This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

Boris on Netflix
  • Italy flag
  • United Kingdom flag

News 2019

Michele Modafferi: «Boris has been a bet»

| VivereGiovani.it

VivereGiovani.it - Article - Michele Modafferi: «Boris has been a bet» - Page 01 VivereGiovani.it - Article - Michele Modafferi: «Boris has been a bet» - Page 02 VivereGiovani.it - Article - Michele Modafferi: «Boris has been a bet» - Page 03 VivereGiovani.it - Article - Michele Modafferi: «Boris has been a bet» - Page 04

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

Il personaggio

Michele Modafferi: «Boris è stata una scommessa»

- di Tiziana Tavella

Lo scenografo ennese, premiato all'ultimo Ischia Film Festival per la migliore scenografia del film "Il bene mio" di Pippo Mezzapesa prodotto da Altre storie, ha svoltato lavorando con Giacomo Ciarrapico alla serie (e al film) cult con Francesco Pannofino


Dopo aver lavorato a "Boris" non si è più fermato lo scenografo ennese, ed oggi è tanto apprezzato che insegna alla Fonderia delle arti di Roma, ha creato un suo laboratorio di oggetti di scena, ed lo ha cercato persino Laura Pausini per i suoi videoclip



Una creatività ed una sensibilità artistica a tutto tondo quella dello scenografo ennese Michele Modafferi recentemente premiato all'Ischia Film Festival 2019 per la migliore scenografia nel film Il bene mio di Pippo Mezzapesa, prodotto da Altre storie. Il film, girato ad Apice e Gravina, tra la Puglia e la Campania, è uscito nelle sale cinematografiche lo scorso anno e racconta la storia di Elia, interpretato da Sergio Rubini, abitante superstite di Provvidenza, un paese fantasma distrutto dal terremoto da cui tutti sono scappati per trasferirsi altrove. Le atmosfere del paesino immaginario, curate scenograficamente da Michele Modafferi, accompagnano lo spettatore a comprendere i sentimenti nobili di Elia, un uomo coraggioso e testardo, convinto di poter ancora salvare la memoria storica del suo paese, nella speranza di vederlo un giorno rinascere.


Michele Modafferi, 45enne ennese, insegna anche scenografia alla Fonderia delle arti di Roma ed ha creato un suo laboratorio di oggetti di scena. All'interno di Props, questo il nome del suo laboratorio, sono stati creati oggetti usati anche, per fare qualche esempio, sui set dei film di George Clooney e di Cristopher Nolan. Michele nella sua Enna, ad inizio carriera, dopo l'Accademia delle Belle Arti di Catania ha dato un impronta indelebile ad alcuni locali diventati unici e particolarmente attraenti, proprio per gli allestimenti a tema da lui curati.



Una scena del film "Il bene mio" di Pippo Mezzapesa


A 21 anni arriva, inaspettato, il primo incontro con il cinema: «A Ragusa si stava girando un film con Michele Placido per la regia di Fabio Conversi, Tra due mondi - racconta -. Lì ho fatto la mia prima esperienza su un set cinematografico come decoratore e scultore di scena. È stata una esperienza che mi è rimasta dentro e che ha contagiato quello che ho fatto dopo, anche nei locali che ho curato, dove creavo vere e proprie ambientazioni scenografiche con sculture in polistirolo».

A 26 anni una chiacchierata fra amici segna la scelta che gli cambia la vita. «Sono partito per Roma un po' all'avventura. Avevo davanti due strade: quella di assistente scenografo e quella di lavorare nei laboratori di scenografia per imparare il mestiere. Ho scelto la seconda, e dopo un periodo di gavetta e sacrifici si è presentata l'occasione di lavorare con Giacomo Ciarrapico».

Da quel momento lavora per il teatro a due spettacoli L'ufficio e Tutto a posto, ma la svolta arriva proprio con Ciarrapico, sceneggiatore di Boris che lo vuole come scenografo di uno dei cult della TV italiana. «La prima stagione di Boris, è stata vissuta da tutti come una scommessa. Nessuno sapeva se ci sarebbe stata o meno continuità e se sarebbe piaciuta al pubblico. Boris è invece diventato un cult. Ho lavorato con loro per le tre serie ed anche per il film. Mi è anche capitato di finire catapultato, senza rendermene conto, in una scena poi inclusa nel montaggio. È stata certamente un'esperienza importante che ha dato notorietà un po' tutti quelli che vi hanno lavorato».



