Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Chiudendo questo banner e continuando la navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie in accordo con la nostra policy. Per maggiori informazioni leggi qui.

Accetta
  • Bandiera dell'Italia
  • Bandiera del Regno Unito

News 2014

Ultimo aggiornamento:

'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni

| Rivista.Incontri.nl

Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 01 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 02 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 03 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 04 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 05 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 06 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 07 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 08 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 09 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 10 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 11 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 12 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 13 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 14 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 15 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 16 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 17 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 18 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 19 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 20 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 21 Rivista.Incontri.nl - Articolo - 'Il pareggio elettorale è vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni - Pagina 22

Bandiera dell'Italia Bandiera del Regno Unito Mostra/nascondi la trascrizione e la traduzione.

URN:NBN:NL:UI:10-1-116704 - Publisher: Igitur publishing
Content is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License
Anno 29, / Fascicolo 2 - Website: www.rivista-incontri.nl


'The political deadlock is life'

Boris and the satire of contemporary Italian media and cultural industries


Giacomo Boitani


In the Italian production company Wilder launched a comedic television series of the mockumentary genre named Boris for the Fox Italia network. The original run of the series aired from to and comprised three seasons. Its success inspired the production of a feature-length film that was released in Italian movie-theatres in . This article will address how the political climate in Italy informed Boris' comedic form and its discourse on the Italian cultural industry as opposed to the humor seen in other comedic traditions. In particular, the political satire carried out in Boris will be examined with reference to Linda Hutcheon's theorization of 'modern parody' and to the series' positioning in a period marked by Italian television's transition from a duapoly to a larger offer of entertainment.


Boris: an innovative 'fiction' in a changing media and political landscape

Created by screenwriters Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre and Luca Vendruscolo, Boris is a series that was destined for consumption within the broader entertainment offer made possible by the institution of the Italian digital platform Sky Italia (owned by 21st Century Fox) in . It is widely regarded as a television product that went beyond the quality standards that Italian network television had settled with in the period between the and early , when the production of television series was marked by the duopoly of the national public broadcaster RAI and Silvio Berlusconi's Mediaset.1 For example, in his review of the show in the daily newspaper L'Unità, journalist Roberto Brunelli defined it as 'la cosa migliore che si possa vedere nel piccolo schermo, in quanto a fiction italiana'.2

With the English term 'fiction', Italians commonly refer to any fictional television series, although often the term can acquire a negative connotation related to the proliferation of soap opera-like shows that were championed on the RAI and Mediaset channels during the and early . 'Fiction' is a crucial term in Boris' vocabulary, as the plot of the show focuses on a television crew of the fictional production company Magnesia, involved in the shooting of Gli occhi del cuore, 'the eyes of the heart', a soap-opera styled 'fiction' set in a hospital clinic that is broadcast on one of the national public network RAI channels, although it should be noted that RAI is not explicitly addressed as the broadcaster of Gli occhi del cuore in the Boris series.

Thus, in its playful narrative concept Boris suggests that it offers to its viewers the 'reality' of on-set production of 'fictions', although in actuality it too is a 'fiction', one that ironically dramatizes both its screenwriters' first hand experiences from working on previous 'fictions', as well as a set of attitudes and prejudices the Italian audience has developed with regards to the by-product of popular culture they refer to as 'fiction'.3

The narrative 'vehicle' by which viewers are introduced to the on-set 'reality' of television-making is the character of Alessandro, an intern in the directing division of the crew. The pilot episode of the Boris series recounts the first day of filming for the second season of Gli occhi del cuore, which we soon learn is a 'fiction' with little hope of surviving, as the airing of its first season has been interrupted by the network due to poor audience results. Alessandro approaches the set for the first time and becomes the 'fifth wheel' of a group of people who are constantly in fear of cancellation and, consequently, unemployment. Boris, the title of the series, is actually the name of a fish (named after German tennis player Boris Becker) that the fictional director of Gli occhi del cuore René Ferretti keeps next to his monitor during filming, for good luck.

The 'fiction' crew that Boris depicts makes no effort to produce a quality product of any artistic merit, but is simply contempt to 'arrangiarsi' (get by), doing the minimum necessary in order to avoid cancellation by means of superstition, drug consumption and maneuvering influential political allies. The way in which the series addresses the fact that the Magnesia crew is producing Gli occhi del cuore for the national public broadcaster RAI without explicitly referring to the latter is by showing us several times, during Boris's run, how political developments in the country have an impact on executive decisions being made with regard to the making of the fictional series Gli occhi del cuore, and how members of the crew are either confirmed in their job positions or removed from them according to the political protection they manage to secure, rather than for their professional merits. The relationship between political status quo and creative and executive decisions within 'fiction' production inferred by Boris is a reference to the fact that RAI is governed by a nine-member Administrative Council: seven members are appointed by a committee of the Italian Parliament, while the remaining two are nominated by the Ministry of Economic Development. The Administrative Council's term is three years long and renewable, although the lack of political stability in Italy makes it very hard for the renewal of the term to occur and, most often, new general elections determine a new RAI Administrative Council and, therefore, a substantial shift in cultural policy informed by the new political majority.

In the and , for example, when the parliamentary majority was often characterized by a large coalition led by the Christian Democrats and the Socialist Party, it was common knowledge that the news and cultural programming boards for the three RAI channels were 'divided' among the leading parties in the coalition: RAI Uno to the Christian Democrats, RAI Due to the Socialists, RAI Tre to the Communist Party. The interference of political power within RAI's cultural policies has been further problematized as of when Silvio Berlusconi, owner of broadcast corporation Mediaset,4 was elected Prime Minister on three different occasions over the next twenty years, determining a situation in which, effectively, he had a strong control over all six major television channels with national coverage.5


Boris, the Italian cultural industry and politics

A clear-cut example of Boris' depiction of the interference of politics within RAI's cultural policy can be seen in the third episode of its second season. Director René Ferretti is asked by the network to fire someone and, despite the fact that there are far more appropriate candidates to lose their jobs (such as the cocaine addicted director of photography), he settles with firing make-up artist Gloria because she is the only crew-member without political protection.6 In the following episode Gloria finds out that she is about to lose her job and goes on a rant about wanting 'to work somewhere where politics do not matter'. Nonetheless, she welcomes René's out-of-guilt offer to 'hook her up' with his political protector Andrea Vetuschi (whom we are never shown in the series) in order to save her 'fiction' job; Vetuschi, instead, finds her a position as 'Head of Personnel' at the Presidency of the Basilicata Region.

The satire of the impact that the political landscape has on RAI's cultural policy reaches a culmination in the last five episodes of Boris' second season. At this point, the network is adamant in replacing Ferretti with a new director, since he has made the crucial error of physically attacking his star actress - the daughter of an extremely powerful entrepreneur - and since his political protector, Vetuschi, has fallen from grace. The network, however, does not immediately fire Ferretti, but instead tries to lure him into the production of a 'fiction' miniseries based on the life of Renaissance philosopher, historian and politician Niccolò Macchiavelli, a project that - Ferretti explains in episode nine of the second series - 'is a hoax and is never going to get made. It is rather a sentence, a mafia-like warning the network gives to directors they want to fire'.7

This plot-line climaxes in the second part of the series finale, in which the occhi del Cuore crew is forced to wait for the outcome of the political elections in order to complete an episode that will reveal the murderer of the 'fiction' character, 'the Count' and in order to learn which director will replace Ferretti, as shocking developments in the polls suggest that the expected victory of the Centre-Right led by Berlusconi may be overturned. 'They were talking of a marked victory of you know who' - explains network delegate Lopez - 'and the homosexual was perfect as the killer. [...] But now it looks like the other ones will win, and the homosexual cannot be touched'. However, the exit polls - Lopez finally informs the crew - reveal that the outcome is


a substantial deadlock that leads to a temporary Prime Minister/administrator such as Montezemolo.8 There's a slight improvement for the Northern League, which should not be underestimated, so we have to delete any reference to Rome, we have to keep vague; the drug-addicted sodomite cannot be from Bergamo anymore. [...] The culprit is the character of Magistrate Anna Parvieri. The magistrature is a safe bet. It is an extraordinarily bi-partisan issue.


Most importantly, as a result of this uncertain political outcome, Ferretti is confirmed as the director for Gli occhi del cuore, as the network considers him - in Lopez's words - 'the mammoth of deadlocks. [...] The political deadlock' - Lopez explains with fervor - 'annuls all parameters; the deadlock is the turning point. The deadlock is life!'.9

In this humorous way Boris refers to the outcome of the general election - a deadlock with a narrow margin in favor of the Centre-Left, which produced a government that did not stay in power for more than two years - and, at the same time, foreshadows the outcome of the post-recession general election, a three-way deadlock between a renewed Centre-Left coalition, Berlusconi's Centre-Right (in the aftermath of the sex scandals involving its leader) and stand-up comedian/political activist Beppe Grillo's Movimento Cinque Stelle.

The third series of Boris, filmed during the summer of and aired for the first time in the spring of , resumed the heavily politically-accented scope that characterized the second season finale. The two-part series premiere, entitled 'Un'altra televisione è possibile', follows Ferretti, who has unexpectedly abandoned Gli occhi del cuore out of artistic infatuation with Macchiavelli's qualitative potential, for Mediaset's studios in Cologno Monzese, Milan, where he agrees to shoot the pilot of a sit-com for one of Berlusconi's channels, entitled Troppo frizzante. In Cologno Monzese the director and his closest collaborators are offered drugs and beatiful women to sleep with and the director is treated like a revolutionary genius for his decision not to keep on thriving in RAI's mediocrity. He is addressed as 'the Roberto Saviano of "fiction"', with reference to the author of Gomorra's resistance to the pressures he received from the mafia during the writing and publication of his literary exposé.

