. .

  • Bandiera dell'Italia
  • Bandiera del Regno Unito

News 2018

Ultimo aggiornamento:

Boris - Il film (2011)

| Bollalmanacco.blogspot.com

Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 01 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 02 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 03 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 04 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 05 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 06 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 07 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 08 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 09 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 10 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 11 Bollalmanacco.blogspot.com - Articolo - Boris - Il film (2011) - Pagina 12

Bandiera dell'Italia Bandiera del Regno Unito Mostra/nascondi la trascrizione e la traduzione.

mercoledì

Boris - Il film ()

Dopo mesi di attesa sono riuscita finalmente a guardare Boris - Il film, diretto e sceneggiato nel dai registi Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo.



Trama: dopo essersene andato dal set della fiction Il giovane Ratzinger, al regista René Ferretti viene proposto di dirigere lo "scomodo" film La casta. Il povero René inizialmente spera di poter lavorare con dei professionisti ma alla fine si ritrova ad aver a che fare con la solita, sgangherata troupe che già aveva regalato al mondo Gli occhi del cuore...



Oggi ho voglia di venire lapidata sulla pubblica piazza, via. Faccio ammenda e confesso che di Boris avrò visto sì e no qualche puntata sparsa in TV, il resto della mia scarsa conoscenza in materia deriva dai meme di Facebook (soprattutto dalla pagina Ferretti cammina con me, geniale a livelli inauditi) e da qualche video visto sempre sul demoniaco social. Mi sono chiesta se avesse senso guardare Boris - Il film con così tanta ignoranza pregressa ma obiettivamente il tempo di recuperare tre stagioni di una serie senza lasciar passare più o meno lo stesso numero di anni non ce l'ho ed avevo una voglia impellente di vedere René e soci in azione, così ho mandato al diavolo la prudenza e guardato lo stesso il film assieme al Bolluomo che si è fatto probabilmente due marroni tanti. A scanso di equivoci, consiglio quindi ai lettori che non avessero mai guardato Boris - La serie di non fare il mio stesso errore perché così il film, a mio avviso, perde un buon 70% di valore, tra riferimenti perduti, chicche che solo i cultori della serie possono apprezzare e personaggi amatissimi che vengono mostrati sotto una luce un po' diversa. Già solo l'idea che la troupe de Gli occhi del cuore possa mettersi a lavorare a un film serissimo come "La casta" dovrebbe causare l'ilarità pregressa del pubblico abituato, mentre io al massimo ho potuto sorridere non conoscendo nello specifico tutti i vezzi e i vizi dei personaggi coinvolti. Quello che rimane (e non è poco, ma val solo metà film) allo spettatore ignorante come la sottoscritta è una feroce critica di tutto ciò che sottende al mondo del Cinema e di quello che sta dietro alle quinte, partendo dalla produzione per arrivare al pubblico bue italico che alla fine apprezza sempre e solo le solite due o tre storie trite e ritrite e i tormentoni (il "comico" Martellone è la triste esemplificazione dei fenomeni da baraccone di Colorado e dell'ultimo Zelig oltre che dell'umorismo becerissimo dei cinepanettoni), senza andare più in là del suo naso. Ovviamente, ce n'è anche per i cosiddetti intellettuali o artisti, ci mancherebbe: nel corso di Boris - Il film vengono presi di mira non solo attorucoli e produttori compiacenti, ma anche e soprattutto professionisti che sono troppo "aulici" per seguire i tempi di produzione o abbassarsi a lavorare con dei dilettanti, registi che si sono fatti la fama di essere dei geni e che quindi si permettono di abbandonare progetti senza troppi problemi, attrici che fuori dal set sono dei casi umani da primato.



