Questo sito web aderisce al Regolamento UE /679, comunemente denominato GDPR. Utilizziamo cookies propri e di terze parti per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Per maggiori informazioni, leggi la cookie policy e privacy policy.

  • Bandiera dell'Italia
  • Bandiera del Regno Unito

News 2017

«Boris» compie 10 anni: tanti meriti ma non è una serie «cult»

| Corriere.it

Corriere.it - Articolo - «Boris» compie 10 anni: tanti meriti ma non è una serie «cult» - Pagina 01 Corriere.it - Articolo - «Boris» compie 10 anni: tanti meriti ma non è una serie «cult» - Pagina 02 Corriere.it - Articolo - «Boris» compie 10 anni: tanti meriti ma non è una serie «cult» - Pagina 03

Bandiera dell'Italia Bandiera del Regno Unito Mostra/nascondi la trascrizione e la traduzione.

A fil di rete

«Boris» compie 10 anni: tanti meriti ma non è una serie «cult»

La serie in onda su Fox si offriva come un atto d'accusa contro la cialtroneria di molta serialità italiana. Oggi, nel ricordo, c'è forse un po' di enfasi celebrativa

👨 di Aldo Grasso



Dieci anni fa, il , andava in onda su Fox una serie italiana che molto ha fatto parlare di sé, «Boris». Prodotta dalla «vecchia» Wilder di Lorenzo Mieli, la serie era nata da un'idea di Luca Manzi e Carlo Mazzotta e firmata da Mattia Torre, Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo, che ne era anche il regista; di Elio e le Storie Tese la sigla. Fra gli interpreti Antonio Catania, Alessandro Tiberi, Caterina Guzzanti, Francesco Pannofino, Carolina Crescentini e Pietro Sermonti. «Boris» (è il nome di un pesciolino rosso portafortuna) si offriva come un inesorabile, buffonesco atto d'accusa contro la cialtroneria di molta serialità italiana. Oggi, nel ricordo, c'è forse un po' di enfasi celebrativa e si usa quella terribile parola che andrebbe bandita per alcuni anni, «cult».


Un neofita convertito come Steve Della Casa ha detto che «Boris è avanguardia divenuta cultura dominante, ha avuto lo stesso impatto che il Futurismo ebbe sulla comunicazione degli anni ». Ma dove? Ma quando? Esageruma nen, dicono nella sua Torino. Basterebbe confrontare «Boris» con «30 Rock» di Tina Fey (), che affronta lo stesso argomento con altra complessità metaforica e linguistica, per regolare meglio la prospettiva. «Boris» è una fiction parodica che al suo interno contiene un'altra fiction, «Gli occhi del cuore», soap strappalacrime che però fa molto ascolto. «Boris» è una fiction tutta italiana che prova a riflettere su un diffuso stato d'animo della fiction italiana: il cinismo. Ridendo e scherzando, si mettono così a nudo i non pochi difetti della serialità italiana: la tolleranza estetica, l'arte di arrangiarsi, la scarsa professionalità, ecc. Questo il suo merito maggiore. Che non è poco, anzi. Troppo spesso, però, ha preferito indulgere alla caricatura, alla canzonatura, rinunciando alla battuta sferzante, al graffio, al fremito nervoso. Come poi ha dimostrato la versione cinematografica.



(modifica il | )

© Riproduzione riservata

A fil di rete (At the edge of the network)

«Boris» is 10 years old: many merits but it's not a «cult» series

The series aired on Fox was an indictment against the scorn of much Italian seriality. Today, in memory, there is perhaps a bit of celebratory emphasis

👨 by Aldo Grasso



Ten years ago, on , aired on Fox an Italian series that has been talked about a lot, «Boris». Produced by the «former» Wilder of Lorenzo Mieli, the series was born from an idea of Luca Manzi and Carlo Mazzotta and written by Mattia Torre, Giacomo Ciarrapico and Luca Vendruscolo, who was also the director; the opening theme was by Elio e le Storie Tese. Among the interpreters Antonio Catania, Alessandro Tiberi, Caterina Guzzanti, Francesco Pannofino, Carolina Crescentini and Pietro Sermonti. «Boris» (is the name of a lucky goldfish) was an inexorable, foolish indictment against the scorn of much Italian seriality. Today, in the memory, there is perhaps a bit of celebratory emphasis and it's used that terrible word that should be banned for some years, «cult».


A neophyte converted as Steve Della Casa has said that «Boris is avant-garde become dominant culture, has had the same impact that the Futurism had on the communication of the ». But where? But when? Esageruma nen (We don't exaggerate), is told in his Turin. It would be enough to compare «Boris» with «30 Rock» by Tina Fey (), that deals with the same subject with other metaphorical and linguistic complexity, to better adjust the perspective. «Boris» is a parodic drama that contains another drama within it, «Gli occhi del cuore» (The eyes of the heart), tear-jerker soap that has a large audience. «Boris» is an all-Italian drama that tries to reflect on a widespread state of mind of the Italian drama: the cynicism. Laughing and joking, are so revealed many flaws of the Italian seriality: the aesthetic tolerance, the art of getting by, the lack of professionalism, etc. This is its greatest merit. Which is no small thing, indeed. Too often, however, it has preferred to indulge the caricature, the teasing, giving up the lashing joke, the scratch, the nervous shaking. As then the cinematographic version has proved.



(modified on | )

© All rights reserved

Elenco delle news 2017

Fun

Merchandising | Acquista DVD e gadgets su Boris

Boris - La fuori serie italiana Stagione 01 Boris 2 Boris 3 Boris Il Film (DVD) Boris Il Film (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris Il film - Elio e le storie tese Boris Il film - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

Webmaster: Salvatore Blanca

© Boris Italia - . Boris Italia è un fansite dedicato alla serie tv italiana Boris. Dal , con gioia e passione.

Top