This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

  • Italy flag
  • United Kingdom flag

News 2017

The cynical comedy: Boris and the self-irony

| BlastingNews.com

BlastingNews.com - Article - The cynical comedy: Boris and the self-irony - Page 01 BlastingNews.com - Article - The cynical comedy: Boris and the self-irony - Page 02 BlastingNews.com - Article - The cynical comedy: Boris and the self-irony - Page 03 BlastingNews.com - Article - The cynical comedy: Boris and the self-irony - Page 04 BlastingNews.com - Article - The cynical comedy: Boris and the self-irony - Page 05

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

La comicità cinica: Boris e l'autoironia



Boris Italia :: Foto di scena ed immagini della seconda stagione ... - borisitalia.it


A distanza di sette anni dalla fine della fortunatissima serie comica italiana, torniamo a riflettere sul significato dell'ironia cinica contemporanea


di Alessandro Alfieri



La tendenza culturale degli ultimi decenni, e in maniera evidente nella sfera del comico, attesta e conferma la passione per il reale diffusa nell'immaginario contemporaneo; la venatura comica del cinismo può infatti venire tradotta da una celebre frase del filosofo Ludwig Wittgenstein, rivolta ai filosofi: “Dai ai filosofi uno sguardo acuto per vedere quel che è sotto agli occhi di tutti ma che non tutti vedono”.



Umorismo e cinismo


Questo significa che l'umorismo odierno non punta tanto alla trasfigurazione fantastica del reale, ovvero alla sua manipolazione in termini parossistici e assurdi, ma evidenzia la paradossalità delle condizioni esistenziali che ci troviamo a vivere nella nostra epoca. Si tratta di un meccanismo dialettico che l'umorismo contemporaneo condivide col cinismo, o meglio l'umorismo cinico dimostra la valenza emancipativa che tale cinismo può assumere oggi, quando viene compreso nei termini del kinismo di cui ci parla il filosofo Peter Sloterdijk nel suo Critica della ragion cinica.


L'umorismo cinico infatti dimostra la sua doppia faccia se riflettiamo sulla sua possibile riflessività, ovvero se consideriamo tale umorismo come un'arma tagliente rivolta agli altri o se, come spesso accade, viene rivolta autoironicamente a se stessi: il cinismo rivolto a se stessi, ovvero il ridere delle proprie disgrazie, è la forma positiva e progressista di cinismo, di contro al cinismo rivolto ad altri, che spesso è una sottile strategia psicologica di autoaffermazione e un tentativo di manifestare la propria presunta superiorità morale, fisica, spirituale o sociale.


L'autoironia cinica è, dal canto suo, la tecnica più adeguata per sopravvivere nell'attuale condizione economica: nell'orizzonte della crisi sociale, che è anche crisi privata ed esistenziale, nonché emotiva e sentimentale, ridere di se stessi diventa uno dei modi possibili di sopravvivere e di reagire alla catastrofe. In questo quadro, ci possiamo porre la complessa domanda relativa a cosa ci fa ridere assistendo alla serie TV italiana Boris: si tratta di una comicità perfettamente in linea con le tendenze sociali contemporanee, di certo erede della comicità americana dei Simpson ma perfettamente calata e specifica nel contesto italiano dei nostri anni.



Da Boris alla Beata Ignoranza


Oggi, l'irriverenza di Boris torna attuale grazie all'uscita del film Beata ignoranza, diretto da uno degli autori della serie TV, ovvero Massimiliano Bruno, e che possiede molte caratteristiche di Boris; per capire cosa ci faccia ridere assistendo alle sventure vissute dagli apprendisti schiavizzati sul set di una fortunata fiction televisiva, alle infamie della gerarchia amministrativa, alle angherie di chi annulla qualsiasi garanzia e dignità al lavoro, dobbiamo chiederci perché le medesime esperienze, quando le viviamo in prima persona, determinino il risultato diametralmente opposto: quando facciamo esperienza del dissolvimento del mercato del lavoro, della vanificazione di diritti e garanzie che hanno contraddistinto il lavoro per decenni, delle umiliazioni e della precarietà, dei ricatti e delle offese, non ridiamo affatto.


