This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

News 2020

Boris - The metaseries that tells the Italy of yesterday and today

| derZweifel.com

derZweifel.com - Article - Boris - The metaseries that tells the Italy of yesterday and today - Page 01 derZweifel.com - Article - Boris - The metaseries that tells the Italy of yesterday and today - Page 02 derZweifel.com - Article - Boris - The metaseries that tells the Italy of yesterday and today - Page 03 derZweifel.com - Article - Boris - The metaseries that tells the Italy of yesterday and today - Page 04

Plus icon Show all screenshots [06]

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

Serie

Boris - La metaserie che racconta l'Italia di ieri e di oggi

By Ettore Arcangeli - 🗨 0

Ogni tanto per fortuna ricompare, potendo permettere ai fan di rinfrescarne ed approfondirne la conoscenza e agli ignari di scoprirne l'esistenza. Sto parlando di uno dei prodotti di punta della televisione italiana, scritto da Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo e andato in onda per la prima volta sui canali FOX. Esatto, sto parlando proprio di Boris.


Boris è la metaserie per eccellenza. In tre stagioni segue le vicende di una troupe impegnata nelle riprese di una fiction per la televisione italiana, con tutte le necessità e le accortezze del caso. Con un cast più che frizzante, la serie è diventata anno dopo anno un cult entrando di diritto nella cultura pop del nostro paese.


René Ferretti, interpretato da Francesco Pannofino, è il regista de Gli Occhi del Cuore, una fiction televisiva di bassa lega. Lui non gira se non è accompagnato dal suo pesciolino rosso portafortuna Boris, l'unico a dargli un po' di speranza in un set popolato di attori cani, raccomandati politici, allergici al lavoro e spacciatori.


La prima stagione si apre con l'arrivo sul set di Alessandro (Alessandro Tiberi), uno stagista che si trova a dover fare i conti con il variegato e disillusorio ecosistema del set. L'assistente alla regia Arianna Dell'Arti, interpretata da Caterina Guzzanti, è incaricata di guidare e istruire Alessandro al lavoro nel set, che si dimostra da subito complicato. Gli attori protagonisti della serie, Stanis La Rochelle e Corinna Negri, interpretati da Pietro Sermonti e Carolina Crescentini, sono per lo più ingestibili: mediocri se non totalmente incapaci, sono pieni di sé. Stanis si crede un attore di primo livello per gli studi fatti, mentre Corinna è sul set perché raccomandata, dal misterioso quanto potente Dottor Cane.


Mentre gli attori sono convinti della qualità del loro lavoro, René è pienamente consapevole dell'infima bassezza del prodotto che gli viene richiesto. Svuotato dalla passione vuole solo portare le scene a casa, e così la fotografia di Duccio Patané (Ninni Bruschetta) va bene anche se smarmellata e fatta un tanto al chilo. L'importante è che le puntate siano gradite dal pubblico e, soprattutto, dalla politica. È Diego Lopez (Antonio Catania), l'emissario di rete, a controllare che il lavoro della troupe si svolga secondo le indicazioni che vengono sia dal mercato televisivo e pubblicitario sia dalla classe politica che ha le sue mani sul controllo della rete.



Alessandro Tiberi e Corrado Guzzanti in un episodio della serie



Nella seconda stagione, nonostante un cambio nel cast de Gli Occhi del Cuore, le cose non sembrano migliorare per Ferretti che rischia di essere fatto fuori. La rete infatti gli affida le sceneggiature di Machiavelli, un ormai antico progetto che solitamente segna la fine della carriera dei registi a cui è affidato.


La grande novità arriva nella terza stagione, quando a René Ferretti viene offerta la possibilità di guidare un nuovo e ambizioso progetto: Medical Dimension. Questa non sarà la solita fiction italiana, ma una serie medical sullo stile delle grandi storie americane. Realtà e qualità sono le nuove parole d'ordine di un set pronto a fare la storia della televisione italiana.


Boris riesce a raccontare non solo i retroscena dei set televisivi della Capitale, ma anche vizi e difetti della società italiana, dando ai vari personaggi il proprio spazio espressivo.