Una scena dal film "Boris"


Da quel momento in poi Michele Modafferi ha lavorato sul set di Ti Stramo di Gianluca Sodaro, Honeymoon di Leigh Janiak, Mary Magdalene di Garth Davis, ed è stato l'arredatore di scena per La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi. Sue le scenografie dei gli ultimi tre video di Laura Pausini: Non è detto girato a Maratea, Frasi a metà e In questa nostra casa nuova. Quello con i video clip è un rapporto iniziato anni fa in grande stile, con artisti come Antonello Venditti e Roy Paci per Yettaboom.

tiziana.tavella1@gmail.com


Copyright LaSicilia.it © Riproduzione riservata

The character

Michele Modafferi: «Boris has been a bet»

- by Tiziana Tavella

The set designer from Enna, awarded at the last Ischia Film Festival for the best scenography of the movie "Il bene mio" (My good) by Pippo Mezzapesa produced by Altre storie, has turned working with Giacomo Ciarrapico to the cult series (and to the movie) with Francesco Pannofino


After having worked at "Boris" the set designer from Enna has never stopped, and today he's so much appreciated that he teaches at Fonderia delle arti in Rome, he has created a his own laboratory of props, and even Laura Pausini sought him out for her videoclips



A creativity and an all-round artistic sensibility the one of the set designer Michele Modafferi from Enna recently awarded at Ischia Film Festival 2019 for the best scenography in the movie Il bene mio (My good) by Pippo Mezzapesa, produced by Altre storie. The movie, shoot in Apice and Gravina, between Puglia and Campania, was released in cinemas last year and tells the story of Elia, played by Sergio Rubini, surviving inhabitant of Provvidenza, a ghost town destroyed by the earthquake from which everyone has fled to move elsewhere. The atmosphere of the imaginary village, scenographically edited by Michele Modafferi, accompany the viewer to understand the noble feelings of Elia, a brave and stubborn man, convinced that he could still save the historical memory of his country, hoping to see it reborn one day.


Michele Modafferi, 45 years old from Enna, also teaches set design at Fonderia delle arti in Rome and has created his own props laboratory. Inside Props, this is the name of his laboratory, have been created objects also used, to give some examples, on the movies sets of George Clooney and of Cristopher Nolan. Michele in his Enna, at the beginning of his career, after the Accademia delle Belle Arti di Catania (Academy of Fine Arts of Catania) has given an indelible mark to some places that have become unique and particularly attractive, just for the themed outfits he cared for.



A scene from the movie "Il bene mio" (My good) by Pippo Mezzapesa


At 21 years old arrives, unexpected, the first encounter with the cinema: «In Ragusa it was shooting a movie with Michele Placido directed by Fabio Conversi, Tra due mondi (Between two worlds) - he tells -. There I have done my first experience on a cinematographic set as a set decorator and sculptor. It has been an experience that has remained inside me and that has affected what I have done next, even in the places I have handled, where I created real scenographic settings with polystyrene sculptures».

At 26 years old a talk with friends marks the choice that changes his life. «I left for Rome a bit on an adventure. I had two roads in front of me: the first as assistant set designer and the second of working in the scenography labs to learn the job. I have chosen the latter, and after a period of training and sacrifices it was presented the opportunity to work with Giacomo Ciarrapico».

From that moment he works for the theater at two shows L'ufficio (The office) and Tutto a posto (It's all OK), but the turning point just comes with Ciarrapico, screenwriter of Boris who wants him as a set designer for one of the Italian TV cult series. «The first season of Boris, has been experienced by everyone as a bet. No one knew if there would have been continuity and whether the public would like it. Boris instead has become a cult. I have worked with them for the three series and also for the movie. I has also happened to me to be thrown, without realizing it, in a scene then included in the editing. It has certainly been an important experience that has given a little notoriety to all those who have worked there».



A scene from the movie "Boris"


Since then Michele Modafferi has worked on the set of Ti Stramo (I love you) by Gianluca Sodaro, Honeymoon by Leigh Janiak, Mary Magdalene by Garth Davis, and he has been the stage decorator for La paranza dei bambini (Piranhas) by Claudio Giovannesi. He has made the set designs of the last three videoclips of Laura Pausini: Non è detto (It's not for sure) shot in Maratea, Frasi a metà (Half sentences) and In questa nostra casa nuova (In our new home). The one with video clips is a relationship started years ago in great style, with artists as Antonello Venditti and Roy Paci for Yettaboom.

tiziana.tavella1@gmail.com


Copyright LaSicilia.it © All rights reserved

List of the news 2019

Social

Webmaster: Salvatore Blanca

Merchandising | Find out all you can buy about the series Boris and of Boris The movie

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) Boris The movie (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris The movie - Elio e le storie tese Boris The movie - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top