Ammetto che questo aspetto di Boris - Il film è ciò che ho apprezzato di più della pellicola, assieme ad alcune ironiche scelte di regia e montaggio atte a prendere ulteriormente in giro l'ambiente, e mi sono parecchio divertita (oddio, anche un po' angosciata) a vedere il sogno di René andare progressivamente in frantumi, partire come un'opera seria e raffinata per arrivare al vuoto pneumatico più totale non tanto per l'incompetenza dei coinvolti quanto proprio per problemi economici e produttivi, tra contratti non firmati e ingerenze di "gente che conta" al punto da ritrovarsi sul set la Cagna Maledetta per eccellenza. Poi, ovvio, anche chi come me non conosce a menadito Boris - La serie può apprezzare l'assurdità di moltissimi personaggi coinvolti; soprattutto, chi ha amato la trilogia di Smetto quando voglio potrà ritrovare almeno tre dei suoi beniamini, impegnati in caratteri surreali come lo sceneggiatore paraculo, il grezzissimo e romanaccio Augusto Biascica e l'attore Stanis La Rochelle, con le sue velleità artistiche e la passione per la caricatura di Gianfranco Fini. Ma è solo la punta dell'iceberg di un bestiario che fa capo ovviamente al povero, vessato e incazzoso René Ferretti, regista frustrato nelle sue ambizioni innanzitutto da una buona dose di sfiga cosmica e dalla terribile combo Sergio/Lopez, rispettivamente direttore di produzione e direttore di rete incompetenti e cialtroni ma purtroppo molto, molto esigenti e dotati di "potere". Guardando Boris - Il film non ho riso quanto mi sarei aspettata per i motivi di cui sopra, è vero, ma sono comunque arrivata ad affezionarmi a tutti i coinvolti, attori e registi in primis, e se c'è una cosa positiva del post-visione è stata sicuramente la ferma decisione di recuperare interamente la serie, a prescindere da quanto tempo ci vorrà. Anche perché al diavolo La casta e gli inciuci dei potenti: a me interessa sapere cosa succede ne Gli occhi del cuore!!



Di Valerio Aprea (Screenwriter 1), Paolo Calabresi (Augusto Biascica) e Pietro Sermonti (Stanis La Rochelle) ho parlato ai rispettivi link.


Giacomo Ciarrapico è il regista e co-sceneggiatore del film. Nato a Roma, ha diretto film come Ogni maledetto Natale ed episodi della serie Boris. Anche attore, ha 47 anni.

Mattia Torre è il regista e co-sceneggiatore del film. Nato a Roma, ha diretto film come Ogni maledetto Natale ed episodi della serie Boris. Anche attore, ha 46 anni.

Luca Vendruscolo è il regista e co-sceneggiatore del film. Nato a Udine, ha diretto film come Piovono mucche, Ogni maledetto Natale ed episodi della serie Boris. Anche attore, ha 52 anni.



Antonino "Ninni" Bruschetta interpreta Duccio Patané. Nato a Messina, ha partecipato a film come I cento passi, To Rome with Love, La mafia uccide solo d'estate e a serie quali Boris, Don Matteo, Distretto di polizia e Camera Café. Anche sceneggiatore, regista e produttore, ha 56 anni e un film in uscita.



Antonio Catania interpreta Diego Lopez. Nato ad Acireale, ha partecipato a film come Mediterraneo, Puerto Escondido, Nirvana, Asini, Pane e tulipani, Chiedimi se sono felice, La leggenda di Al, John e Jack e a serie quali Boris. Ha 66 anni e quattro film in uscita.



Caterina Guzzanti interpreta Arianna Dell'Arti. Nata a Roma, ha partecipato a film come Fascisti su Marte, Nessuno mi può giudicare, Ogni maledetto Natale e a serie quali Boris. Ha 42 anni e un film in uscita.



Francesco Pannofino interpreta René Ferretti. Nato a Pieve di Teco, ha partecipato a film come Così è la vita, Ogni maledetto Natale e a serie quali Carabinieri, Distretto di polizia, Provaci ancora Prof!, Boris, Camera Café, Nero Wolfe e I Cesaroni. Apprezzato soprattutto come doppiatore, ha 60 anni.



Claudio Gioè interpreta Francesco Campo. Nato a Palermo, ha partecipato a film come I cento passi, La meglio gioventù, La mafia uccide solo d'estate e a serie quali Il tredicesimo apostolo - Il prescelto, Il tredicesimo apostolo - La rivelazione, La mafia uccide solo d'estate e La mafia uccide solo d'estate 2. Ha 43 anni.



Tra le mille guest star che sicuramente non ho riconosciuto spicca il compositore Nicola Piovani nei panni di sé stesso. Detto questo, ovviamente, se il film vi fosse piaciuto recuperate le tre serie di Boris cosa che, spero, farò anch'io. ENJOY!