Quando le stesse dinamiche le recepiamo nella loro trasfigurazione estetica attraverso il racconto sullo schermo, allora scatta un'ilarità che non è indirizzata ai personaggi della fiction. Si tratta di ridere di se stessi, perché i personaggi di Boris siamo noi: il cinismo si rivolge contro se stessi, non si tratta della ridicolizzazione di personaggi “altri” da noi attraverso la quale possiamo ritenerci diversi e migliori, ma proprio il contrario, perché nella trasfigurazione della serie è come se ci specchiassimo.

The cynical comedy: Boris and the self-irony



Boris Italia :: Scene photos and images of the second season ... - borisitalia.it


Seven years after the end of the very successful Italian comic series, let's return to reflect on the meaning of the contemporary cynical irony


by Alessandro Alfieri



The cultural trend of the last decades, and clearly in the sphere of the comic, attests and confirms the passion for the real widespread in the contemporary imagination; the comic vein of the cynicism can in fact be translated by a famous phrase of the philosopher Ludwig Wittgenstein, addressed to philosophers: “Give philosophers a sharp look to see what is under everyone's eyes but that not everyone sees”.



Humor and cynicism


This means that today's humor doesn't aim so much at the fantastic transfiguration of the real, or at its manipulation in paroxysmal and absurd terms, but highlights the paradoxicality of the existential conditions that we find ourselves living in our age. It's a dialectical mechanism that contemporary humor shares with cynicism, or rather the cynical humor demonstrates the emancipatory value that this cynicism can take today, when it's understood in the terms of kinismo of which the philosopher Peter Sloterdijk speaks in his Critica della ragion cinica (Critique of Cynical Reason).


The cynical humor in fact shows its double face if we reflect on its possible reflexivity, or if we consider this humor as a sharp weapon aimed at others or if, as often happens, it's self-ironically addressed to oneself: the cynicism aimed at oneself, or the laughter of one's misfortunes, is the positive and progressive form of cynicism, against the cynicism aimed at others, which is often a subtle psychological strategy of self-assertion and an attempt to manifest one's alleged moral, physical, spiritual or social superiority.


The cynical self-irony is, moreover, the most adequate technique to survive in the current economic condition: in the horizon of the social crisis, which is also a private and existential crisis, as well as emotional and sentimental, laughing at oneself becomes one of the possible ways of surviving and reacting to the catastrophe. In this context, we can ask ourselves the complex question about what it makes us laugh by watching the Italian TV series Boris: it's a comedy perfectly in line with contemporary social trends, certainly the heir of the American comedy of The Simpsons but perfectly adequate and specific in the Italian context of contemporary years.



From Boris to the Beata Ignoranza (Blessed Ignorance)


Today, the irreverence of Boris is back to current thanks to the release of the movie Beata ignoranza (Blessed Ignorance, directed by one of the authors of the TV series, that is Massimiliano Bruno, and which has many features of Boris; to understand what makes us laugh watching the misfortunes experienced by the enslaved apprentices on the set of a successful television drama, to the infamies of the administrative hierarchy, to the oppression of those who cancel any guarantee and dignity at work, we must ask ourselves why the same experiences, when we live them in first person, determine the diametrically opposite result: when we experience the dissolution of the labor market, the voiding of rights and guarantees that have characterized the work for decades, of humiliations and of precariousness, of blackmails and of offenses, we don't laugh at all.


When we perceive the same dynamics in their aesthetic transfiguration through the story on the screen, then a hilarity is triggered that is not addressed to the characters of the drama. It's about laughing at ourselves, because we're the characters of Boris: the cynicism turns against oneself, it's not about the mockery of “other” characters by us through which we can consider ourselves different and better, but just the opposite, because in the transfiguration of the series it's as if we were mirroring ourselves.

List of the news 2017

Fun

Merchandising | Buy DVD and gadgets about Boris

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) Boris The movie (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris The movie - Elio e le storie tese Boris The movie - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

Webmaster: Salvatore Blanca

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top