This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

  • Italy flag
  • United Kingdom flag

News 2019

Boris, 10 years old and not feeling them

| MondoFox.it

MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 01 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 02 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 03 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 04 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 05 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 06 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 07 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 08 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 09 MondoFox.it - Article - Boris, 10 years old and not feeling them - Page 10

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

TV News Fox Boris

Boris, 10 anni e non sentirli

di Vincenzo Recupero - | aggiornato



A pochi giorni dalla scomparsa di Mattia Torre, uno dei tre autori di Boris, riparliamo della prima “fuoriserie italiana” e del perché, ancora oggi, è tanto amata dal pubblico.



Sono passati più di dieci anni dall'esordio di Boris, la serie comedy prodotta da Fox Italia tra il e il . Nonostante abbia già due lustri sulle spalle, la serie di Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo ha ancora un invidiabile codazzo di affezionati fan che non smettono di ripeterne le battute e, all'occorrenza, condividono qua e là sui social meme e gif con René che sbrocca, Duccio che smarmella e gli sceneggiatori che, non sapendo cosa diavolo scrivere, improvvisano premendo F4 all'impazzata.


F4: basito



I motivi che hanno reso Boris un vero e proprio cult della serializzazione all'italiana sono tanti, primo fra tutti il fatto che abbia rappresentato un'oasi solitaria nello sconfinato deserto della sitcom made in Italy. Perché se è vero che negli ultimi anni produciamo drama che vengono esportati anche all'estero con buon successo (vedi Gomorra, The Young Pope e l'incredibile successo de L'amica geniale), è anche vero che qui da noi la risata seriale di qualità latita, eccome.


A dare freschezza ed un quantitativo enorme di spunti narrativi è l'idea alla base di Boris, e cioè raccontare - parodiandolo - il dietro le quinte di quello che è stato, praticamente fino all'altro ieri, l'unico tipo di produzione seriale della televisione italiana: quell'entità polverosa nota come “fiction”. Boris ha trovato il suo bersaglio perfetto ne Gli occhi del cuore 2, la fittizia serie scritta da un trio di sceneggiatori incapaci e con protagonisti due “cani” come Stanis La Rochelle (Pietro Sermonti) e Corinna (Carolina Crescentini). Un modo di ridere della italian way di fare televisione generalista che cela, non troppo velatamente, una satira della nostra società. In alcuni degli esasperati personaggi di Boris, mestieranti inadeguati e gretti che fanno del pressappochismo il loro mantra lavorativo, è impossibile non vedere un'eco 2.0 di quel capolavoro de I mostri di Dino Risi.



Boris smitizza il meccanismo produttivo delle fiction e lo fa con un approccio molto moderno al medium televisivo riutilizzando espedienti che proprio nei primi anni , da Arrested Development in avanti, diventano consuetudine nelle sitcom d'oltreoceano come le cosiddette cutaway gag, degli inserti di montaggio che interrompono la narrazione (è il caso, ad esempio, dei siparietti conivolgenti i tre sceneggiatori), o l'esasperazione degli atteggiamenti di personaggi monomaniacali e fissati che vengono spinti in territorio non-sense. Proprio grazie alla sua galleria di personaggi Boris vince a mani basse ricorrendo a comprimari come il comico Martellone (Massimiliano Bruno), parodia di quelle macchiette nostrane che diventano famose grazie un tormentone - che nel caso di Martellone equivale ad urlare “bucio de culo” in qualsiasi contesto - o lo straordinario Mariano Giusti (interpretato da Corrado Guzzanti), il bizzoso attore che, dopo una crisi mistica, ambisce ad interpretare tale padre Frediani in un biopic.


Naturalmente tra i segreti del successo della serie c'è anche il suo indiscusso MVP: René Ferretti, interpretato da un monumentale Francesco Pannofino, il regista de Gli occhi del cuore 2 che ha ormai abbandonato ogni velleità di fare cinema di qualità, soccombendo alle dozzinali esigenze del network che gli paga lo stipendio. Accanto a lui Duccio (Ninni Bruschetta), Biascica (Paolo Calabresi), Arianna (Caterina Guzzanti), Lopez (Antonio Catania), tutti caratteristi fantastici.


"Viva la merda!"