Wednesday

Boris - The movie ()

After months of waiting I was finally able to watch Boris - The movie, directed and scripted in by the directors Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre and Luca Vendruscolo.



Plot: after leaving the set of the drama Il giovane Ratzinger (The young Ratzinger), the director René Ferretti is proposed to direct the "thorny" movie La casta (The Caste). The poor René initially hopes to work with professionals but in the end he finds himself dealing with the usual, ramshackle troupe that had already given to the world The eyes of the heart...



Today I want to be stoned on the public square, come on. I make amends and I confess that of Boris I will have seen maybe some scattered episode on TV, the rest of my lack of knowledge on the subject derives from the memes of Facebook (especially from the page Ferretti cammina con me (Ferretti walks with me), brilliant to unprecedented levels) and from some video always seen on the demonic social network. I wondered if it made sense to watch Boris - The movie with so much previous ignorance but objectively the time to retrieve three seasons of a series without letting go more or less the same number of years I don't have it and I had an urgent desire to watch René and companions in action, so I have sent to hell with prudence and watched equally the movie together with my boyfriend who probably got bored. For the avoidance of doubts, I therefore advise readers that I have never watched Boris - The series not to make my own mistake because then the movie in my opinion, it loses a good 70% of value, among lost references, goodies that only the lovers of the series can appreciate and beloved characters that are shown in a slightly different light. Already just the idea that the crew of Gli occhi del cuore (The eyes of the heart) can get to work in a very serious movie as "La casta" (The Caste) should cause the previous laughter of the accustomed public, while at the most I could smile not knowing specifically all the habits and vices of the characters involved. What remains (and it's not a little, but only half the movie is worth) to the ignorant spectator as the undersigned is a fierce criticism of all that underlies the world of Cinema and what is behind the scenes, starting from the production to get to the Italian ox public that at the end always appreciates only the usual two or three trite stories and the catchphrases (the "comedian" Martellone is the sad example of the freaks show of Colorado and of the last Zelig as well as the very boorish humorism of Christmas comedies), without going beyond his nose. Obviously, it also criticizes the so-called intellectuals or artists, clearly: during Boris - The movie are mocked not only bad actors and complaisant producers, but also and above all professionals who are too much "refined" to follow production times or to lower to work with some beginners, directors who have made the reputation of being geniuses and who therefore allow themselves to abandon projects without too many problems, actresses who out of the set are record human cases.



I admit that this aspect of Boris - The movie is what I have enjoyed most of the film, along with some ironic choices of direction and editing designed to further tease the environment, and I had a lot of fun (in truth, even a little distressed) watching the dream of René go progressively shattered, starting as a serious and refined work to get to the most complete pneumatic vacuum not so much for the incompetence of the involved ones as just for economic and productive problems, between unsigned contracts and interferences from "powerful people" to the point of having on the set the Damned Bitch for excellence. Then, of course, even those like me who don't know perfectly Boris - The series can appreciate the absurdity of very many people involved; above all, who has loved the trilogy of Smetto quando voglio (I Can Quit Whenever I Want) will be able to find at least three of his favorite characters, engaged in surreal characters such as the pander screenwriter, the very coarse and Roman Augusto Biascica and the actor Stanis La Rochelle, with his artistic ambitions and his passion for the parody of Gianfranco Fini. But it's only the tip of the iceberg of a bestiary that obviously refers to the poor, oppressed and angry René Ferretti, director frustrated in his ambitions first of all by a good dose of cosmic bad luck and by the terrible combo Sergio/Lopez, respectively production manager and network director incompetent and scoundrels but unfortunately very, very demanding and equipped with "power". Watching Boris - The movie I did not laugh as I would have expected for the reasons mentioned above, it's true, but I still got to be fond of everyone involved, actors and directors first of all, and if there is a positive thing of the post-vision it has been definitely the firm decision to fully retrieve the series, regardless of how long it will take. Also because to the hell La casta (The caste) and the secret affairs of the powerful men: I'm interested in knowing what happens in Gli occhi del cuore (The eyes of the heart)!!



I talked about Valerio Aprea (Sceneggiatore 1), Paolo Calabresi (Augusto Biascica) e Pietro Sermonti (Stanis La Rochelle) on their respective links.


