This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

  • Italy flag
  • United Kingdom flag

News 2017

7 reasons to love Stanis La Rochelle

| HallofSeries.com

HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 01 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 02 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 03 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 04 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 05 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 06 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 07 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 08 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 09 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 10 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 11 HallofSeries.com - Article - 7 reasons to love Stanis La Rochelle - Page 12

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

7 motivi per amare Stanis La Rochelle



Stanis La Rochelle è una delle figure chiave di quella matta, sregolata, meravigliosa Serie Tv che era “Boris”: oggi vi diciamo perché vale la pena amarlo!


Boris è Boris, non c'è nulla da fare. Certo, magari sarà anche fuori dalla Top 10 delle Serie Tv più conosciute dal pubblico italiano, però questo non toglie nulla alla bontà di un progetto che ha saputo (per davvero!) dare qualità al fino ad allora troppo scontato apparato seriale italiano, capace di partorire punte di diamante come “Gomorra” o “Romanzo Criminale”, ma anche pacchianate oscene troppo stantie per essere vere.


Boris no. Stiamo parlando di un autentico capolavoro che ci ha raccontato con umorismo magistrale e finta leggerezza quella che in fin dei conti è la triste illusione di un'intera società: la convinzione di star facendo qualcosa di meraviglioso, che altro non è se non una maschera dell'ignoranza e della pochezza.


Calma, qui stiamo facendo troppo i seri! (da leggere con le corde vocali in rilievo e il volto paonazzo alla René Ferretti)


La creatura di Luca Manzi è un agglomerato di scene esilaranti e personaggi talmente assurdi da risultare irresistibili; tra quest'ultimi spicca lui, “il divo”, Stanis La Rochelle. La straordinaria interpretazione di Pietro Sermonti, oltre agli iconici dialoghi messi a punto dagli sceneggiatori (quelli veri, mica i 3 cialtroni della Serie), ha creato una figura totale nella sua follia e nelle sue contraddizioni.


Hall of Series ha aperto tutto e ha trovato 7 ottimi motivi di innamorarvi di Stanis la Rochelle, ben consci del fatto che istintivamente ti verrebbe da odiarlo, che le sue battute non fanno ridere (“Non è la linea comica!” cit.) e che l'amore è una cosa terribilmente italiana.



7) È poliedrico



Serve interpretare un medico semi-analfabeta? Stanis. C'è una parte da esploratore nazionalista dell'Africa equatoriale? Stanis. Bisogna fare una scena a cazzo di cane impersonando non si sa bene chi facendo l'accento tedesco del “doctor Zingler”? Stanis, sempre Stanis, fortissimamente Stanis. La (mediocre!) poliedricità del protagonista de “Gli occhi del cuore” lo rende praticamente perfetto per ogni ruolo, a patto ovviamente che si tratti di qualcosa d'effimera qualità. Come si fa a non amare un uomo a cui Marcel Marceau ha insegnato ad essere chiunque? Per non parlare della tecnica della corsa da fermo.



6) Quelle iconiche espressioni



Come ben sappiamo, a un attore si chiedono 3-4 facce al massimo: basita, preoccupata, spensierata e intensa. La Rochelle, con il sublime acume e il finissimo talento che si ritrova, ha capito ben presto che per sfondare bastava fare sempre la stessa espressione ebete/spiritata ed è su questo che ha costruito la propria rosea carriera, è per questo che è diventato un asso in grado di coprire due serie da 24 puntate l'una di una fiction come “Gli occhi del cuore”, è grazie a questo se Stanis è un Genio (cit. Ferretti).



5) È una multinazionale



Signori, parliamoci chiaro: per reddito annuo e per mentalità (fate roteare l'indice vicino alle vostre tempie leggendo quest'ultima frase, vi aiuterà) Stanis La Rochelle può tranquillamente definirsi una multinazionale... nel senso che è letteralmente lui che si auto-investe di questo titolo. Per di più stiamo parlando di un tipo sveglio, uno che non commetterà mai gli stessi errori della “Telefunken”, uno che è destinato a conquistare il Mondo con le sue scelte, i suoi problemi psichiatrici e il proprio talento che tanto piace alle massaie e alle vecchiette.



4) La sicurezza in sé stesso



Avete mai visto questo portento d'uomo dubitare di sé stesso? Mai. Nemmeno quando gli AA (abbronzati e abbienti) gli hanno voltato le spalle, nemmeno quando René gli ha smaronato in faccia davanti a tutta la troupe per la già citata scena dell'accento tedesco, nemmeno quando, per una volta, non gli è riuscito di piangere d'istinto. Un vero alfiere dell'autostima in grado di respingere ogni attacco alla sua persona in virtù della fiducia che ha per Stanis La Rochelle, il “Divo”... anche perché è l'unico ad averne, probabilmente.



3) Gli sfoghi



Il temperamento artistico, talvolta, si declina attraverso il più classico degli sfoghi con parolacce, bestemmie, urli, lanci del copione, capricci e minacce legali annessi. Stanis è indubbiamente un interprete instancabile di questo fondamentale. “Non vedo l'Africa” disse un giorno a René, il quale ovviamente lo maledì tacitamente, ma poi tentò di andare incontro ai bisogni di un uomo per cui è necessario avere ogni cosa al suo posto per poter dare il meglio. Anche perché, se iniziasse a dare il peggio, staremmo freschi (da leggere con lo stesso cinismo casareccio di Itala).



