Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Chiudendo questo banner e continuando la navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie in accordo con la nostra policy. Per maggiori informazioni leggi qui.

Accetta
  • Bandiera dell'Italia
  • Bandiera del Regno Unito

News 2014

Ultimo aggiornamento:

Siracusa News intervista Paolo Calabresi

| YouTube

Bandiera dell'Italia Bandiera del Regno Unito Mostra/nascondi la trascrizione e la traduzione.

voce off intervistatore: Paolo Calabresi, attore, da un mese e mezzo a Siracusa prima per Romanzo Siciliano ora con l'Ortigia Film Festival sesta edizione, che ne pensi di Siracusa?

Paolo Calabresi: E che devo pensa'... io ci vivrei. Mi sta venendo... un'idea. Solo che siamo tanti, io c'ho 4 figli, c'ho una famiglia molto numerosa quindi spostare tutti non è facile. Qualche mio collega l'ha fatto di spostarsi qua, so che c'è Galatea Ranzi che vive qua da tempo.

voce off intervistatore: Il Romanzo Siciliano è un film che è stato girato forse uno dei primi... fiction che è stata girata quì per intero...

Paolo Calabresi: Sì.

voce off intervistatore: È un mese e mezzo. I colleghi hanno visto e hanno vissuto molto, i tuoi colleghi hanno vissuto molto bene anche qui in Sicilia, ho visto Filippo Nigro, abbiamo visto girare per la Sicilia, insomma, è una citta che è piaciuta anche a tanti altri attori.

Paolo Calabresi: Sì anche a me hanno detto che hanno visto Filippo Nigro girare ubriaco per la Sicilia. Effettivamente lui lo fa. Gli succede, gli succede questa cosa. Non solo a lui, eh, nel cast di Romanzo, ci stanno diverse persone che s'aggiravano per la Sicilia così per un mese e mezzo. Io avevo il compito di andarli a riprendere e riportarli a casa. Per questo m'hanno chiamato, non facevo un ruolo nel film io.

voce off intervistatore: Non solo però Siracusa, sappiamo che sei andato in visita anche in altri posti anche del Siracusano stesso.

Paolo Calabresi: Sì, sì, ieri sono andato a Marzamemi, ho affittato una barchetta e mi so' fatto tutto il giro di Punta... Capo Passero, Portopalo, l'Isola delle Correnti, insomma, è una cosa... meglio che non ve dico di cosa, ma insomma...

voce off intervistatore: È il sesto... la sesta edizione dell'Ortigia Film Festival e anche in... in concorso con Smetto quando voglio con un'interpretazione particolare di un laureato così come gli altri che non trova lavoro è costretto a fare tutt'altro. Fantascienza?

Paolo Calabresi: No, purtroppo realtà, molto vicino alla realtà, molto, che spesso addirittura è molto peggio di quella che è disegnata nel film, ci siamo accorti. Nel film siamo... diciamo, tutto viene salvato da una, una patina di ironia, di leggerezza che insomma... Forse il messaggio del film è che proprio, lo so, per quanto sia difficile cercare di applicarcela, anche nella vita reale questo... questo atteggiamento, diciamo di... di ironia sulla di... visione diciamo più leggera della vita, per quanto le cose siano a volte... terribili... È... è un bell'esempio di... di commedia all'italiana vera questa, trovo, perché è un po' un ritorno alla vera commedia all'italiana che è quella che parte da... da storie anche molto tristi...

voce off intervistatore: In Smetto quando voglio il ruolo era quello di Arturo, un archeologo, che è diametralmente opposto a quello di Biascica in Boris ad esempio. In quale ti ritrovi meglio o ti piace di più recitare?

Paolo Calabresi: Ma io per quanto... cioè, è importante... cioè, in che senso te ritrovi, perché io me trovo... me devo ritrova'. Quando fai 'na cosa de... de cultura è importante, perché 'a cultura è importante. È bello stare in questi Festival, ci sta tutta gente de cultura, tanti, culturisti, insomma.

voce off intervistatore: Quindi torna Boris oppure non c'è, per i fan, non c'è possibilità di ritorno?

Paolo Calabresi: Ma per noi non c'è possibilità di vita se non c'è Boris, però noi, noi, lo vogliamo con tutte le nostre forze. Tutti quanti ci sentiamo, i colleghi ormai sono, fratelli, insomma, del gruppo di Boris, non vediamo l'ora.

voce off intervistatore: E con Sermonti hai anche recitato nuovamente in questo film, Smetto quando voglio.

Paolo Calabresi: Sermonti a un certo punto sembrava che dovessimo essere il nuovo Gregio-Iacchetti, Totò e Peppino, questi... perché facevamo un sacco di cose insieme, ci chiamavano sempre insieme, non si sa... poi a un certo punto hanno capito che non vale... non valeva proprio la pena.

voce off intervistatore: E a Settembre inizia la nuova stagione de Le Iene. Ci sarà anche Paolo Calabresi?

Paolo Calabresi: Sì, ci sarà anche quest'anno, ovviamente come l'anno scorso farò un po' meno perché gli impegni cinematografici e televisivi sono tanti, adesso inizia una cosa molto, importante, per Rai 2, una bella serie che si chiama Zio Gianni, la storia di un cinquantenne che va a vivere con 3 ventenni, è un seriale di 9 minuti al giorno, sono 25 puntate di 9 minuti. Forse addirittura 27, insomma, e quindi inizio a girare questa cosa, adesso. Mi fa impressione perché è passato un attimo che so' diventato uno che veniva chiamato per i ruoli da cinquantenne, capito, mi fa una tristezza 'sta cosa, terribile, però insomma.

voce off intervistatore: Oggi parti, vai via da Siracusa, ma quando ti potremo rivedere in città?