Giacomo Ciarrapico is the director and co-screenwriter of the movie. Born in Rome, he has directed movies as Ogni maledetto Natale (Every damned Christmas) and episodes of the series Boris. Also actor, he's 47 years old.

Mattia Torre is the director and co-screenwriter of the movie. Born in Rome, he has directed movies as Ogni maledetto Natale (Every damned Christmas) and episodes of the series Boris. Also actor, he's 46 years old.

Luca Vendruscolo is the director and co-screenwriter of the movie. Born in Udine, he has directed movies as Piovono mucche (Raining cows), Ogni maledetto Natale (Every damned Christmas) and episodes of the series Boris. Also actor, he's 52 years old.



Antonino "Ninni" Bruschetta plays Duccio Patané. Born in Messina, he has participated in movies as I cento passi (One Hundred Steps), To Rome with Love, La mafia uccide solo d'estate (The Mafia Kills Only in Summer) and in series as Boris, Don Matteo (Father Matteo), Distretto di polizia (Police District) and Camera Café (Original format: Caméra Café). Also screenwriter, director and producer, he's 56 years old and an upcoming movie.



Antonio Catania plays Diego Lopez. Born in Acireale, he has participated in movies as Mediterraneo, Puerto Escondido, Nirvana, Asini (Donkeys), Pane e tulipani (Bread and Tulips), Chiedimi se sono felice (Ask me if I'm happy), La leggenda di Al, John e Jack (The legend of Al, John and Jack) and in series as Boris. He's 66 years old and four upcoming movies.



Caterina Guzzanti plays Arianna Dell'Arti. Born in Rome, she has participated in movies as Fascisti su Marte (Fascists on Mars), Nessuno mi può giudicare (Escort in Love), Ogni maledetto Natale (Every damned Christmas) and in series as Boris. She's 42 years old and an upcoming movie.



Francesco Pannofino plays René Ferretti. Born in Pieve di Teco, he has participated in movies as Così è la vita (That's life), Ogni maledetto Natale (Every damned Christmas) and in series as Carabinieri, Distretto di polizia (Police District), Provaci ancora Prof! (Try again Teacher!), Boris, Camera Café (Original format: Caméera Café), Nero Wolfe and I Cesaroni (Original format: Los Serrano). Appreciated primarily as voice actor, he's 60 years old.



Claudio Gioè plays Francesco Campo. Born in Palermo, he has participated in movies as I cento passi (One Hundred Steps), La meglio gioventù (The Best of Youth), La mafia uccide solo d'estate (The Mafia Kills Only in Summer) and in series as Il tredicesimo apostolo - Il prescelto (The thirteenth apostle - The chosen one), Il tredicesimo apostolo - La rivelazione (The thirteenth apostle - The revelation), La mafia uccide solo d'estate (The Mafia Kills Only in Summer) and La mafia uccide solo d'estate 2 (The Mafia Kills Only in Summer 2). He's 43 years old.



Among the thousand guest stars that I certainly haven't recognized stands out the composer Nicola Piovani in the role of himself. Said this, of course, if you liked the movie retrieve the three series of Boris thing that, I hope, I will do it too. ENJOY!

Elenco delle news 2018

News 2018 - Ecco quali sono le 5 migliori fiction italiane del XXI secolo

30/12/2018 | Popcorn Tv

Ecco quali sono le 5 migliori fiction italiane del XXI secolo
News 2018 - Nuovo Cinema Italia - Promo

01/12/2018 | Facebook - Rai 5

Nuovo Cinema Italia - Promo
News 2018 - Rai5: Nuovo cinema Italia

30/11/2018 | Rai Ufficio Stampa

Rai5: Nuovo cinema Italia
News 2018 - 10 citazioni di Boris da usare se vuoi sembrare intelligente

29/11/2018 | Hall of Series

10 citazioni di Boris da usare se vuoi sembrare intelligente
News 2018 - Considerazioni non poco italiane su Boris (e Scrubs)

24/11/2018 | Birdmen

Considerazioni non poco italiane su Boris (e Scrubs)
News 2018 - #ComMovember - Le 10 barbe italiane più famose

21/11/2018 | DrCommodore

#ComMovember - Le 10 barbe italiane più famose
News 2018 - Cosa ci ha insegnato veramente il metafisico finale di Boris