Per tutti questi motivi Boris resta ancora oggi un prodotto attualissimo in grado di regalarci personaggi e situazioni memorabili e, soprattutto, tantissime risate. Boris è la conferma che, affidandosi a gente che ha idee nuove - come lo è stato il trio Ciarrapico, Torre e Vendruscolo - è possibile realizzare una sitcom moderna e originale, di quelle che creano un'affezione smisurata nel pubblico. Dieci anni dopo stiamo ancora aspettando qualcuno che raccolga il suo testimone.


Oh, ma alla fine chi è che aveva sparato al conte?

TV News Fox Boris

Boris, 10 years old and not feeling them

by Vincenzo Recupero - | updated on



A few days after the death of Mattia Torre, one of the three authors of Boris, we talk again about the first “Italian off-series” and why, even today, it's so loved by the public.



More than ten years have passed since the debut of Boris, the comedy series produced by Fox Italy between the and the . Despite already having two lustra on the shoulders, the series by Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre and Luca Vendruscolo has still an enviable following of loyal fans who never stop repeating the lines and, if necessary, share here and there on the social networks memes and gifs with René who freaks out, Duccio who opens all the light and the screenwriters who, not knowing what the hell to write, improvise by pressing F4 madly.


F4: basito (astonished)



The reasons that have made Boris a true cult of Italian serialization are many, first of all the fact that it has represented a solitary oasis in the boundless desert of the sitcom made in Italy. Because if it's true that in recent years we produce dramas that are also exported abroad with good success (as Gomorrah, The Young Pope and the incredible success of L'amica geniale (My Brilliant Friend)), it's also true that here the serial laugh of quality misses, and how.


To give freshness and an enormous quantity of narrative cues is the idea behind Boris, and that is telling - making a parody - the behind the scenes of what it has been, practically until the day before yesterday, the only type of serial production of the Italian television: that dusty entity known as “fiction” (drama). Boris has found its perfect target in The eyes of the heart 2, the fictitious series written by a trio of incapable scriptwriters and with protagonists two “dogs” as Stanis La Rochelle (Pietro Sermonti) and Corinna (Carolina Crescentini). A way to laugh at the Italian way of making generalist television that hides, not too subtly, a satire of our society. In some of the exasperated characters of Boris, inadequate and small-minded craftsmen who make carelessness their working mantra, it's impossible not to see an echo 2.0 of that masterpiece of I mostri (Opiate '67) by Dino Risi.



Boris debunks the productive mechanism of the dramas and makes it so with a very modern approach to the television medium reusing expedients that in the early , from Arrested Development forward, become custom in overseas sitcoms such as the so-called cutaway gags, of the mounting inserts that interrupt the narration (is the case, for example, of the sketches involving the three screenwriters), or the exasperation of the attitudes of monomaniacal and fixed characters who are pushed into non-sense territory. Thanks to its gallery of characters Boris wins easily using supporting actors like the comedian Martellone (Massimiliano Bruno), parody of those Italian comedians that become famous thanks to a catchphrase - which in the case of Martellone is equivalent to scream “bucio de culo” (Fucking lucky) in any context - or the extraordinary Mariano Giusti (interpreted by Corrado Guzzanti), the bizarre actor who, after a mystical crisis, aims to interpret Father Frediani in a biopic.


Of course among the secrets of the success of the series there is also its undisputed MVP: René Ferretti, interpreted by a monumental Francesco Pannofino, the director of The eyes of the heart 2 who has now abandoned any desire to make quality cinema, succumbing to the cheap demands of the network that pays his salary. Near him Duccio (Ninni Bruschetta), Biascica (Paolo Calabresi), Arianna (Caterina Guzzanti), Lopez (Antonio Catania), all fantastic character actors.


"Hurrah for the shit!"



For all these reasons Boris is still today a very current product able to give us memorable characters and situations and, above all, lots of laughters. Boris is the confirmation that, relying on people who have new ideas - as it has been the trio Ciarrapico, Torre and Vendruscolo - is possible to create a modern and original sitcom, of those that create a boundless affection in the public. Ten years later we are still waiting for someone to collect its baton.


Oh, but who finally has shot the count?

List of the news 2019

Fun

Merchandising | Buy DVD and gadgets about Boris

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) Boris The movie (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris The movie - Elio e le storie tese Boris The movie - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

Webmaster: Salvatore Blanca

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top