Boris suggests that Berlusconi's is a presence that permeates the entirety of the Italian experience, as the relationship between intern Alessandro and assistant director Arianna comes to an end once she reveals to him that she votes for the media mogul and even actively campaigned for him in the past, a fact that he cannot accept, or even fathom. The playfulness of this narrative segment is augmented by the fact that the actress playing the character of Arianna is Caterina Guzzanti, the younger sister of Sabina Guzzanti, a former television comedian who directed two documentaries, Viva Zapatero! (2005) and Draquila - L'Italia che trema (), that frontally attacked Berlusconi for his political control of the Italian media - even those he does not own - and for the poor handling of the crisis brought upon the city of L'Aquila by the earthquake.10

As much as it addresses Berlusconi's political presence, Boris also ironizes on the contribution of his television company to the decline of Italian comedy: Troppo frizzante, the pilot Ferretti is asked to shoot, is a plotless amalgamation of catch-phrases authored by talentless comedians who have become popular in television broadcasts of cabaret routines reminiscent of Zelig and Colorado Café Live, two popular shows aired on Mediaset channels that launched the careers of catch-phrase comedians such as Ale & Franz and I Fichi d'India, all of whom have attempted transitioning to the cinema with qualitatively poor results.

Ferretti's experience in Cologno Monzese, however, is short-lived as his main focus is revolutionizing television with Macchiavelli. RAI's counter-offer is, instead, to put him at the helm of a new revolutionary hospital based show called Medical Dimension.11 Set in the rough and underdeveloped landscape of Italian healthcare, instead of the private clinic of Gli occhi del cuore, Medical Dimension is supposed to be an uncompromising spin-off exposé 'a la Gomorra' that only retains the fictional protagonist of Gli occhi del cuore, in order to secure its viewership. Whereat the original 'fiction' shot by the fictional crew championed stale romantic plot-lines worthy of the worst soap-operas, Medical Dimension features corruption, swearing, suicide, euthanasia, the 'real' hospital world. Quality is its imperative, as the crew is asked not to 'smarmellare' (a neologism that the authors of Boris have coined to define the jam-like patina the filmic image acquires when all of the set lights are open to the maximum, as in soap-operas' photography) but rather to shoot 'artfully' with the aid of cutting edge tecnology such as Segway vehicles.

In the continuation of its third series, however, Boris negates the hypothesis that 'a different television is possible', as Medical Dimension is revealed to be a 'trap'. Not only does Ferretti find out, in the eight episode of the season, that this exposé is actually the by-product of the network's lazy screenwriters' plagiarism of an American television series, 12 but, in the eleventh episode of Boris Season 3, it is revealed to him by Lopez that


the network has no interest in Medical Dimension succeeding. [...] In fact, it was actually born to fail. [...] The airing of the pilot coincides with the Champions League Final. [...] You were chosen as director because the knew you wouldn't figure it out. [...] The whole sense of the operation is to show to the entire Italian television industry, networks, producers, directors, and the like that a different kind of 'fiction', today, in Italy is not only not possible, but even not desirable. Nobody wants it! Do you know what would actually happen if somebody produced a very well-made 'fiction' in Italy? [...] A whole vital system for the country would collapse!


Even though is does not take place at the end of the Boris televison series - the final episodes are characterized by Ferretti's desperate attempt to write and shoot new material and reshape the existing footage of Medical Dimension in the editing room into a pilot episode for a third season of Gli occhi del cuore, which he sends to the network - Lopez's tirade is an appropriate conclusion for a 'meta-fiction' that was recognized as an innovative quality product that marked a time in which television making in Italy was transforming at an industrial and distributional level with the arrival and popularization of digital and satellite platforms.

Although it ironizes Mediaset and on Berlusconi, Boris cannot be catalogued as an explicitly left-wing endeavour against the figure of the media mogul, on par with Sabina Guzzanti's documentaries. In the conclusion of its third season, for example, Alessandro, after having copied a test, the answers for which he obtained by means of political recommendation, is promoted as freelance screenwriter for Magnesia and he is asked by the former Occhi del cuore screenwriters to join their leftist union 'Sceneggiatura Democratica'; thus, we are revealed that the leftist side of Italy's cultural industry is responsible for the imagined 'fiction' chosen as the quintessential by-product of the poor quality standards typical of the period of the RAI-Mediaset duopoly.

The series' cinematic appendix, Boris - Il film, confirms the impression that its authors' criticism is aimed at the entire Italian cultural industry, rather than a specified political entity within it. Its narrative replicates the structure of the series' third season, as Ferretti, now an outcast, obtains the rights to the film adaption of La Casta, a new literay exposé that unveils the network of relationships existing between media-makers, the mafia, economic corporations and corrupt Italian politicians. Thus, he attempts a transition into filmmaking and uses the book's reputation to rally around him the leftist elite of Italian socially-engaged artistic cinema. This new crew is not put in a better light than the lazy and compromising Magnesia crew by Boris' authors: the leftists are shown to be arrogant, snobbish, annoyingly opinionated and off-puttingly elitist. The film - notably not produced by Fox, as the series was, but by RAI Cinema, the filmmaking division of the national public broadcast ridiculed in the majority of the Boris series - is concluded with the old Occhi del cuore crew, summoned by Ferretti to replace the leftist one, compromising once again and turning the film adaptation of La Casta into a cinepanettone, one of the often critically reviled film comedies that are released in Italy every year during the Christmas holidays season.


Boris and its comedic forerunners

The institution of the Italian digital satellite television platform Sky Italia in has not only made possible the production of a 'different' television series like Boris: it has also contributed to the development of a certain taste among Italian viewers that informed its success, as in the years that preceded the airing of the first season of Boris, when two of Sky's channels, Fox Italia and Jimmy, aired a number of British and American versions of The Office, Extras, Arrested Development and Curb Your Enthusiasm.

It can therefore be said that, as much as its narrative premise responded to the poor standards of Italian 'fiction', Boris was also the outcome of foreign influences that converged before its launch and informed its making and its reception. The two foreign series that Boris resembles most closely are The Larry Sanders Show and Arrested Development, both formally - they do not use the footage, typical of many mockumentaries, of mock interviews alluding to the notion that a documentary is being shot in the place where the narrative is set, in the same way that Boris avoids this strategy - and thematically.13 The former, created by Garry Shadling, focuses on the making of an American late-night talk-show and it was inspired by the biography of real American talk-show host Johnny Carson, who was at the helm of NBC's The Tonight Show from to and who exposed audiences to Shandling's comedic talent by having him guest-host several times between and . Even though the lazy and irreponsible characterization of most members of Arrested Development's dysfunctional family closely resembles the traits of Boris' crew, Mitchell Hurwitz's show did not originally have a 'meta' dimension comparable to The Larry Sanders Show and Boris' 'making of' narrative premise. However, as the show faced the threat of cancellation after the first two seasons aired on Fox's American network and it became clear that its positive critical reception was not going to be matched by substantial ratings, Hurwitz and his collaborators started including references to their network's lack of support in many episodes of its third series.

Both Arrested Development and The Larry Sanders Show, however, have some elements that relate to the humor championed by Boris and others that differ from it. Arrested Development lacks the continuous reference to another television text that is constant in Boris through the inclusion of large portions of the 'smarmellato' footage of Gli occhi del cuore and the 'rough' scenes from Medical Dimension, both used ironically to refer to trends in the Italian television industry; Hurwitz's show is similar though in its frequent references to the United States' political climate at the time of its making, namely George Bush's war against Iraq. 14 Conversely, The Larry Sanders Show relied heavily on references to another television format - Carson's talk-show - but it lacked the political satire that can be found in both Boris and Arrested Development: Shandling's fictional talk-show host, Larry Sanders, often gets in arguments with his network over creative decisions regarding his show, but the network's concerns are always dictated by ratings, or lack thereof, and never addressed as the result of the network's supposed alignment with a given political entity.

Of course, along with the foreign mockumentary series that preceded it, a number of Italian comedic sources need to be taken into account when analyzing Boris' comedic form. Among these, the satirical genre known as 'comedy Italian style' (-) can be identified as a precursor to the emphasis placed on the political discourse in the Boris franchise. Film historian Peter Bondanella states that the emergence of this genre 'replaced the sometimes facile and optimistic humanitarianism typical of earlier film comedy with a darker, more ironic and pessimistic vision of Italian life',15 a definition that chimes, for instance, with Boris' pessimistic conclusion that 'a different kind of television' in Italy is not possible. Commenting on the social engagement credited to this film genre - which addressed diverse national issues at the time of its production, such as the interference of the Catholic Church in political discourse within the country in the - period, the negative social habits that developed as a result of the emergence of consumerism with the Economic Miracle, the resistance of former Fascist policies in the supposedly 'new' nation that the Resistance had contributed to forge, and the rise of terrorism in the - Bondanella states that the comedies of the 'Italian style' genre


treated real social, political, and economic problems quite courageously and more successfully than overtly ideological films, particularly in their portrayls of dysfunctional social institutions, reactionary laws, and outmoded customs governing the relationships between men and women.16


Boris' overall emphasis on societal mores (embodied by the television crew's habits), politics and its questioning of the very possibility of a popular audio-visual text to inform change in the nation therefore make its humor at times close to the socially engaged humor championed by 'comedy, Italian style'. At other points, its suggests a reflection on the genre's legacy.

In general, though, texts belonging to this film genre lack the referential element that characterizes so much of Boris' narrative, with the inclusion of footage from Gli occhi del cuore and Medical Dimension as paradigmatic visual reminders of the standards of Italian 'fiction' crucial to its discourse about the state of Italy's cultural industry. Signore e signori, buonanotte! () - a film co-directed by Luigi Comencini - Nanni Loy, Luigi Magni, Mario Monicelli and Ettore Scola - is one of the few 'Italian style' comedies to foreshadow Boris' 'meta' dimension, also focusing on the television-making industry. However, the majority of the best known films of the genre - Mario Monicelli's I soliti ignoti () and La Grande Guerra (), Dino Risi's Una vita difficile () and Il sorpasso (), Luigi Comencini's Tutti a casa! (), to name only a few - comments on Italian society by addressing it directly in its present state, or by offering a fictionalized representation of its past, not by recurring to explicit, consistent and continued visual reminders of other texts.