17/11/2018 | Hall of Series

Cosa ci ha insegnato veramente il metafisico finale di Boris
News 2018 - A lezione di sceneggiatura con Giacomo Ciarrapico

05/11/2018 | Cronache Ancona

A lezione di sceneggiatura con Giacomo Ciarrapico
News 2018 - Boris Il Film nella rassegna Female Touch 2018

25/10/2018 | Blue Desk

Boris Il Film nella rassegna Female Touch 2018
News 2018 - Da Boris al Bologna, la parabola di Arturo Calabresi

22/10/2018 | Guarda la Tv

Da Boris al Bologna, la parabola di Arturo Calabresi
News 2018 - Arturo Calabresi, da Boris al primo gol in Serie A: ecco chi è l'uomo partita di Bologna-Torino

21/10/2018 | Calcio News 24

Arturo Calabresi, da Boris al primo gol in Serie A: ecco chi è l'uomo partita di Bologna-Torino
News 2018 - Primo gol in Serie A per Arturo Calabresi: da Boris al Bologna

21/10/2018 | Fox Sports

Primo gol in Serie A per Arturo Calabresi: da Boris al Bologna
News 2018 - L'urgenza di una Rai sul modello Boris

19/10/2018 | Il Foglio

L'urgenza di una Rai sul modello Boris
News 2018 - Tre serie TV finite o cancellate che invece vorremmo tornassero

08/10/2018 | Quotidiano.net

Tre serie TV finite o cancellate che invece vorremmo tornassero
News 2018 - Boris aveva ragione

04/10/2018 | Tikkun

Boris aveva ragione
News 2018 - 'Boris', un fenomeno ancora vivo: il cast al Wired Next Fest 18

30/09/2018 | Repubblica Tv

'Boris', un fenomeno ancora vivo: il cast al Wired Next Fest 18
News 2018 - Arturo Calabresi: da Boris all'esordio in Serie A con il Bologna

23/09/2018 | Calcio Fanpage

Arturo Calabresi: da Boris all'esordio in Serie A con il Bologna
News 2018 - Il cast di Boris al Wired Next Fest 2018 Firenze

13/09/2018 | Facebook - Wired Italia

Il cast di Boris al Wired Next Fest 2018 Firenze
News 2018 - I relatori del Wired Next Fest 2018 di Firenze

12/09/2018 | Wired

I relatori del Wired Next Fest 2018 di Firenze
News 2018 - 20 serie tv comiche da vedere assolutamente!

02/09/2018 | Filmpost

20 serie tv comiche da vedere assolutamente!
News 2018 - Boris al Wired Next Fest 2018 Firenze

16/08/2018 | Facebook - Wired Italia

Boris al Wired Next Fest 2018 Firenze
News 2018 - Sigle serie tv. Il “Best of” de la chiamata al divano

15/08/2018 | Snap Italy

Sigle serie tv. Il “Best of” de la chiamata al divano
News 2018 - Boris: Tv Inception

20/07/2018 | CIMO

Boris: Tv Inception
News 2018 - Boris - Il film (2011)

04/07/2018 | Il Bollalmanacco di Cinema

Boris - Il film (2011)
News 2018 - Boris - Essere Stanis La Rochelle, ossia un genio

22/06/2018 | La settima arte

Boris - Essere Stanis La Rochelle, ossia un genio
News 2018 - Mattia Torre: da Boris a La Linea Verticale

18/06/2018 | FuoriSerieFest

Mattia Torre: da Boris a La Linea Verticale
News 2018 - Film Masterclass con Luca Vendruscolo

12/06/2018 | Facebook - SAE Institute Milano

Film Masterclass con Luca Vendruscolo
News 2018 - Boris: "Dopo 11 anni continuiamo a smarmellare"

27/05/2018 | Wired

Boris: "Dopo 11 anni continuiamo a smarmellare"
News 2018 - Da Paola Cortellesi alla reunion di «Boris»: ecco cosa seguire al Wired Next Fest 2018

18/05/2018 | Vanity Fair

Da Paola Cortellesi alla reunion di «Boris»: ecco cosa seguire al Wired Next Fest 2018
News 2018 - Aridatece Boris, il neorealismo e l'amarezza

