and open all the light. But at the same time he shows great humanity in various situations, for example when he doesn't shout Shit at the slave or when he takes René to be a park ranger (thanks to a recommendation of course).


Duccio is much deeper than he wants to appear.



the walls have fallen


Is another Duccio possible?


If Sergio is Italy mean and careless, Duccio represents that country that has surrendered to the barbarities of the time, knowing well that another world is not possible.


For Hemingway the world is a beautiful place and it's worth fighting for, for Duccio the world is a shit and therefore better to stay on the sidelines to observe what happens.


In the drama, photography shouldn't be more beautiful than the advertising one, otherwise people change the channel: they've thought of everything!


It would be easy to label this character, masterfully played by Ninni Bruschetta, as the classic careless: Duccio is much more, he rappresents an Italy that has surrendered. And if Itala drinks wine, he uses cocaine.


And so is another Duccio possible?? In a different world probably yes.

List of the news 2020

Last articles of blog

Last news

Merchandising | Buy DVD and gadgets about Boris

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) iPhone Tough Case (Smarmella! by Duperdu) Throw Pillow (Boris TV by swear) Comforter (Sto molto bene - Boris (white) by Warcry4) Classic Mug (A cazzo di cane - Boris by Madalpaca92) Laptop Sleeve (È stato... | Boris by ijijojajo) Mask (F4 BASITO | Serie Tv Italiana Boris by ChiaraKali)

WebmasterCookie policyPrivacy policy

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top