2) Il fascino



“Ti sei fatta male?”... ”No dico, quando sei caduta dal cielo ti sei fatta male? Ciao Stella, io oggi la faccio per te!”. Che savoir faire, ragazzi. Non bastano il fisico, la mente e l'anima per sedurre una donna, bisogna prima di tutto saperci fare, sapersi adattare ed essere credibile in ogni situazione. Stanis ovviamente non è in grado di far nulla di tutto ciò, eppure è riuscito nell'impresa di portarsi a letto la bella Arianna: evidentemente un minimo di fascino nascosto l'avrà.



1) Non è toscano



Questo è fondamentale. Stanis non è un toscano, non va in giro a dire “la mi mamma, il mi babbo, passami la harne, la harta”... con quella “c” aspirata e quel senso dell'umorismo da quattro soldi, questo popolo ha semplicemente devastato questo paese.


Andava scritto.

7 reasons to love Stanis La Rochelle



Stanis La Rochelle is one of the key figures of that crazy, wild, wonderful TV series that was “Boris”: today we tell you why it's worth loving him!


Boris is Boris, there is nothing to do. Sure, maybe it will also be out from the Top 10 of the most popular TV series by the Italian public, however this doesn't detract anything from the goodness of a project that has been able (for real!) to give quality to the until too obvious Italian serial apparatus, able to create diamond series as “Gomorra” (Gomorrah) or “Romanzo Criminale” (Criminal Romance), but also obscene series too stale to be true.


Boris no. We are talking about an authentic masterpiece that has told us with masterful humor and fake lightness what after all is the sad illusion of an entire society: the belief that to make something wonderful, which is nothing but a mask of the ignorance and littleness.


Calm down, we're being too serious here! (to be read with raised vocal cords and the face as René Ferretti)


The creature of Luca Manzi is an agglomeration of hilarious scenes and characters so absurd as to be irresistible; among the latter stands out, “the star”, Stanis La Rochelle. The extraordinary interpretation of Pietro Sermonti, in addition to the iconic dialogues written by the screenwriters (the real ones, not the 3 scoundrel ones of the Series), has created a total figure in his madness and contradictions.


Hall of Series has opened all and has found 7 great reasons to fall in love with Stanis la Rochelle, well aware of the fact that instinctively you would hate him, that his lines don't make you laugh (“It's not the comic line!” quote) and that love is a terribly Italian thing.



7) He's multifaceted



Does it need someone to play a semi-illiterate doctor? Stanis. Is there a role as nationalist explorer of equatorial Africa? Stanis. Does it need to shoot a scene to fucking dog impersonating no one knows who makes the German accent of “doctor Zingler”? Stanis, always Stanis, incessantly Stanis. The (mediocre!) versatility of the protagonist of “Gli occhi del cuore” (The eyes of the heart) makes him practically perfect for any role, as longs as of course it's something of ephemeral quality. How can you not love a man whom Marcel Marceau taught to be anyone? Not to mention the technique of running from a standstill.



6) Those iconic expressions



As we all know, an actor is asked 3-4 faces at most: astonished, worried, carefree and intense. La Rochelle, with the sublime acumen and the finest talent that he has, has soon understood that to have success it was enough to always make the same idiot/possessed expression and it's on this that he has built his rosy career, this is why he has become a phenomenon capable of covering two series of 24 episodes each of a drama as “Gli occhi del cuore” (The eyes of the heart), it's thanks to this if Stanis is a Genius (quote Ferretti).



5) He's a multinational corporation



Gentlemen, let's be clear: for annual income and mentality (spin the index near your temples reading this last sentence, it will help you) Stanis La Rochelle can easily be defined a multinational... in the sense that he's the one who literally defines himself with this title. Moreover we're talking about a smart guy, uno who will never make the same mistakes of the “Telefunken”, one who is destined to conquer the world with his choices, his psychiatric problems and his talent that housewives and old women love so much.



4) The security in himself



Have you ever seen this portent of man doubting himself? Never. Not even when the TW (tanned and wealthy) have neglected him, not even when René yelled at him in front of the whole crew for the aforementioned German accent scene, not even when, for once, he failed to cry instinctively. A true standard bearer of self-esteem able to repel any attack on his person thanks to the trust he has for Stanis La Rochelle, the “Star”... also because he's the only to have it, probably.



3) The outbursts



The artistic temperament, sometimes, declines itself through the most classic of the outbursts with swear words, blasphemies, screams, script launches, whims and related legal threats. Stanis is undoubtedly a tireless interpreter of this fundamental. “I don't see Africa” one day he said to René, who obviously cursed him tacitly, but then he tried to meet the needs of a man for whom it's necessary to have everything in its place in order to give the best. Also because, if he started to do the worst, we would be in trouble (to be read with the same homemade cynicism of Itala).



2) The charm



“Did you get hurt?”... ”No I say, did you hurt yourself when you fell from the sky? Hi Star, today I do it for you!”. What savoir faire, men. Physique, mind and soul are not enough to seduce a woman, first of all you have to know how to behave, to adapt and to be credible in every situation. Stanis obviously is unable to do any of this, yet he managed to have sex with the beautiful Arianna: evidently he has a minimum of hidden charm.



1) He's not Tuscan



This is fundamental. Stanis is not a Tuscan, he doesn't go around saying “my mom, my dad, pass me the meat, the paper”... with that “c” inhaled and that cheap sense of humor, this people has simply devastated Italy.


It had to be written.

List of the news 2017

Fun

Merchandising | Buy DVD and gadgets about Boris

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) Boris The movie (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris The movie - Elio e le storie tese Boris The movie - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

Webmaster: Salvatore Blanca

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top