18/05/2018 | Hall of Series

Aridatece Boris, il neorealismo e l'amarezza
News 2018 - Cosa seguire al Wired Next Fest 2018 se ti interessano il cinema e le serie tv

16/05/2018 | Wired

Cosa seguire al Wired Next Fest 2018 se ti interessano il cinema e le serie tv
News 2018 - Le dieci citazioni più iconiche di Boris

15/05/2018 | Hall of Series

Le dieci citazioni più iconiche di Boris
News 2018 - Boris al Wired Next Fest 2018 Milano

11/05/2018 | Facebook - Wired Italia

Boris al Wired Next Fest 2018 Milano
News 2018 - Boris: la fuoriserie italiana

10/05/2018 | La Testata

Boris: la fuoriserie italiana
News 2018 - Boris - Il film

08/05/2018 | Lumiére e i suoi fratelli

Boris - Il film
News 2018 - Perché ci scordiamo sempre di Boris?

06/05/2018 | Hall of Series

Perché ci scordiamo sempre di Boris?
News 2018 - Da Boris a La linea verticale: quando la serie italiana funziona e piace al pubblico

05/04/2018 | CiakClub

Da Boris a La linea verticale: quando la serie italiana funziona e piace al pubblico
News 2018 - Vintage weekend: Boris, la fuori serie italiana

30/03/2018 | Subtitles On Demand

Vintage weekend: Boris, la fuori serie italiana
News 2018 - 6 motivi validissimi per cui (ri)vogliamo Boris in tv, "dai, dai, dai!"

26/03/2018 | Elle

6 motivi validissimi per cui (ri)vogliamo Boris in tv, "dai, dai, dai!"
News 2018 - [CINESPADA] “Boris”: cronaca agrodolce di un Paese irriformabile

20/03/2018 | Radio Spada

[CINESPADA] “Boris”: cronaca agrodolce di un Paese irriformabile
News 2018 - 5 serie tv per fuggire dalle elezioni e dagli Oscar

05/03/2018 | Wired

5 serie tv per fuggire dalle elezioni e dagli Oscar
News 2018 - Boris: personaggi e attori della serie cult

02/03/2018 | MondoFox

Boris: personaggi e attori della serie cult
News 2018 - 10 serie tv italiane di qualità da recuperare

10/02/2018 | BadTv

10 serie tv italiane di qualità da recuperare
News 2018 - Boris - La televisione made in Italy

06/02/2018 | Diario di Rorschach

Boris - La televisione made in Italy
News 2018 - La Linea Verticale è la realizzazione del sogno di Boris

24/01/2018 | Hall of Series

La Linea Verticale è la realizzazione del sogno di Boris
News 2018 - Boris - Pomodoro coi pachino o i San Marzano?

23/01/2018 | La settima arte

Boris - Pomodoro coi pachino o i San Marzano?
News 2018 - Boris e la TV italiana di qualità

23/01/2018 | Mangiatori di Cervello

Boris e la TV italiana di qualità
News 2018 - Ora, Più che Mai, Abbiamo Bisogno di "Boris"!

15/01/2018 | GiocoMagazzino! La Lega del Ludo

Ora, Più che Mai, Abbiamo Bisogno di "Boris"!

Merchandising casuale

Ultime news

News 2019 - Il cast di Boris all'Asperger Film Festival 2019

11/11/2019 | Facebook - Asfilmfestival

Il cast di Boris all'Asperger Film Festival 2019
News 2019 - Omaggio a Boris. Quando la meta-TV supera la TV

25/10/2019 | MentiSommerse.it

Omaggio a Boris. Quando la meta-TV supera la TV

Meme casuali

S03E09

- Quand'è che si incomincia a parlare, leggittimamente, di... sessodipendenza? | - Ah. Ma tu o lei? | - Io! Io! Io. Non riesco a pensare ad altro. Io ho bisogno di farlo anche 6-7 volte al giorno! Non è che c'hai qualcosa per controllarmi, che ne so, una pastiglia, delle gocce? Lei non ce la fa più.
S01E03

È Pedro Benitez! Lo scalatore delle Ande.

© Boris Italia - . Boris Italia è un fansite dedicato alla serie tv italiana Boris. Dal , con gioia e passione. | Webmaster: Salvatore Blanca

Top