A 'parodical satire': Boris' comedic form

Linda Hutcheon has produced some influential work on the intertextual relationships existing between different cultural works, and in particular, the use of irony in the context of these relationships in modern art forms. Since Boris is a text in which both Italian and foreign cultural matrixes can be detected, and irony is the primary strategy by which Boris calls into question both social reality and the cultural products it establishes (either ridiculing or derivative) relationships with, her theoretical framework proves most appropriate in the attempt to define the series' meta-textual practice. She defines the textual practice of parody as a 'repetition with critical distance, which marks difference rather than similarity',17 and 'a form of imitation, but imitation characterized by ironic inversion, not always at the expense of the parodied text'.18 Other statements, crucial to this analysis of Boris, made by Hutcheon in her theorization of this discursive form are that a parodic text does not need to necessarily imitate another specified work, but that it can also ironically imitate a set of conventions typical of a genre or tradition,19 and that parody is not circumstantiated to texts with a ridiculing intent, although ridiculing imitations are among the forms of parody.20

In light of these remarks, we can certainly identify the footage of Gli occhi del cuore and Medical Dimension extensively included in the Boris series (as well as the cinepanettone footage in the film) as parodic formations that do not so much imitate a specified 'fiction' or a specific cinepanettone, but rather, ironize sets of conventions developed within the Italian cultural industry in the last twenty years. Hutcheon states that parody is a 'sophisticated genre in the demands it makes on its practitioners and its interpreters. The encoder, then the decoder, must effect a structural superimposition of texts that incoporates the old into the new'.21 In the case of Boris, a crucial aspect of its innovation in the context of Italian television depends on the viewer's/decoder's identification of intended allusions - from the explicit and continued allusion to the poor quality standards of 'fiction' produced during the RAI-Mediaset duopoly to more elusive allusions to Lars von Trier, the American serial 24, Steven Spielberg's film Raiders of the Lost Ark () and to Boris' own critical reception - and the makers/encoders' ability to create a new text that does not simply replicate 'fiction' by imitating it (in which case we would have either quotation or plagiarism, rather than parody) but repurposes it with ironic distance.

In this context the familiarity with encoding/decoding practices developed by the Italian viewership by assimilating foreign 'mockumentary' series seems a desirable, at times necessary, condition for the ironic discourse embedded in the Boris series. In a similar way, it can be said that the franchise's sarcastic stance on the state of Italy's cultural industry and on the interference of the political discourse within it required, in order to achieve the success it obtained as a parodic text, a shared skepticism towards cultural and political authority on the part of the viewers, in that a negative opinion of RAI as a political-cultural entity is crucial to understanding portions of Boris' narrative. In this light, the ironic statement 'the political deadlock is life' is at the same time a sarcastic comment on the state of political skepticism and indecision within the country and also an affirmation that denotes how the humor of this particular 'fiction' text depends on it.

Going back to the satirical tradition of 'comedy Italian style', it is now necessary to call into question Hutcheon's theorization of 'parody' and 'satire':


The obvious reason for the confusion of parody and satire [...] is the fact that the two genres are often fused together. Satire frequently uses parodic art for either expository or aggressive purposes, when it desires textual differentiation as its vehicle.22


With its aggressive stance towards the interference of politics within the cultural industry arena, Boris certainly is a satirical text, but one that, unlike 'comedy Italian style', continuously uses parodic art. There is, however, a crucial difference between the two forms of satire - parodic and not - that relates to parody's nature 'as double-voiced discourse'23 that 'always implicitly reinforces even as it ironically debunks'.24 Hutcheon clarifies:


Both satire and parody imply critical distancing and therefore value judgements, but satire generally uses that distance to make a negative statement about that which is satirized. [...] In modern parody, however, we have found that no such negative judgement is necessarily suggested in the ironic contrast of two texts. Parodic art both deviates from an aesthetic norm and includes that norm within itself as backgrounded material. Any real attack would be self-destructive.25


This brings us back to the question 'is a different kind of television possible?' that Boris poses to synthesize its stance on the political climate of the country and the state of the Italian cultural industry, as well as to question the possibility of creating meaningful discourse within them. As we have seen, the narrative development of the series suggests a traditionally satirical, negative answer. Yet, outside the text, its very making and its positive critical and popular reception suggest a positive one, which is parodically - 'repetition characterized by ironic inversion' - alluded to in the series at the very moment of its negation within the text. Its comedic form as a series that carries out satire through an extensive use of the 'double-voiced' parodic practice imposes a certain degree of flexibility in its questioning the notion of meaningful discourse within the current Italian cultural landscape.

Whereas the 'negative statements' embodied by the direct satire of the 'comedy Italian style' genre flourished in a period of intense political engagement for the nation - from to , with the student protests of 1968 at the epicentre of this timeframe - Boris' sophisticated form of 'parodical satire' was born in a period of political indeterminacy, disengagement from the political discourse and skepticism about the possibility of social reform.


Conclusion

In conclusion it can be said that, as much as foreign and Italian comedic traditions have informed Boris' humor, which combines the satirical emphasis of 'comedy Italian style' with the referentiality typical of foreign 'mockumentary' series, its very own hybrid comedic form - not dissimilar from the form of the chronologically adjacent Nanni Morretti film Il caimano (), a film that alludes to how redundant the notion of making a film about Berlusconi is by narrating a film producer's attempt to make a film about Berlusconi - was also the by-product of the confused Italian political and cultural industries that it so adamantly criticized. The series' 'double-voiced' characteristic of negating satirically within the text, with its ironical representation of the 'fiction' standard of the duopoly period, while at the same time affirming outside of it, by means of its very own existence as an innovative quality 'fiction', reflects its positioning as a liminal by-product of culture produced in the context of a transitional period in which the means of production and consumption of entertainment in Italy underwent a major change. At the same time, however, its 'double-voicedness' reflects the state of political indeterminacy that produced an non-fictional deadlock in and a frustrating encore in .

Notes

1 Boris' innovative role in the development of a higher standard television 'fiction' has been addressed in two Italian publications: I. Pezzini, 'Uno sguardo traversale sulla fiction italiana: il caso Boris', in: M.P. Pozzato & G. Grignaffini (eds), Mondi Seriali, Percorsi Semiotici nella Fiction, Milano, RTI, , pp. 187-196; M. Brogna & M. Loi (eds), Boris, la 'fuoriserie italiana', in: Script, 46/47 ().

2 R. Brunelli, 'Papi, santi, divise, preti nun ve regghe chiù: fortuna che c'è "Boris"', L'Unità, , p. 23, http://archiviostorico.unita.it/cgi-bin/highlightPdf.cgi?t=ebook&file=/golpdf/uni_2007_05.pdf/23SPE21A.PDF&query=boris (as accessed ).

3 In respect to its 'meta' dimension as a television series about the making of television series, Boris' tagline - 'la fuoriserie italiana' - is particularly clever. In fact, 'fuoriserie' is a term Italians use to refer to luxury cars like Ferraris or Maseratis as opposed to regular cars owned by families with an average income - which reminds viewers of Boris' intent of differentiating itself as a television series beyond the poor quality standard solidified during the RAI-Mediaset duopoly. 'Fuoriserie' is, however, also is the amalgamation of 'fuori', the Italian word for 'outside', and 'serie', also used in Italy to refer to television series - which delineates its narrative content of showing viewers what happens on set behind the cameras, outside what they are shown on screen within a regular television series.

4 Formerly known as Fininvest.

5 In a very notorious example of the degree to which politics have an influence over the state of affairs at RAI, in his capacity as Prime Minister in 2002, Berlusconi publicly attacked anchormen of political shows for RAI Michele Santoro, Enzo Biagi and Daniele Luttazzi, all of whom stopped obtaining work from the broadcaster soon later.

6 At this point of Boris' narrative, the second series of Gli occhi del cuore has unexpectedly become a successful hit. The nervousness of the network that demands a change of personnel in its crew is not a result of a lack of viewership, but rather a 'signal' requested by a network that is suddenly flirting with the idea of 'quality'. This momentary fascination is - network delegate Diego Lopez (Antonio Catania) explains to Ferretti - the result of (author and mass media theorist) 'Umberto Eco's sudden endorsement of Italian "fiction"... that asshole... now we are ruined!'. Thus, in this instance, the authors of Boris use this opportunity to foreshadow the notion that it is the entirety of Italy's cultural industry, and not just the politically 'swinging' RAI, that participates in the climate that encouraged the production of bad 'fiction' series such as Gli occhi del cuore.

7 The choice of a Machiavelli biopic as the 'hoax project' is particularly clever, as Italians often use the adjective 'macchiavellico' to describe convoluted power-struggle maneuvering, after the notorious statement 'the end justifies the means' in Macchiavelli's political essay The Prince.

8 Luca Cordero di Montezemolo is the owner of fuoriserie manufacturer Ferrari.

9 In another thread of Boris' narrative, Lorenzo, the intern of the photography division, finds out that an uncle of his has won a seat in Parliament as a result of the election and, therefore, in the third season we see his revenge against his former torturers, the electricians.

10 Caterina's older brother, Corrado Guzzanti, is also cast in Boris, as the fictional actor who plays The Count, the villain of the Occhi del cuore 'fiction'. This role was Corrado Guzzanti's return to television, which he left after his own show Il Caso Scafroglia - also very critical of Berlusconi's career - was aired in 2002. Curiously, the father of Caterina, Corrado and Sabina, Paolo Guzzanti, is an adamant Berlusconi supporter and was elected as a member of the Italian Chamber of Deputies running for Berlusconi's party Forza Italia.