Tra grasse risate e citazioni memorabili, Boris racconta dei giovani che hanno difficoltà a trovare un lavoro stabile, della tragica situazione della cultura italiana, delle ingerenze continue della politica in ogni settore della vita del nostro paese e della completa abdicazione della meritocrazia al servilismo e al clientelismo. Dietro la risata questa metaserie dipinge un paese a tinte fosche, un luogo dove la gente fa finta di non vedere il baratro verso il quale si sta dirigendo.


E aveva veramente ragione. L'Italia era, è continuata ad essere, ed è tutt'oggi, “un paese di musichette mentre fuori c'è la morte.

Series

Boris - The metaseries that tells the Italy of yesterday and today

By Ettore Arcangeli - 🗨 0

Luckily it reappears occasionally, allowing fans to refresh and deepen the knowledge and the unawares to discover its existence. I'm talking about one of the leading products of Italian television, written by Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre and Luca Vendruscolo and first aired on the FOX channels. That's right, I'm just talking about Boris.


Boris is the metaseries par excellence. In three seasons it tells the events of a troupe busy in the shootings of a drama for the Italian television, with all the necessary needs and precautions. With a cast more than sparkling, the series has become a cult year after year entering by right the Italian pop culture.


René Ferretti, played by Francesco Pannofino, is the director of Gli Occhi del Cuore (The eyes of the heart), a poor quality television drama. He doesn't shoot unless he'accompanied by his lucky goldfish Boris, the only one to give him some hope in a set populated with dog actors, recommended ones by politicians, workers allergic to work and drug dealers.


The first season starts with the arrival on the set of Alessandro (Alessandro Tiberi), an intern who finds himself having to deal with the variegated and disillusioning ecosystem of the set. The first assistant director Arianna Dell'Arti, played by Caterina Guzzanti, is in charge of driving and instructing Alessandro at work on the set, which it immediately proves to be complicated. The protagonists of the drama, Stanis La Rochelle and Corinna Negri, played by Pietro Sermonti and Carolina Crescentini, are mostly unmanageable: mediocre if not totally incapable, they're full of themselves. Stanis believes to be a top-level actor because of his studies, while Corinna is on the set because she's recommended, by the mysterious as powerful President Cane.


While the actors are convinced of the quality of their work, René is fully aware of the insignificant baseness of the product he's asked for. Drained of passion he just wants to take the scenes home, and so the photograph of Duccio Patané (Ninni Bruschetta) is okay even if opened all and approximate. The important thing is that the episodes are appreciated by the public and, above all, by politics. Diego Lopez (Antonio Catania), the network's delegate, checks that the work of the troupe is carried out according to the indications that come both from the television and advertising market and from the political class that controls the network.



Alessandro Tiberi and Corrado Guzzanti in an episode of the series



In the second season, despite a change in the cast of Gli Occhi del Cuore (The eyes of the heart), the things don't seem to improve for Ferretti who risks being thrown out. The network in fact entrustes him with the scripts of Machiavelli, a by now ancient project that usually marks the end of the career of the directors to whom is entrusted.


The big news comes in the third season, when René Ferretti is offered the opportunity to lead a new and ambitious project: Medical Dimension. This will not be the usual Italian drama, but a medical series with the style of the great American stories. Reality and quality are the new keywords of a set ready to make the history of Italian television.


Boris manages to tell not only the behind the scenes of the Rome's television sets, but also the vices and defects of Italian society, giving the various characters their own expressive space.


Between big laughters and memorable quotes, Boris tells of young people who have difficulty in finding a stable job, of the tragic situation of Italian culture, of the continuous interferences of politics in every vital sector of Italy and of the complete abdication of meritocracy to the servility and clientelism. Behind the laughter this metaseries paints a country in dark colors, a place where people pretend not to see the chasm they're heading towards.


And it was really right. Italy was, has continued to be, and still is, “a country of jingles while outside there is the death.

List of the news 2020

Boris 4 | The news about the developments of the fourth season of Boris

Last articles of blog

Last news

Merchandising | Buy DVD and gadgets about Boris

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) iPhone Tough Case (Smarmella! by Duperdu) Throw Pillow (Boris TV by swear) Comforter (Sto molto bene - Boris (white) by Warcry4) Classic Mug (A cazzo di cane - Boris by Madalpaca92) Laptop Sleeve (È stato... | Boris by ijijojajo) Mask (F4 BASITO | Serie Tv Italiana Boris by ChiaraKali)

WebmasterCookie policyPrivacy policy

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top