Paolo Calabresi: No mi sa presto, eh, temo presto.

voice off interviewer: Paolo Calabresi, actor, from one month and a half in Syracuse first for Romanzo Siciliano (Sicilian Romance) now with the Ortigia Film Festival sixth edition, what do you think of Syracuse?

Paolo Calabresi: And what I have to think... I would live here. I'm getting... an idea. Just that we are many, I've four sons, I've a very large family then move all isn't easy. Anyone of my colleagues has moved here, I know that Galatea Ranzi lives here for some time.

voice off interviewer: Romanzo Siciliano (Sicilian Romance) is a movie that has been shot maybe one of the first... drama that has been entirely shot here...

Paolo Calabresi: Yes.

voice off interviewer: It's a month and a half. The colleagues have seen and have experienced much, your colleagues have lived very well even here in Sicily, I saw Filippo Nigro, we have seen him wandering around Sicily, in short, it's a city that also liked to many other actors.

Paolo Calabresi: Yes I have also been told that Filippo Nigro has been seen wandering drunk around Sicily. Effectively he does it. It happens to him, this thing happens to him. Not only to him, eh, in the cast of Romanzo (Romance), there are several people who wandered around Sicily so for a month and a half. I had the job to go to bring them and take them home. For this reason they called me, I didn't have a role in the movie.

voice off interviewer: Not only Syracuse yet, we know that you went to visit also in other places also near Syracuse.

Paolo Calabresi: Yes, yes, yesterday I went to Marzamemi, I have rented a small boat and I have done all the tour of Point... Capo Passero (Cape Passaro), Portopalo, the Isola delle Correnti (Isle of Currents), in short, it's a thing... better I don't tell you of what, but anyway....

voice off interviewer: It's the sixth... the sixth edition of the Ortigia Film Festival and also in... in competition with Smetto quando voglio (I Can Quit Whenever I Want) with a particular interpretation of a graduate as well as the others who can not find a job is forced to do anything else. Science fiction?

Paolo Calabresi: No, unfortunately reality, very close to the reality, much, which often is actually much worse than the one that is designed in the movie, we realized. In the movie we are... everything is saved by a, a patina of irony, of lightness that in short... Maybe the message of the movie is that just, I know, although it's difficult to try to apply ourselves, even in real life this... this attitude, of... of irony on the... vision lighter of the life, however things sometimes are... terrible... It's... it's a good example of... of true Italian comedy this one, I find, because it's a bit a return to the true Italian comey that is the one that starts from... from stories also very sad...

voice off interviewer: In Smetto quando voglio (I Can Quit Whenever I Want) the role was that of Arturo, an archaeologist, which is diametrically opposed to that of Biascica in Boris for example. In which do you find yourself better or do you like more acting?

Paolo Calabresi: But I as far as... that is, it's imporant... that is, in which sense you find yourself, because I find myself... I have to find myself again. When you do something of... of culture is important, because culture is important. It's nice to stay in these Festivals, there are all people of culture, many, bodybuilders, in short.

voice off interviewer: So does Boris return or there isn't, for the fans, there is no chance of return?

Paolo Calabresi: But for us there's no chance of life if there isn't Boris, but we, we, we want it with all our strenghts. All of us keeps in touch, the colleagues are alreay, brothers, in fact, of the group of Boris, we can not wait.

voice off interviewer: And with Sermonti you have also played again in this movie, Smetto quando voglio (I Can Quit Whenever I Want).

Paolo Calabresi: With Sermonti at some point it seemed that we had to be the new Gregio-Iacchetti, Totò and Peppino, these... because we did a lot of things together, they called us always together, no one knows... then at some point they realized that it wasn't... it wasn't really worth.

voice off interviewer: And in September it starts the new season of Le Iene (The Hyenas). There will Paolo Calabresi be also?

Paolo Calabresi: Yes, I will be this year too, of course as last year I'll do a little less because the cinematographic and television commitments are many, now it begins a thing very, important, for Rai 2, a nice series that is called Zio Gianni (Uncle Gianni), the story of a fifty years old man who goes to live with 3 twenty years old, it's a series of 9 minutes per day, they are 25 episodes of 9 minutes. Maybe actually 27, in short, and then I start to shoot this thing, now. It impresses me because it's passed a moment that I became one that was called for the roles of fifty years old, understood, this thing makes me a sad, terrible, but in fact.

voice off interviewer: Today you leave, go away from Syracuse, but when we will see you again in the city?

Paolo Calabresi: No I think soon, eh, I think soon.

Contatti

Per informazioni e suggerimenti inviate una e-mail a borisitaliaweb@gmail.com

Social

Ultime news

News 2019 - BORIS - La fuori serie italiana

14/06/2019 | Facebook - BCT - Benevento Cinema e Televisione

BORIS - La fuori serie italiana
News 2019 - Boris al Festival Benevento Cinema e Televisione

12/06/2019 | BCT Festival Benevento

Boris al Festival Benevento Cinema e Televisione

Meme casuali

S03E12

- Montecarlo tu sei il mio migliore amico. Dove abiti? | - Ce l'hai presente Ponte Garibaldi? | - Ponte Garibaldi, bella zona. Ma sopra o sotto? | - Sotto.
Boris Il film

Ma lo vuoi capire che chi è contro di me è contro di sé?

© Boris Italia - . Boris Italia è un fansite dedicato alla serie tv italiana Boris. Dal , con gioia e passione. | Webmaster: Salvatore Blanca