11 This new Italian fiction's title in English indicates its presumed innovativeness and foreshadows the narrative twist concerning its origin.

12 Thus the crew is about to shoot an episode in which the lead doctor is given a quail to eat while celebrating the Italian Festa della Repubblica and the inclusion of this non-existing culinary tradition reveals to them that the plot is carbon-copied from an American Thanksgiving episode.

13 The Larry Sanders Show, an American series originally aired on HBO between and 1998, was never aired in Italy. However, it is widely considered as the progenitor of the 'mockumentary' sit-com genre and its crucial positioning in the history of television comedy has been certified by a vast number of awards, so it is quite verisimilar that professional television screenwriters such as the authors of Boris were familiar with it when writing their own show.

14 The grandfather of the family at the centre of Arrested Development's narrative is accused of having built real estate for Saddam Hussein in Iraq, his younger son is enrolled in the U.S. army and about to be shipped to Iraq as part of George Bush's war on terror and the twelfth episode of season three is set in Iraq and features a number of Saddam Hussein look-alikes.

15 P. Bondanella, A History of Italian Cinema, New York, Continuum, , p. 181.

16 Bondanella, A History, cit., p. 181.

17 L. Hutcheon, A Theory of Parody. The Teachings of Twentieth-Century Art Forms, Chicago, University of Illinois Press, , p. 6.

18 Ibidem.

19 Ivi, p. 22.

20 Ivi, p. 5.

21 Ivi, p. 33.

22 Ivi, p. 43.

23 Ivi, p. XIV.

24 Ivi, p. XII.

25 Ivi, pp. 43-33.

Keywords


Italian politics, political deadlock, mockumentary, Italian comedy, Boris (Italian sitcom)


Giacomo Boitani was awarded a Ph.D. by the National University of Ireland, Galway in May 2012 for his research on the relationship between the Italian post-war neorealist mode of film production (-54) and the satirical cinematic genre known as 'comedy Italian style' (-). His articles on Italian comedy have appeared on journals such as Alphaville: Journal of Film and Screen Media and Status Quaestionis and in edited collections such as Great War in Italy: Representation and Interpretation and the upcoming Time-travel in the Media. His reviews have appeared in journals such as Senses of Cinema and the Journal of American Studies of Turkey.


#205 - 1315 Bute Street, Vancouver, B.C., V6E 2A4 (Canada)

jackswan@libero.it; jackboitani@shaw.ca


Riassunto

'Il pareggio elettorale è la vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni


Nel il network satellitare Fox Italia ha cominciato la produzione di Boris, una serie comica del genere mockumentary messa in onda sui canali Sky Italia dal al . La trama di Boris narra le peripezie di una troupe televisiva alle prese con la produzione di una soap-opera per la RAI. In Italia la serie è presto diventata un prodotto 'cult'. Nella serie Boris i pigri e opportunisti membri della troupe televisiva fittizia sono rappresentati come succubi delle ripercussioni che gli sviluppi politici nel Paese hanno sul servile network per il quale lavorano. Gli attori nella soap-opera fittizia vengono rimpiazzati e la trama stessa della soap-opera viene riscritta a seconda delle nuove coalizioni che vengono formate in Parlamento e i membri della troupe sono costantemente alla ricerca di raccomandazioni e protezione politica. Per quanto satirizza lo stato del Paese, Boris mette anche in discussione il fatto stesso che l'industria culturale Italiana corrente possa produrre un discorso significativo. Con riferimento alla teorizzazione della 'parodia' da parte di Linda Hutcheon, questo articolo discute la rappresentazione che Boris ha tratteggiato dell'industria culturale, analizza il rapporto esistente tra la serie e tradizioni comiche Italiane che l'hanno preceduta (la 'commedia all'italiana') e il modo in cui l'ironia implementata dalla serie ricalca e/o diverge da quella tipica delle serie mockumentary estere che l'hanno ispirata (Arrested Development e The Larry Sanders Show).

URN:NBN:NL:UI:10-1-116704 - Editore: Igitur publishing
Il contenuto è rilasciato sotto una licenza Creative Commons Attribution 3.0
Anno 29, / Fascicolo 2 - Website: www.rivista-incontri.nl


'The political deadlock is life' (Il pareggio elettorale è la vita)

Boris and the satire of contemporary Italian media and cultural industries (Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni)


Giacomo Boitani


Nel la casa di produzione italiana Wilder ha lanciato una serie televisiva comica del genere mockumentary (falso documentario) dal titolo Boris per la rete Fox Italia. La prima tv della serie è andata in onda dal al e comprendeva 3 stagioni. Il suo successo ha ispirato la produzione di un lungometraggio che è uscito nei cinema italiani nel . Questo articolo affronterà come il clima politico in Italia ha influenzato la comicità di Boris' e il suo discorso sulla industria culturale italiana in contrasto con l'umorismo visto in altre tradizioni comiche. In particolare, la satira politica portata avanti in Boris sarà esaminata con riferimento alla teoria di Linda Hutcheon sulla 'parodia moderna' e alle serie' collocandola in un periodo caratterizzato da una transazione televisiva italiana da un duopolio ad un'offerta di intrattenimento più ampia.


Boris: una 'fiction' innovativa nel cambiamento dei media e scenario politico

Creata dagli sceneggiatori Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo, Boris è una serie che è stata destinata per la visione all'interno dell'offerta di intrattenimento più ampia resa possibile dall'istituzione della piattaforma digitale italiana Sky Italia (di proprietà di 21st Century Fox) nel . È largamente riconosciuto come un prodotto televisivo che andava oltre gli standard qualitativi che le reti televisive italiane avevano stabilito nel periodo tra gli anni '90 e i primi anni del , quando la produzione di serie televisive è stata segnata dal duopolio dell'emittente pubblica nazionale RAI e Mediaset di Silvio Berlusconi. 1 Per esempio, nella sua recensione della serie nel sul quotidiano L'Unità, il giornalista Roberto Brunelli l'ha definita come 'la cosa migliore che si possa vedere nel piccolo schermo, in quanto a fiction italiana'.2

Con il termine Inglese 'fiction', gli Italiani comunemente si riferiscono a qualsiasi serie televisiva immaginaria, anche se spesso il termine può acquisire una connotazione negativa legata alla proliferazione di prodotti simili a soap opera che sono andati in onda sui canali RAI e Mediaset durante gli anni '90 e i primi anni del . 'Fiction' è una parola importante nel vocabolario di Boris, poichè la trama della serie si concentra su una troupe televisiva della fittizia società di produzione Magnesia, impegnata nelle riprese di Gli occhi del cuore, 'the eyes of the heart', una 'fiction' in stile soap-opera ambientata in una clinica ospedaliera che viene trasmessa su uno dei canali della rete pubblica nazionale RAI, anche se va notato che la RAI non è esplicitamente indicata come l'emittente di Gli occhi del cuore nella serie Boris.

Così, nel suo giocoso concetto narrativo Boris suggerisce che offre ai suoi telespettatori la 'realtà' della produzione sul set di 'fictions', anche se in realtà essa è troppo una 'finzione', una che ironicamente drammatizza sia le esperienze di prima mano dei suoi sceneggiatori dall'aver lavorato su precedenti 'fictions', nonché una serie di atteggiamenti e pregiudizi che il pubblico Italiano ha sviluppato per quanto riguarda il sottoprodotto della cultura popolare al quale si riferiscono come 'fiction'.3

Il 'veicolo' narrativo attraverso il quale gli spettatori sono introdotti alla 'realtà' sul set della produzione televisiva è il personaggio di Alessandro, uno stagista del reparto di regia della troupe. L'episodio pilota della serie Boris racconta il primo giorno di riprese della seconda stagione di Gli occhi del cuore, che ben presto capiamo che è una 'fiction' con poche speranze di sopravvivenza, poiché la messa in onda della sua prima stagione è stata interrotta dalla rete a causa di scarsi risultati di audience. Alessandro si avvicina al set per la prima volta e diventa la 'ruota di scorta' di un gruppo di persone che vivono nella paura costante della cancellazione e, di conseguenza, di disoccupazione. Boris, il titolo della serie, è in realtà il nome di un pesce (che prende il nome dal tennista Tedesco Boris Becker) che il regista della fiction Gli occhi del cuore René Ferretti tiene accanto al suo monitor di regia durante le riprese, come portafortuna.

La troupe della 'fiction' che Boris raffigura non fa nessuno sforzo per produrre un prodotto di qualità di qualsiasi valore artistico, ma è semplicemente impegnata ad 'arrangiarsi' (get by), facendo il minimo necessario al fine di evitare la cancellazione attraverso la superstizione, consumo di droghe e manovrando influenti alleati politici. Il modo in cui la serie affronta il fatto che la troupe della Magnesia sta producendo Gli occhi del cuore per l'emittente pubblica nazionale RAI senza fare esplicito riferimento a quest'ultima è mostrandoci diverse volte, durante il corso di Boris, come gli sviluppi politici nel paese hanno un impatto sulle decisioni esecutive fatte per quanto riguarda la realizzazione della fiction Gli occhi del cuore, e come i membri della troupe sono confermati nelle loro posizioni lavorative o rimossi da esse a seconda della protezione politica che riescono ad assicurarsi, piuttosto che per i loro meriti professionali. Il rapporto tra lo status quo politico e le decisioni creative ed esecutive all'interno della produzione della 'fiction' dedotte da Boris è un riferimento al fatto che la RAI è governata da un Consiglio d'Amministrazione composto da nove membri: sette membri sono nominati da una commissione del Parlamento Italiano, mentre i rimanenti due sono nominati dal Minisero dello Sviluppo Economico. La durata del Consiglio Amministrativo è di tre anni ed è rinnovabile, anche se la mancanza di stabilità politica in Italia rende molto difficile che si verifichi il rinnovo del termine e, il più delle volte, le nuove elezioni generali determinano un nuovo Consiglio Amministrativo della RAI e, di conseguenza, un sostanziale spostamento nella politica culturale formata dalla nuova maggioranza politica.

