Questo sito web aderisce al Regolamento UE /679, comunemente denominato GDPR. Utilizziamo cookies propri e di terze parti per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Per maggiori informazioni, leggi la cookie policy e privacy policy.

  • Bandiera dell'Italia
  • Bandiera del Regno Unito

News 2017

Boris: dieci anni molto poco “italiani”

| Paperstreet.it

Paperstreet.it - Articolo - Boris: dieci anni molto poco “italiani” - Pagina 01 Paperstreet.it - Articolo - Boris: dieci anni molto poco “italiani” - Pagina 02 Paperstreet.it - Articolo - Boris: dieci anni molto poco “italiani” - Pagina 03 Paperstreet.it - Articolo - Boris: dieci anni molto poco “italiani” - Pagina 04 Paperstreet.it - Articolo - Boris: dieci anni molto poco “italiani” - Pagina 05 Paperstreet.it - Articolo - Boris: dieci anni molto poco “italiani” - Pagina 06

Bandiera dell'Italia Bandiera del Regno Unito Mostra/nascondi la trascrizione e la traduzione.

Boris: dieci anni molto poco “italiani”

Tutti i perché con Boris la televisione italiana è sembrata, tutta d'un tratto, meno vecchia (e molto più divertente)

- Miscellanea / Serie Tv - Mattia Nesto



Ora che sono passati dieci anni da quel quando su Sky venne trasmessa la prima puntata, possiamo dirlo forte e chiaro: Boris è stata una serie rivoluzionaria, sotto tanti punti di vista certo, ma senza ombra di dubbio anche e soprattutto perché, come non accadeva da anni, ha fatto sembrare d'un tratto la televisione italiana meno vecchia e imbolsita di quanto fosse (e pure molto più divertente).



Ambientato in un set di Cinecittà dove si gira la fiction “Occhi del cuore”, è la televisione che ride di se stessa, con un cast azzeccatissimo (su tutti un Francesco Pannofino che interpreta il regista René Ferretti in grande spolvero) e un linguaggio fresco e moderno, capace di superare praticamente ogni barriera in fatto di età: può far ridere infatti sia un sessantenne cresciuto a “pane e Commissario Maigret” ma anche un ragazzo più giovane che non si è perso neppure una puntata di Scrubs. E proprio con Scrubs o comunque con serie di ascendenza/provenienza americana, Boris si lega a doppio filo, proprio per il suo essere “politicamente scorretto”, in grado ora di narrare anche con grande veridicità l'andazzo delle cose italiane, ora di far passare anche il più diretto e serio dei messaggi con un sorriso.



Merito principale di ciò va all'ideatore, ovvero Luca Manzi che ha scritto dieci anni fa un soggetto davvero molto particolare per la televisione italiana del periodo (ma anche oggigiorno le cose non sarebbero troppo diverse) e che, forse anche per questo motivo, ha trovato terreno fertile nella praticamente nascente Sky Italia, dato che le prime stagioni della serie sono state trasmesse, per la produzione Wilder, proprio da Fox International Channels Italia. Anche questo fatto che Boris venisse trasmesso “sul satellite”, l'ha fatto diventare una vera e propria serie di culto perché prima Sky era considerato un veicolo funzionale soltanto per le grandi esclusive del calcio, per certi film in anteprima o per serie americane inedite. Con Boris invece si è fatto lo scatto mentale di pensare al satellite come luogo ideale per formare e testare le serie al cento per cento Made in Italy ma plasmate su nuovi stilemi artistici ed anche intellettuali.



Infatti Boris è una serie comica, in cui si prende bellamente in giro il classico mondo delle fiction all'italiana, quelle nazionalpopolari per intenderci. Quelle con la luce “tutta smarmellata uguale”, quelle dove al grido di “qualità, qualità, qualità” si riprendono le peggiori porcate e dove la recitazione degli attori non può che essere descritta, per citare le parole del maestro Ferretti, come “cani prestati al mondo della celluloide: attrici, cagne maledette”.


