This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

  • Italy flag
  • United Kingdom flag

News 2017

Ten years ago the revolution “Boris”, which could return

| LaStampa.it

LaStampa.it - Article - Ten years ago the revolution “Boris”, which could return - Page 01 LaStampa.it - Article - Ten years ago the revolution “Boris”, which could return - Page 02 LaStampa.it - Article - Ten years ago the revolution “Boris”, which could return - Page 03 LaStampa.it - Article - Ten years ago the revolution “Boris”, which could return - Page 04 LaStampa.it - Article - Ten years ago the revolution “Boris”, which could return - Page 05

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

Dieci anni fa la rivoluzione “Boris”, che potrebbe tornare

A Torino festa per la serie con incontri e proiezioni



Roberto Pavanello


L'amore dei fan per questa serie tv, il cui primo episodio andava in onda su Fox il , è riassumibile in un tweet di pochi giorni fa: «Come fate a vivere senza citare Boris almeno una volta al giorno?». Una battuta che testimonia l'impatto che quelle tre stagioni suddivise in 42 episodi hanno avuto sulla cultura pop italiana. E anche se l'ultima puntata è andata in onda il e dal film che seguì sono passati sei anni, Boris non ha smesso di fare proseliti e di rinnovare lo status di cult. Tra repliche e web René Ferretti non ha mai smesso con i suoi «Dai dai dai», né Duccio di aprire tutto, Stanis La Rochelle ha continuato a cercare di non farla troppo italiana, le attrici a essere «cagne maledette», il pesciolino rosso Boris a girare nella boccia e i tre sceneggiatori de Gli occhi del cuore 2 a fare il minimo indispensabile per «portare a casa» l'ennesimo insulso episodio.


La festa


Ad aiutarci a capire che cosa è stato Boris per la tv italiana ci pensa Steve Della Casa, il direttore del Sottodiciotto Film Festival, che martedì gli dedica una festa a Torino, con tanto di proiezioni e lezione all'università: «Ha distrutto i cliché della fiction tradizionale italiana, annientandone i luoghi comuni. Senza Boris non avremmo avuto sulla Rai cose come Tutti pazzi per amore o È arrivata la felicità. È avanguardia diventata cultura dominante, ha avuto lo stesso impatto che il Futurismo ebbe sulla comunicazione degli Anni ». Peccato dunque essersi fermati a tre stagioni: «Credo che avessero paura loro stessi di restare prigionieri del cliché - osserva Della Casa -, ma sono fiducioso: la quarta stagione si farà, ci scommetterei. E chissà che non lo annuncino proprio a Torino. Dovreste vedere quante richieste abbiamo per gli appuntamenti dedicati a Boris». Da chi? «È un pubblico che va dai 20 ai 40 anni. Mio figlio e i suoi amici, che hanno 25 anni, sono grandi fan. E 10 anni fa la tv non la guardavano».


Libertà creativa che piace


Ed è con sorpresa che Luca Vendruscolo e Mattia Torre, due degli sceneggiatori-registi-showrunner (il terzo è Giacomo Ciarrapico) accolgono l'ensusiasmo che si rinnova: «Crediamo che sia meravigliosa la longevità di Boris. Noi stessi ci interroghiamo sul fenomeno - continua Vendruscolo -, io credo che sia merito della libertà creativa che avemmo. All'inizio pensavamo che avrebbe conquistato solo chi conosceva il nostro mondo, e invece è piaciuto a tutti, ognuno ha riconosciuto nel suo posto di lavoro quelle stesse figure che noi raccontavamo. Ciascuno ha i suoi Biascica, dottor Cane e Lopez».


“Un prodotto artigianale”


C'era poi un altro importante punto di forza, secondo i suoi autori: «Non era un prodotto industriale ma artigianale, nato dalla forte intesa tra noi tre». Ed è proprio nella sua artigianalità la motivazione dello stop alla terza stagione, secondo Torre: «Non c'era per Boris una struttura industriale fatta di scrittori che si alternano nella sceneggiatura, facevamo tutto noi. Dopo 42 episodi e un film era arrivato il momento per noi di fare altro». Qualche traccia di rammarico si intravede nelle parole di Vendruscolo: «Forse quando ci siamo fermati abbiamo pensato troppo alla dimensione autoriale e poco al pubblico. Finché una serie fa ridere, forse si deve andare avanti».