Negli anni '80 e '90, per esempio, quando la maggioranza parlamentare è stata spesso caratterizzata da una grande coalizione guidata dalla Democrazia Cristiana e il Partito Socialista, era risaputo che le notizie e le schede di programmazione culturale per i tre canali RAI erano 'divisi' tra i partiti principali della coalizione: RAI Uno alla Democrazia Cristiana, RAI Due ai Socialisti, RAI Tre al Partito Comunista. L'interferenza del potere politico all'interno delle politiche culturali della RAI sono state ulteriormente problematizzate a partire dal quando Silvio Berlusconi, proprietario del gruppo televisivo Mediaset,4 è stato eletto Presidente del Consiglio in tre differenti occasioni nel corso dei seguenti 20 anni, determinando una situazione in cui, di fatto, ha avuto un forte controllo su tutti i sei principali canali televisi a copertura nazionale.5


Boris, l'industria culturale Italiana e la politica

Un chiaro esempio di Boris sulle interferenze della politica all'interno della politica culturale della RAI può essere visto nel terzo episodio della sua seconda stagione. Al regista René Ferretti viene chiesto dalla rete di licenziare qualcuno e, nonostante il fatto che ci siano candidati molto più appropriati per perdere il proprio posto di lavoro (come il direttore della fotografia cocainomane), decide di licenziare la truccatrice Gloria perché lei è l'unico membro della troupe senza protezione politica.6 Nell'episodio successivo Gloria scopre che sta per perdere il suo lavoro ed inveisce dicendo di voler 'lavorare in un luogo dove la politica non conta'. Tuttavia, lei accoglie l'offerta con senso di colpa di René per 'metterla in contatto' con il suo protettore politico Andrea Vetuschi (che non vediamo mai nella serie) in modo da salvare il suo lavoro nella 'fiction'; Vetuschi, invece, le trova una posizione come 'Capo del Personale' presso la Presidenza della Regione Basilicata.

La satire dell'impatto che il panorama politico ha sulla politica culturale della RAI raggiunge il culmine negli ultimi cinque episodi della seconda stagione di Boris. A questo punto, la Rete è irremovibile nel sostituire Ferretti con un nuovo regista, dal momento che ha commesso l'errore fatale di aver attaccato fisicamente la sua nuova attrice protagonista - la figlia di un imprenditore estramemente potente - e dal momento che il suo protettore politicio, Vetuschi, è caduto in disgrazia. La Rete, comunque, non licenzia immediatamente Ferretti, ma invece cerca di attirarlo nella produzione di una 'fiction' miniserie basata sulla vita del filosofo Rinascimentale, storico e politico Niccolò Macchiavelli, un progetto che - Ferretti spiega nell'episodio nove della seconda stagione - 'è una bufala e non si farà mai'. È piuttosto una sentenza, un avvertimento mafioso che la Rete da' ai registi che vuole licenziare'.7

Questa linea narrativa culmina nella seconda parte del finale di serie, nella quale la troupe di occhi del Cuore è costretta ad aspettare l'esito delle elezioni politiche al fine di completare un episodio che svelerà l'assasino di un personaggio della 'fiction', 'il Conte' e in modo da sapere quale regista sostituirà Ferretti, quando gli sviluppi scioccanti nei sondaggi suggeriscono che la vittoria prevista del Centro-Destra guidata da Berlusconi può essere confutata. 'Stavano parlando di una marcata vittoria di chi sai tu' - spiega il delegato di rete Lopez - 'e l'omosessuale era perfetto come assassino. [...] Ma ora sembra che gli altri vinceranno, e l'omosessuale non può essere toccato'. Comunque, i sondaggi - Lopez alla fine informa la troupe - rivelano che il risultato è


un sostanziale pareggio che porta ad un temporaneo Primo Ministro/amministratore come Montezemolo.8 C'è un leggero incremento per la Lega Nord, che non deve essere sottovalutato, quindi dobbiamo eliminare ogni riferimento a Roma, dobbiamo mantenerci vaghi; il sodomita tossicodipendente non può essere più di Bergamo. [...] Il colpevole è il personaggio del Magistrato Anna Parvieri. La magistratura è una scommessa sicura. È un argomento straordinariamente bi-partisan.


Ancora più importante, come conseguenza di questo risultato politico incerto, Ferretti è confermato come regista di Gli occhi del cuore, in quanto la Rete lo considera - secondo le parole di Lopez - 'il mammut degli stalli. [...] Il pareggio elettorale' - Lopez spiega con fervore - 'annulla tutti i parametri; il pareggio è il punto di svolta. Il pareggio è vita!'.9

In questo modo divertente Boris si riferisce al risultato delle elezioni politiche del - una situazione di stallo con un margine stretto a favore del centro-sinistra, che ha prodotto un governo che non è rimasto in carica per più di 2 anni - e, allo stesso tempo, prefigura il risultato delle elezioni generali post-crisi del , una situazione di stallo a tre vie tra una rinnovata coalizione di Centro-Sinistra, il Centro-Destra di Berlusconi (in seguito agli scandali sessuali che coinvolgono il suo leader) e il Movimento Cinque Stelle del comico/politico attivista Beppe Grillo.

La terza stagione di Boris, filmata durante l'estate del ed andata in onda per la prima volta nella primavera del , ha ripreso il campo fortemente politico che ha caratterizzato il finale della seconda stagione. La premiere della serie in due parti, dal titolo 'Un'altra televisione è possibile', segue Ferretti, che ha inaspettatamente abbandonato Gli occhi del cuore per l'infatuazione artistica del potenziale qualitativo di Macchiavelli, per gli studi di Mediaset a Cologno Monzese, Milano, dove accetta di girare il pilota di una sit-com per uno dei canali di Berlusconi, dal titolo Troppo frizzante. A Cologno Monzese al regista e ai suoi più stretti collaboratori vengono offerti druga e bellissime donne con cui dormire e il regista viene trattato come un genio rivoluzionario per la sua decisione di non continuare a prosperare nella mediocrità della RAI. Viene definito come 'il Roberto Saviano della "fiction"', con riferimento alla resistenza dell'autore di Gomorra alle pressioni che ha ricevuto dalla mafia durante la scrittura e pubblicazione della sua opera letteraria.

Boris suggerisce che quella di Berlusconi è una presenza che si diffonde nella totalità dell'esperienza Italiana, come la relazione tra lo stagista Alessandro e l'assistente alla regia Arianna che finisce una volta che lei gli rivela che vota per il magnate dei media e che persino ha fatto campagna elettorale attiva per lui nel passato, un fatto che lui non riesce ad accettare, o persino capire. La giocosità di questo segmento narrativo è aumentata dal fatto che l'attrice che interpreta il personaggio di Arianna è Caterina Guzzanti, la sorella minore di Sabina Guzzanti, un ex comica televisiva che ha diretto due documentari, Viva Zapatero! (2005) e Draquila - L'Italia che trema (), che hanno frontalmente attaccato Berlusconi per il suo controllo politico dei media Italiani - anche quelli che non possiede - e per la cattiva gestione della crisi portata sulla città de L'Aquila causata dal terremoto del . 10

Per quanto affronta la presenza politica di Berlusconi, Boris ironizza anche sul contributo della sua azienda televisiva al declino della commedia Italiana: Troppo frizzante, il pilota che viene chiesto a Ferretti di girare, è una fusione senza trama di frasi fatte scritte da comici senza talento che sono diventati famosi in trasmissioni televisive di cabaret di routine che ricordano Zelig e Colorado Café Live, due famosi programmi andati in onda sulle reti Mediaset che hanno lanciato le carriere dei comici di frasi fatte come ad esempio Ale & Franz e I Fichi d'India, ognuno dei quali hanno tentato il passaggio sul grande schermo con risultati qualitativamente scarsi.

L'esperienza di Ferretti a Cologno Monzese, tuttavia, è di breve durata in quanto il suo obiettivo principale è di rivoluzionare la televisione con Macchiavelli. La contro-offerta RAI è, invece, di metterlo alla guida di una nuova serie ospedaliera rivoluzionaria chiamata Medical Dimension.11 Ambientata nel panorama aspro e sottosviluppato della sanità Italiana, invece della clinica privata de Gli occhi del cuore, Medical Dimension si suppone essere un intransigente spin-off denuncia 'come Gomorra' che mantiene solamente il protagonista della fiction de Gli occhi del cuore, in modo da garantirsi il suo pubblico. In conseguenza di ciò la 'fiction' originale girata dalla troupe della fiction sostenuta da linee narrative obsolete degne delle peggiori soap-opera, Medical Dimension tratta la corruzione, le bestemmie, il suicidio, l'eutanasia, il 'vero' mondo ospedaliero. La qualità è il suo imperativo, dal momento che alla troupe viene chiesto di non 'smarmellare' (un neologismo che gli autori di Boris hanno coniato per definire la patina simile alla marmellata che l'immagine cinematografica acqisisce quando tutte le luci del set sono aperte al massimo, come nella fotografia delle soap-opera) ma piuttosto di girare 'finemente' con l'aiuto di tecnologia all'avanguardia come i veicoli Segway.