Ecco perché di Boris, del suo cast, delle sue battute idiomatiche si ha tanta nostalgia: perché ricorda come anche in Italia si possa fare grande e moderna televisione, basta scegliere gli ingredienti giusti. Ingredienti che, tanto per cambiare prospettiva, hanno poi avuto i loro frutti nei praticamente contemporanei Romanzo Criminale - La serie, Faccia d'Angelo e il pluripremiato Gomorra - La Serie. Prodotti certamente non fatti “alla cazzo di cane” ma realizzati, almeno un pochino, anche grazie alla strada tracciata dal buon pesce rosso Boris.

Boris: ten years very little “Italian”

All the reasons why with Boris the Italian television seemed, all of a sudden, less old (and much more fun)

- Miscellanea (Miscellaneous) / Serie Tv (Tv Series) - Mattia Nesto



Now that ten years have passed since that when on Sky was aired the first episode, we can say it loud and clear: Boris has been a revolutionary series, certainly in many ways, but without a shadow of a doubt also and above all because, as not happened for years, has suddenly made Italian television look less old and weaked than it was (and much more fun).



Set in a set of Cinecittà where is shooting the drama “Occhi del cuore” (The eyes of the heart), it's television that laughs at itself, with a very appropriate cast (above all Francesco Pannofino that plays the director René Ferretti in an amazing way) and a fresh and modern language, able to overcome practically any age barrier: it indeed can make laugh both a sixty year old man raised on “bread and Commissario Maigret (Maigret)” but also a younger boy who hasn't even missed an episode of Scrubs. And just with Scrubs or anyway with series of American ancestry/origin, Boris binds itself to double thread, just for its being “politically incorrect”, now able to narrate the trend of Italian things with great truthfulness, now to convey even the most direct and serious of the messages with a smile.



The main merit of this goes to the creator, that is Luca Manzi who has written ten years ago a very particular subject for the Italian television of the period (but even today things would not be too different) and that, perhaps also for this reason, has found fertile ground in the practically new Sky Italia, since the first seasons of the series, produced by Wilder, were aired just by Fox International Channels Italy. Also this fact that Boris was aired “on the satellite”, has made it a true cult series because once Sky was considered a tv network only for the great exclusive football matches, for some premiere movies or for unreleased American tv series. With Boris instead has been done the mental shot to think of the satellite as the ideal place to create and test the series one hundred percent Made in Italy but shaped on new artistic and also intellectual styles.



Indeed Boris is a comic series, in which is mocked the classic world of the Italian-style dramas, the national-popular ones to be clear. The ones with the light “all same opened”, the ones where on the cry of “quality, quality, quality” are shot the worst bullshits and where the acting of the actors can only be described, to quote the words of the master Ferretti, as “dogs lent to the celluloid world: actresses, damned bitches”.


This is the reason why of Boris, of its cast, of its idiomatic lines there is so much nostalgia: because it remembers how even in Italy can be made a great and modern television, just to choose the right ingredients. Ingredients that, just to change perspective, have then had their results practically in the contemporaries Romanzo Criminale - La serie (Criminal Romance - The series), Faccia d'Angelo (Angel Face) and the multiple award-winning Gomorra - La Serie (Gomorrah - The series). Products certainly not made “to fucking dog” but realized, at least a little, also thanks to the way traced by the good goldfish Boris.

Elenco delle news 2017

Fun

Merchandising | Acquista DVD e gadgets su Boris

Boris - La fuori serie italiana Stagione 01 Boris 2 Boris 3 Boris Il Film (DVD) Boris Il Film (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris Il film - Elio e le storie tese Boris Il film - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

Webmaster: Salvatore Blanca

© Boris Italia - . Boris Italia è un fansite dedicato alla serie tv italiana Boris. Dal , con gioia e passione.

Top