Ci sarà la quarta stagione?


E René Ferretti e compagni ridere lo facevano, tanto. Ed ecco, allora, la domanda delle domande: ci sarà la quarta stagione? «Non lo escludiamo», è la risposta di Torre. Vendruscolo: «Dovremmo riuscire a incastrare i progetti che ciascuno di noi ha. Noi e il cast ne saremmo contenti, dovremmo discuterne anche con il produttore Lorenzo Mieli. Chissà che non se ne possa parlare a Torino».

Ten years ago the revolution “Boris”, which could return

In Turin party for the series with meetings and projections



Roberto Pavanello


The love of the fans for this TV series, whose first episode was aired on Fox on , can be summed up in a tweet of a few days ago: «How do you live without quoting Boris at least once a day?». A phrase that demonstrates the impact that those three seasons divided into 42 episodes have had on the Italian pop culture. And even if the last episode aired on and from the movie that followed six years have passed, Boris has not stopped proselytizing and renewing its cult status. Between replicas and the web René Ferretti has never stopped with his «Come on come on come on», nor Duccio to open everything, Stanis La Rochelle has kept trying not to make it too Italian, the actresses to be «damned bitches», the goldfish Boris to swim in the bowl and the three screenwriters of Gli occhi del cuore 2 (The eyes of the heart) to make the bare minimum for «taking home» yet another silly episode.


The party


To help us to understand what Boris has been for the Italian TV, it takes care of it Steve Della Casa, director of Sottodiciotto Film Festival, that on Tuesday dedicates to it a party in Turin, with projections and lecture at the university: «It has destroyed the clichés of the traditional Italian drama, annihilating the common places. Without Boris we would not have had on Rai products as Tutti pazzi per amore (All crazy for love) or È arrivata la felicità (Happiness has arrived). It's avant-garde become dominant culture, it has had the same impact that Futurism had on the communication of the ». Too bad therefore having stopped at three seasons: «I think they were afraid themselves to remain prisoners of the cliché - Della Casa observes -, but I'm confident: the fourth season will be realized, I would bet about it. And who knows if they announce it just in Turin. You should see how many requests we have for appointments dedicated to Boris». From who? «It's an audience ranging from 20 to 40 years old. My son and his friends, who are 25 years old, are big fans. And 10 years ago they didn't watch the TV».


Creative freedom that pleases


And it's with surprise that Luca Vendruscolo and Mattia Torre, two of the scriptwriters-directors-showrunners (the third is Giacomo Ciarrapico) greet the enthusiasm that is renewed: «We believe that is wonderful the longevity of Boris. We ourselves wonder about the phenomenon - Vendruscolo continues -, I believe it's due to the creative freedom we had. At the beginning we thought it would have conquered only those who knew our world, and instead everyone loved it, everyone recognized in his workplace those same figures that we told. Everyone has its Biascica, President Cane and Lopez».


“A handmade product”


Then there was another important strong point, according to its authors: «It wasn't an industrial but handmade product, born from a strong understanding between the three of us». And it's precisely in its craftsmanship the motivation for the stop to the third season, according Torre: «There wasn't for Boris an industrial structure made up of writers who alternate in the script, we did everything. After 42 episodes and a movie, it was time for us to make something else». Some trace of regret can be seen in the words of Vendruscolo: «Perhaps when we stopped we have thought too much about the authorial dimension and little to the public. As long as a series makes you laugh, maybe you have to continue».


There will be the fourth season?


And René Ferretti and companions made people laugh, a lot. And here, then, the question of the questions: There will be the fourth season? «We don't exclude it», is the answer of Torre. Vendruscolo: «We should be able to dovetail the projects that each of us has. We and the cast would be pleased, we should discuss it also with the producer Lorenzo Mieli. Who knows if we can talk about it in Turin».

List of the news 2017

Social

Webmaster: Salvatore Blanca

Merchandising | Find out all you can buy about the series Boris and of Boris The movie

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) Boris The movie (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris The movie - Elio e le storie tese Boris The movie - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top