Nel proseguimento della sua terza stagione, tuttavia, Boris nega l'ipotesi che 'una televisione diversa è possibile', in quanto Medical Dimension si rivela essere una 'trappola'. Non solo Ferretti lo scopre, nell'ottavo episodio della stagione, che questa opera denuncia è in realtà un sottoprodotto plagio degli sceneggiatori pigri della Rete di una serie televisiva Americana, 12 ma, nell'undicesimo episodio della terza stagione di Boris, gli viene riferito da Lopez che


la Rete non ha interessa che Medical Dimension abbia successo. [...] Infatti, in realtà era nata per fallire. [...] La messa in onda del pilota coincide con la Finale di Champions League. [...] Tu sei stato scelto come regista perché sapevano che non lo avresti scoperto. [...] Il senso totale dell'operazione è di mostrare all'intera industria televisiva Italiana, reti, produttori, registi, e simili che un genere diverso di 'fiction', oggi, in Italia non solo non è possibile, ma nemmeno desiderabile. Nessuno la vuole! Sai cosa accadrebbe realmente se qualcuno producesse una 'fiction' ben fatta in Italia? [...] Un intero sistema di vitale importanza per il paese crollerebbe!


Anche se non accade alla fine della serie televisiva Boris - gli episodi finali sono caratterizzati del disperato tentativo fatto da Ferretti per scrivere e girare nuovo materiale e rimodellare il girato già esistente di Medical Dimension in sala montaggio in un episodio pilota per una terza stagione de Gli occhi del cuore, che manda alla rete - il rimprovero a Lopez è una conclusione appropriata per una 'meta-fiction' che è stata riconosciuta come un prodotto di qualità innovativo che ha segnato un momento nel quale fare televisione in Italia si stava trasformando a livello industriale e distributivo con l'arrivo e la diffusione delle piattaforme digitali e satellitari.

Sebbene ironizzi su Mediaset e su Berlusconi, Boris non può essere catalogato come un tentativo esplicito di sinistra contro la figura del magnate dei media, alla pari con i documentari di Sabina Guzzanti. Alla fine della sua terza serie, per esempio, Alessandro, dopo aver copiato un test, le risposte che ha ottenuto per mezzo di raccomandazione politica, è promosso come sceneggiatore freelance per la Magnesia e gli viene chiesto dagli ex sceneggiatori di Occhi del cuore di unirsi al loro partito di sinistra 'Sceneggiatura Democratica'; in tal modo, viene rivelato che la parte di sinistra dell'industria culturale dell'Italia è responsabile per l'immaginata 'fiction' scelta come la quintessenza del sottoprodotto dei tipici standard di bassa qualità del periodo del duopolio RAI-Mediaset.

L'appendice cinematografica della serie, Boris - Il film, conferma l'impressione che il criticismo dei suoi autori è rivolto all'intera industria culturale Italiana, piuttosto che a un'entità politica specifica all'interno di essa. La sua narrativa replica la struttura della terza stagione della serie, in quanto Ferretti, ora un emarginato, ottiene i diritti per l'adattamento cinematografico de La Casta, una nuova opera letteraria che rivela la rete di relazioni esistenti tra i responsabili dei media, la mafia, le corporazioni economiche e i politici corrotti Italiani. Così, egli tenta una trasposizione cinematografica ed utilizza la reputazione del libro per radunare attorno a sé l'elite di sinistra del cinema artistico Italiano socialmente impegnato. Questa nuova troupe non è messa in una luce migliore rispetto alla troupe pigra e compromettente della Magnesia dagli autori di Boris: quelli di sinistra sono mostrati come arroganti, snob, fastidiosamente supponenti e sgradevolmente elitari. Il film - in particolare non prodotto da Fox, come lo era la serie, ma da RAI Cinema, la divisione cinematografica dell'emittente pubblica nazionale ridicolizzata nella maggior parte della serie Boris - si conclude con la vecchia troupe di Occhi del cuore, convocata da Ferretti per sostituire quelli di sinistra, compromettendo ancora una volta e girando l'adattamento cinematografico de La Casta in un cinepanettone, uno dei film commedia spesso offeso in modo critico che vengono rilasciati in Italia ogni anno durante le feste del periodo di Natale.


Boris e i suoi precursori comici

L'istituzione della piattaforma televisiva satellitare digitale Italiana Sky Italia nel non solo ha reso possibile la produzione di serie televisive 'diverse' come Boris: ha anche contribuito allo sviluppo di un certo gusto tra i telespettatori Italiani che informati del suo successo, come negli anni che hanno preceduto la messa in onda della prima stagione di Boris, quando due dei canali di Sky, Fox Italia e Jimmy, mandavano in onda un numero di versioni Britanniche ed Americane di The Office, Extras, Arrested Development e Curb Your Enthusiasm.

Si può quindi affermare che, quanto più la sua premessa narrativa ha risposto agli scarsi standard della 'fiction' Italiana, Boris è stato anche il risultato di influenze straniere che sono converse prima del suo lancio e hanno informato la sua realizzazione e la sua ricezione. Le due serie straniere a cui Boris assomiglia più strettamente sono The Larry Sanders Show e Arrested Development, sia formalmente - non usano il metraggio, tipica di molti mockumentaries, di interviste finte che alludono al concetto che si sta girando un documentario nel luogo in cui è ambientata la narrazione, nello stesso modo in cui Boris evita questa strategia - sia tematicamente.13 Il primo, realizzato da Garry Shadling, si concentra sulla realizzazione di un talk-show notturno Americano ed è stato ispirato dalla biografia del presentatore di talk-show Americano Jonnhy Carson, che è stato alla guida del The Tonight Show della NBC dal al e che ha mostrato al pubblico il talento comico di Shandling avendolo come ospite-presentatore diverse volte tra il e il . Anche se la caratterizzazione pigra e irresponsabile della maggior parte dei membri della famiglia problematica di Arrested Development ricorda da vicino i tratti della troupe di Boris, la serie di Mitchell Hurwitz non aveva in origine un dimensione 'meta' paragonabile alla premessa narrativa 'di realizzazione' di The Larry Sanders Show e Boris. Tuttavia, quando la serie era a rischio di cancellazione dopo le prime due stagioni andate in onda sul network americano Fox e divenne chiaro che la sua ricezione critica positiva non sarebbe stata accompagnata da valutazioni sostanziali, Hurwitz e i suoi collaboratori hanno iniziato ad includere riferimenti alla mancaza di supporto del proprio network in molti episodi della sua terza serie.

Sia Arrested Development che The Larry Sanders Show, comunque, hanno alcuni elementi che riguardano l'umorismo sostenuto da Boris e altri che si differiscono da esso. In Arrested Development manca il continuo riferimento ad un altro testo televisivo che è costante in Boris attraverso l'inclusione di grosse porzioni del girato 'smarmellato' di Gli occhi del cuore e le scene 'aspre' tratte da Medical Dimension, entrambe usate ironicamente per riferirsi both used ironically per riferirsi alle tendenze dell'industria televisiva italiana; la serie di Hurwitz è simile anche nei suoi frequenti riferimenti al clima politico degli Stati Uniti al momento della sua realizzazione, vale a dire la guerra di George Bush contro l'Iraq. 14 Viceversa, The Larry Sanders Show ha fatto pesantemente affidamento sui riferimenti ad un altro format televisivo - il talk-show di Carson - ma mancava della satira politica che può essere trovata sia in Boris che in Arrested Development: il presentatore del finto talk-show di Shandling, Larry Sanders, spesso discute con la sua rete in merito alle decisione creative riguardanti il suo show, ma le preoccupazioni delle rete sono sempre dettate da valutazioni, o la loro mancanza, e mai affrontati come il risultato del presunto allineamento della rete con un dato soggetto politico.

Naturalmente, insieme alle serie mockumentary estere che l'hanno preceduta, un certo numero di fonti comiche italiane devono essere presi in considerazione quando si analizza la forma comica di Boris. Tra queste, il genere satirico conosciuto come 'commedia all'Italiana' (-) può essere identificato come un precursore per l'enfasi posta sul discorso politico nella franchigia di Boris. Lo storico del cinema Peter Bondanella afferma che l'emergere di questo genere 'ha sostituito l'umanitarismo talvolta facile e ottimista tipico delle precedenti commedie con una visione più scura, più ironica e pessimista della vita Italiana.',15 una definizione che combacia perfettamente, per esempio, con la conclusione pessimistica di Boris che 'un'altra televisione' in Italy non è possibile. Commentando l'impegno sociale accreditato a questo genere cinematografico - che ha affrontato diverse questioni nazionali al momento della sua produzione, come ad esempio l'interferenza della Chiesa Cattolica nel discorso politico all'interno del paese nel periodo -, le abitudini sociali negative che si sono sviluppate a seguito dell'emergere del consumismo con il Miracolo Economico, la resistenza di ex politiche fasciste verso la presunta 'nuova' nazione che la Resistenza aveva contribuito a forgiare, e l'aumento del terrorismo negli anni - Bondanella afferma che le commedie del genere 'all'Italiana'


avevano trattato i veri problemi sociali, politici, ed economici abbastanza coraggiosamente e con più successo rispetto a film apertamente ideologici, in particolare nelle loro raffigurazioni delle istituzioni sociali disfunzionali, leggi reazionarie, e costumi antiquati che disciplinano i rapporti tra uomini e donne.16


La totalit` di Boris enfatizza sui costumi sociali (incarnata dalle cattive abitudini della troupe televisiva), politici e la sua messa in discussione della possibilità stessa di un testo audiovisivo popolare per informare il cambiamento nella nazione quindi fare il suo umorismo a volte vicino all'umorismo socialmente impegnato sostenuto dalle 'commedie all'Italiana'. In altri punti, suggerisce una riflessione sull'eredità del genere.

