This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

  • Italy flag
  • United Kingdom flag

News 2016

Storie di Cinema (Cinema stories) interviews Ninni Bruschetta

| YouTube

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

Tatti Sanguineti: Ninni Bruschetta ha raggiunto la fama, la consacrazione, la popolarità, la simpatia che si meritava, con Boris, dove interpreta, la serie televisiva, dove interpreta, Duccio Patanè, il direttore della fotografia con il gusto della neve, della striscia, del pippotto. È difficile far ridere su un direttore della fotografia perché i problemi tecnici della direzione della fotografia sono difficilmente argomento di risate. Il film è un film sui luoghi comuni della fiction romana, ferocemente anti Rai, "Aoh stamo a fa' Ben Hur" che è diventato "Aoh, qui non stamo a fa' Kubrick", "Ce vo' un po' de fregna", vai al Natale in vacanza con la Casta, "Quando faccio la televisione non faccio un cazzo" è un film sul luogo comune retto dal bravissimo Ninni, da Pannofino e dalla Caterina Guzzanti. La scena chiave del film che Ninni rievoca nel suo libro, a pagina 41, che ha fatto impazzire i 100.000 simpaticoni amici di Facebook, è la prima, una scena dalla prima puntata della terza serie. Siamo nella hall di un centro televisivo, non troppo lontano da dove stiamo girando, e una hostess carinissima e fighissima gli dice con grande nonchalance mentre lui si serve a un, a un... a un service: "Maestro, gradisce un po' di cocaina?" E Ninni si disse: "Sono i miei fan o sono tutti cocainomani?"

{ {

Maddalena: Maestro. Gradisce un po' di cocaina?

Duccio Patanè: Ma dici sul serio?

Maddalena: Certo.

Duccio Patanè: Ma perché no! Una volta ogni tanto, no?

Maddalena: Allora mi segua.

} }

Ninni Bruschetta: Sono molto affezionato a un capitolo che si intitola: "Duccio chi sei" che inizialmente è inspirato al titolo di una, di uno dei primi numeri di Diabolik che è "Diabolik chi sei" ma la cosa veramente importante che racconta è che Duccio è un personaggio... archetipico se mi è consentito dire questa parola del cinema, cioè è un attore, è un personaggio non un attore, che non ha nè passato nè futuro. Io cito esplicitamente Rosencrantz e Guildenstern che sono questi due meravigliosi personaggi di Amleto su cui poi Tom Stoppard scrive Rosencrantz e Guildenstern sono morti, proprio perché sono la rappresentazione dell'attore, cioè la sospensione del giudizio e la sospensione della vita nello spazio tempo del racconto. Questo è Duccio secondo me.

Tatti Sanguineti: Ninni Bruschetta has reached the fame, the consecration, the popularity, the sympathy he deserved, with Boris, in which he plays, the television series, in which he plays, Duccio Patanè, the director of photography with the taste of the blow, of the strip, of the line of coke. It's difficult to make people laugh on a director of photography because the technical problems of the direction of cinematography are hardly subject of laughs. The movie is a movie about the commonplaces of the Roman drama, fiercely anti Rai, "Come on, we're making Ben Hur" which has become "Come on, here we're not making Kubrick", "It takes a little of cunt", go to the Christmas holiday with the Caste, "When I make television I don't do a shit" is a movie on the commonplace supported by the very good Ninni, by Pannofino and by Caterina Guzzanti. The key scene of the movie that Ninni recalls in his book, on page 41, that has made crazy the 100.000 funny friends of Facebook, is the first, a scene from the first episode of the third season. The scene takes place in the hall of a television center, not too far from we're shooting, and a very cute and very cool hostess tells him with great nonchalance while he's serving himself in a, in a... in a buffet: "Master, would you like a little of cocaine?" And Ninni said to himself: "Are they my fans or are they all cocaine addicts?"

{ {

Maddalena: Master. Would you like a little of cocaine?

Duccio Patanè: But are you serious?

Maddalena: Sure.

Duccio Patanè: But why not! Once in a while, no?

Maddalena: Then follow me.

} }

Ninni Bruschetta: I'm very attached to a chapter that is entitled: "Duccio who are you" that initially is inspired by the title of a, of one of the first issues of Diabolik that is "Diabolik who are you" but the really important thing that tells is that Duccio is a character... archetypical if I may to say this word of the cinema, that is he's an actor, he's a character not an actor, which has neither past nor future. I quote explicitly Rosencrantz and Guildenstern who are these two wonderful characters of Hamlet on which then Tom Stoppard writes Rosencrantz e Guildenstern are dead, just because they are the actor's representation, that is the suspension of the judgment and the suspension of the life in the space time of the story. This is Duccio in my opinion.

List of the news 2016

Fun

Merchandising | Buy DVD and gadgets about Boris

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) Boris The movie (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris The movie - Elio e le storie tese Boris The movie - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

Webmaster: Salvatore Blanca

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top