In generale, però, i testi che appartengono a questo genere cinematografico mancano dell'elemento referenziale che caratterizza molto la narrativa di Boris, con l'inclusione del girato da Gli occhi del cuore e Medical Dimension come promemoria visivi paradigmatici degli standard della 'fiction' Italiana cruciale per il suo discorso sullo stato dell'industria culturale Italiana. Signore e signori, buonanotte! () - un film co-diretto da Luigi Comencini - Nanni Loy, Luigi Magni, Mario Monicelli ed Ettore Scola - è una delle poche commedia 'all'Italiana' a prefigurare la dimensione 'meta' di Boris, concentrandosi anche sull'industria della realizzazione televisiva. Tuttavia, la maggior parte dei film più noti del genere - I soliti ignoti () e La Grande Guerra () di Mario Monicelli, Una vita difficile () e Il sorpasso () di Dino Risi, Tutti a casa! () di Luigi Comencini, per citarne solo alcuni - commenti sulla società italiana rivolgendosi direttamente nel suo stato attuale, oppure offrendo una rappresentazione romanzata del suo passato, non ricorrendo a esplicite, coerenti e continui promemori visivi di altri testi.


Una 'satira parodica': la forma comica di Boris

Linda Hutcheon ha prodotto alcuni lavori influenti sui rapporti intertestuali esistenti tra le diverse opere culturali, e in particolare, sull'uso dell'ironia nel contesto di queste relazioni nelle forme di arte moderna. Dal momento che Boris è un testo in cui possono essere individuate entrambe le matrici culturali Italiane e straniere, e l'ironia è la strategia principale con cui Boris chiama in causa sia la realtà sociale e i prodotti culturali con cui stabilisce delle relazioni (sia ridicolizzando o derivando), il suo quadro teorico risulta più appropriato nel tentativo di definire la pratica meta-testuale della serie. Lei definisce la pratica testuale della parodia come una 'ripetizione con distanza critica, che segna la differenza piuttosto che la somiglianza', 17 e 'una forma di imitazione, ma imitazione caratterizzata per inversione paradossale, non sempre a spese del testo parodiato'.18 Altre dichiarazioni, fondamentali per l'analisi di Boris, fatte da Hutcheon nella sua teorizzazione di questa forma discorsiva sono che un testo parodico non ha bisogno di imitare necessariamente un'altra specifica opera, ma che può anche ironicamente imitare un insieme di convenzioni tipiche di un genere o tradizione,19 e che la parodia non è circostanziata ai testi con l'intento di ridicolizzarli, anche se le imitazioni che ridicolizzano sono tra le forme della parodia.20

Alla luce di queste considerazioni, possiamo certamente identificare il girato de Gli occhi del cuore e Medical Dimension ampiamente incluso nella serie Boris (come pure il girato del cinepanettone nel film) come formazioni parodistiche che non tanto imitano una specifica 'fiction' o uno specifico cinepanettone, ma piuttosto, ironizzare una serie di convenzioni sviluppate all'interno dell'industria culturale italiana negli ultimi venti anni. Hutcheon afferma che la parodia è un 'genere sofisticato nelle richieste che fa ai suoi operatori e ai suoi interpreti. L'encoder, quindi il decoder, deve effettuare una sovrapposizione strutturale di testi che incorpora il vecchio nel nuovo'.21 Nel caso di Boris, un aspetto fondamentale della sua innovazione nel contesto della televisione Italiana dipende dall'identificazione delle allusioni intese dello spettatore/decodificatore - dall'esplicita e continuata allusione ai poveri standard di qualità della 'fiction' prodotta durante il duopolio RAI-Mediaset ad allusioni più sfuggenti a Lars von Trier, alla serie Americana 24, al film di Steven SpielbergRaiders of the Lost Ark (I predatori dell'arca perduta) () e alla stessa ricezione critica di Boris - e l'abilità dei produttori/encoders di creare un nuovo testo che semplicemente non replica la 'fiction' imitandola (nel qual caso avremmo o citazione o plagio, piuttosto che una parodia), ma la ripropone con distanza ironica.

In questo contesto la familiarità con le pratiche di codifica/decodifica sviluppate dall'audience Italiana assimilando serie 'mockumentary' straniere sembra un desiderabile, a volte necessaria, condizione per il discorso ironico incorporato nella serie Boris. In modo simile, si può dire che l'affermazione sarcastica della concessione sullo stato dell'industria culturale italiana e sull'interferenza del discorso politico in essa richiedeva, al fine di raggiungere il successo che ha ottenuto come testo parodico, uno scetticismo condiviso verso l'autorità culturale e politica da parte degli spettatori, in ciò un parere negativo della RAI come entità politica-culturale è fondamentale per capire le parti della narriva di Boris. Alla luce di ciò, l'affermazione ironica 'il pareggio elettorale è vita' è allo stesso tempo un commento sarcastico sullo stato di scetticismo politico e indecisione all'interno del paese e anche un affermazione che denota come l'umorismo di questo particolare testo della 'fiction' dipende su di esso.

Tornando alla tradizione satirica della 'commedia all'italiana', adesso è necessario chiamare in questione la teoria di Hutcheon sulla 'parodia' e 'satira':


L'ovvia ragione per la confusione di parodia e satira [...] è il fatto che i due generi sono spesso fusi insieme. La satira spesso utilizza l'arte parodica per scopi sia espositivi o aggressivi, quando si desidera la differenzazione come suo veicolo.22


Con il suo atteggiamento aggressivo verso l'ingerenza della politica all'interno dell'arena industriale culturale, Boris certamente è un testo satirico, ma uno che, a differenza della 'commedia all'Italiana', usa continuamente l'arte parodica. Esiste, tuttavia, una differenza fondamentale tra le due forme di satira - parodica e non - che si riferisce alla natura della parodia 'come un discorso a doppia voce'23 che 'sempre implicitamente si rafforza proprio mentre lo smonta con ironica'.24 Hutcheon chiarisce:


Sia la satira che la parodia implicano un distanziamento critico e quindi giudizi di valore, ma la satira generalmente usa quella distanza per fare una dichiarazione negativa su ciò che è oggetto di satira. [...] Nella parodia moderna, però, abbiamo trovato che nessun giudizio negativo è necessariamente suggerito nel contrasto ironico dei due testi. L'arte parodica si discosta sia da una norma estetica sia di includere quella norma in sé come materiale di sfondo. Qualsiasi attacco reale sarebbe autodistruttivo.25


Questo ci riporta alla domanda 'un'altra televisione è possibile?' che Boris pone di sintetizzare la sua posizione sul clima politico del paese e lo stato dell'industria culturale Italiana, nonché di mettere in dubbio la possibilità di creare un discorso significativo al loro interno. Come abbiamo visto, lo sviluppo narrativo della serie suggerisce una tradizionalmente satirica, negativa riposta. Tuttavia, al di fuori del testo, la sua stessa realizzazione e la sua critica positiva e la sua popolare ricezione suggeriscono una positiva, che è parodicamente - 'una ripetizione caratterizzata da un'inversione ironica' - allusa nella serie al momento stesso della sua negazione all'interno del testo. La sua forma comica come una serie che esprime la satira attraverso un uso estensivo della pratica parodica 'a doppia voce' impone un certo grado di flessibilità nella sua discussione sulla nozione del discorso significativo all'interno dell'attuale panorama culturale Italiano..

Considerando che le 'dichiarazioni negative' incarnate dalla satira diretta del genere della 'commedia all'Italiana' fiorì in un periodo di intenso impegno politico per la nazione - dal al , con le proteste studentesche del 1968 all'epicentro di questo lasso di tempo - la sofisticata forma di Boris di 'satira parodistica' nacque in un periodo di indeterminazione politica, disimpegno dal discorso politico e lo scetticismo circa la possibilità di riforma sociale.


Conclusione

In conclusione può essere detto che, tanto quanto le tradizioni comiche straniere ed Italiane hanno ispirato l'umorismo di Boris, che combina l'enfasi satirica della 'commedia all'Italiana' con la referenzialità tipica delle serie 'mockumentary' estere, la sua stessa forma comica ibrida - non dissimile dalla forma del cronologicamente adiacente film di Nanni Moretti Il caimano (), un film che allude a quanto ridondante l'idea di fare un film su Berlusconi è narrando il tentativo di un produttore cinematografico di fare un film su Berlusconi - è stato anche il sottoprodotto delle confuse industrie politiche e culturali Italiane che ha così categoricamente criticato. La caratteristica 'a doppia voce' della serie di negare satiricamente all'interno del testo, con la sua ironica rappresentazione degli standard della 'fiction' del periodo del duopolio, mentre allo stesso tempo affermando al di fuori di esso, mediante la sua stessa esistenza come un'innovativa 'fiction' di qualità, riflette il suo posizionamento come un sottoprodotto liminare della cultura prodotta nel contesto di un periodo transitorio in cui i mezzi di produzione e consumo di intrattenimento in Italia subirono un cambiamento importante. Allo stesso tempo, tuttavia, la sua 'doppia-voce' riflette lo stato di indeterminatezza politica che ha prodotto una situazione di stallo non-finto nel e un bis frustrante nel .

Note

1 Il ruolo innovativo di Boris nello sviluppo di 'fiction' con standard televisi più alti è stato affrontato in due pubblicazioni Italiane: I. Pezzini, 'Uno sguardo traversale sulla fiction italiana: il caso Boris', in: M.P. Pozzato & G. Grignaffini (eds), Mondi Seriali, Percorsi Semiotici nella Fiction, Milano, RTI, , pp. 187-196; M. Brogna & M. Loi (eds), Boris, la 'fuoriserie italiana', in: Script, 46/47 ().

2 R. Brunelli, 'Papi, santi, divise, preti nun ve regghe chiù: fortuna che c'è "Boris"', L'Unità, , p. 23, http://archiviostorico.unita.it/cgi-bin/highlightPdf.cgi?t=ebook&file=/golpdf/uni_2007_05.pdf/23SPE21A.PDF&query=boris (visitato il ).

3 Per quanto riguarda la sua dimensione 'meta' come serie televisiva sulla realizzazione di serie televisive, Boris' sottotitolo - 'la fuoriserie italiana' - è particolarmente intelligente. Infatti, 'fuoriserie' è una parola che gli Italiani usano per riferirsi a macchine lussuose come le Ferrari o Maserati a differenze delle normali auto possedute dalle famiglie con un reddito medio - che ricorda agli spettatori l'intento di Boris di differenziarsi come serie televisiva oltre lo standard di qualità scadente solidificato durante il duopolio RAI-Mediaset. 'Fuoriserie' è, tuttavia, è anche la fusione di 'fuori', il termine italiano per 'outside', e 'serie', usato anche in Italia per riferirsi alla serie televisive - che delinea il suo contenuto narrativo di mostrare agli spettatori cosa succede sul set dietro le telecamere, fuori da ciò che gli viene mostrato sullo schermo all'interno di una serie televisiva regolare.

4 Precedentemente nota come Fininvest.

5 In un esempio molto noto del grado in cui i politici hanno un influenza sullo stato delle cose alla RAI, nella sua qualità di Presidente del Consiglio nel 2002, Berlusconi ha attaccato pubblicamente i presentatori di tramissione politiche per la RAI Michele Santoro, Enzo Biagi e Daniele Luttazzi, ognuno dei quali furono fermati nel loro lavoro dall'emittente a breve in seguito.

6 A questo punto della narrativa di Boris, la seconda serie de Gli occhi del cuore è inaspettatamente diventata una hit di successo. Il nervosismo della rete che richiede un avvicendamento di personale nella sua troupe non è il risultato di una mancanza di di audience, ma piuttosto di un 'segnale' richiesto da una rete che improvvisamente flirtando con l'idea della 'quality'. Questo fascino momentaneo è - il delegato di rete Diego Lopez (Antonio Catania) spiega a Ferretti - il risultato dell' 'improvvisa approvazione della "fiction" Italiana da parte di Umberto Eco (autore e teorico dei mass media), ... quello stronzo... ora siamo rovinati!' Così, in questo caso, gli autori di Boris usano questa opportunità di prefigurare la nozione che è l'insieme dell'industria culturale in Italia, e non solo il 'dondolio' politico della RAI, che partecipa al clima che ha incoraggiato la produzione di pessime serie 'fiction' come ad esempio Gli occhi del cuore.

7 La scelta di un film biografico su Machiavelli come 'progetto bufala' è particolarmente intelligente, dal momento che gli Italiani usano spesso l'aggettivo 'macchiavellico'per descrivere la contorta lotta per il potere di manovra, dopo la famigerata dichiarazione 'la fine giustifica i mezzi' contenuta nel saggio politico Il principe di Machiavelli.

8 Luca Cordero di Montezemolo è il proprietario dell'azienda di fuoriserie Ferrari.

9In un altro filo della narrazione di Boris, Lorenzo, lo stagista di fotografia, scopre che un suo zio ha conquistato un seggio in Parlamento come risultato delle elezioni e, quindi, nella terza stagione si vede la sua vendetta contro i suoi ex torturatori, gli elettricisti.

10 Il fratello più grande di Caterina, Corrado Guzzanti, fa anche parte del cast di Boris, nel ruolo dell'attore che nella fiction interpreta il personaggio de Il Conte, il cattivo della 'fiction' Occhi del cuore. Questo ruolo è stato il ritorno in televisione di Corrado Guzzanti, che aveva lasciato dopo la sua trasmissione Il Caso Scafroglia - anche molto critico sulla carriera di Berlusconi - andato in onda nel 2002. Curiosamente, il padre di Caterina, Corrado e Sabina, Paolo Guzzanti, è un inflessibile sostenitore di Berlusconi e venne eletto come membro della Camera dei Deputati Italiana tra le file del partito di Berlusconi Forza Italia.

11 Questo nuovo titolo della fiction Italiana in Inglese indica la sua presunta capacità di innovazione e prefigura un colpo di scena narrativo riguardante la sua origine.

12 Così la troupe è in procinto di girare un episodio nel quale al medico principale viene data una quaglia da mangiare per celebrare l'Italiana Festa della Repubblica e l'inclusione di questa tradizione culinaria inesistente rivela loro che la trama è stata copiata da un episodio della Festa del Ringraziamento Americana.

13 The Larry Sanders Show, una serie Americana orginariamente andata in onda su HBO tra il e il 1998, non è mai andata in onda in Italia. Comunque, è ampiamente considerata come il progenitore del genere sit-com 'mockumentary' e il suo posizionamento cruciale nella storia della commedia televisiva è stata certificata da un gran numero di premi, quindi è abbastanza verosimile che gli sceneggiatori televisivi professionali come gli autori di Boris ne erano a conoscenza durante la scrittura della loro serie.

14 Il nonno della famiglia al centro del racconto di Arrested Development è accusato di aver costruito una casa per Saddam Hussein in Iraq, il suo figlio più giovane è arruolato nell'Esercito Americano e in procinto di essere spedito in Iraq come parte della guerra contro il terrorismo di George Bush e il dodicesimo episodio della terza stagione è ambientato in Iraq e presenta un certo numero di sosia di Saddam Hussein.

15 P. Bondanella, A History of Italian Cinema (Una storia del cinema italiano), New York, Continuum, , p. 181.

16 Bondanella, A History (Una storia), cit., p. 181.

17 L. Hutcheon, A Theory of Parody. The Teachings of Twentieth-Century Art Forms (Una Teoria della Parodia. Gli Insegnamenti delle Forme d'Arte del Novecento), Chicago, University of Illinois Press (Stampa dell'Università dell'Illinois), , p. 6.

18 Ibidem.

19 Ivi, p. 22.

20 Ivi, p. 5.

21 Ivi, p. 33.

22 Ivi, p. 43.

23 Ivi, p. XIV.

24 Ivi, p. XII.

25 Ivi, pp. 43-33.

Parole chiave


Politici Italiani, stallo politico, mockumentary, commedia Italiana, Boris (sitcom Italiana)


Giacomo Boitani si è aggiudicato un Dottorato di Ricerca presso l'Università Nazionale dell'Irlanda, Galway, nel Maggio 2012 per la sua ricerca sulla relazione tra la modalità neorealista della produzione cinematografica Italiana del dopo-guerra (-54) e il genere cinematografico satirico conosciuto come 'commedia all'Italiana' (-). I suoi articoli sulla commedia Italiana sono apparsi su riviste come ad esempio Alphaville: Journal of Film and Screen Media (Alphaville: Rivista di film e di media televisivi) e Status Quaestionis (Stato della Questione) e in collezioni editate come ad esempio Great War in Italy: Representation and Interpretation (La Grande Guerra in Italia: Rappresentazione ed Interpretazione) e l'imminente Time-travel in the Media (Viaggio nel tempo nei Media). Le sue recensioni sono apparse sulle riviste come ad esempio Senses of Cinema (I Sensi del Cinema) e la Journal of American Studies of Turkey (Rivista degli Studi Americani della Turchia).


#205 - 1315 Bute Street, Vancouver, B.C., V6E 2A4 (Canada)

jackswan@libero.it; jackboitani@shaw.ca


Riassunto

'Il pareggio elettorale è la vita': Boris e la satira dei mass media italiani e dell'industria culturale odierni


Nel il network satellitare Fox Italia ha cominciato la produzione di Boris, una serie comica del genere mockumentary messa in onda sui canali Sky Italia dal al . La trama di Boris narra le peripezie di una troupe televisiva alle prese con la produzione di una soap-opera per la RAI. In Italia la serie è presto diventata un prodotto 'cult'. Nella serie Boris i pigri e opportunisti membri della troupe televisiva fittizia sono rappresentati come succubi delle ripercussioni che gli sviluppi politici nel Paese hanno sul servile network per il quale lavorano. Gli attori nella soap-opera fittizia vengono rimpiazzati e la trama stessa della soap-opera viene riscritta a seconda delle nuove coalizioni che vengono formate in Parlamento e i membri della troupe sono costantemente alla ricerca di raccomandazioni e protezione politica. Per quanto satirizza lo stato del Paese, Boris mette anche in discussione il fatto stesso che l'industria culturale Italiana corrente possa produrre un discorso significativo. Con riferimento alla teorizzazione della 'parodia' da parte di Linda Hutcheon, questo articolo discute la rappresentazione che Boris ha tratteggiato dell'industria culturale, analizza il rapporto esistente tra la serie e tradizioni comiche Italiane che l'hanno preceduta (la 'commedia all'italiana') e il modo in cui l'ironia implementata dalla serie ricalca e/o diverge da quella tipica delle serie mockumentary estere che l'hanno ispirata (Arrested Development e The Larry Sanders Show).

Contatti

Per informazioni e suggerimenti inviate una e-mail a borisitaliaweb@gmail.com

Social

Ultime news

News 2019 - BORIS - La fuori serie italiana

14/06/2019 | Facebook - BCT - Benevento Cinema e Televisione

BORIS - La fuori serie italiana
News 2019 - Boris al Festival Benevento Cinema e Televisione

12/06/2019 | BCT Festival Benevento

Boris al Festival Benevento Cinema e Televisione

Meme casuali

S02E01

Verrà un giorno che la mia (a)gente si ribellerà di tutto questo. Il vostro modo di fare, la vostra mentalità.
Boris Il film

- No, volevo ringraziare per la chiarezza, avevo capito subito dove volevate andare a parare. Allora io ho 4 facce di merda, di quelle diciamo classiche, evergreen, e poi ho un giovane trentenne promettente, Tatti Barletta, non so se lo conoscete. È una vera faccia de merda. Eh, è ingrassato ed è perfetto. Vi mando la foto. | - A dopo, grazie. Ha detto proprio grazie per la chiarezza.

© Boris Italia - . Boris Italia è un fansite dedicato alla serie tv italiana Boris. Dal , con gioia e passione. | Webmaster: Salvatore Blanca