Questo sito web aderisce al Regolamento UE /679, comunemente denominato GDPR. Utilizziamo cookies propri e di terze parti per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Per maggiori informazioni, leggi la cookie policy e privacy policy.

Boris su Netflix
  • Bandiera dell'Italia
  • Bandiera del Regno Unito

News 2008

Telefilm Festival 2008: conferenza stampa Boris 2: la generalista può attendere

| TVblog.it

TVblog.it - Articolo - Telefilm Festival 2008: conferenza stampa Boris 2: la generalista può attendere - Pagina 01 TVblog.it - Articolo - Telefilm Festival 2008: conferenza stampa Boris 2: la generalista può attendere - Pagina 02 TVblog.it - Articolo - Telefilm Festival 2008: conferenza stampa Boris 2: la generalista può attendere - Pagina 03 TVblog.it - Articolo - Telefilm Festival 2008: conferenza stampa Boris 2: la generalista può attendere - Pagina 04

Bandiera dell'Italia Bandiera del Regno Unito Mostra/nascondi la trascrizione e la traduzione.

Telefilm Festival 2008: conferenza stampa Boris 2: la generalista può attendere

Di Paolino | @ PaoloSutera | sabato


Come da programma, questa mattina nell'ambito del Telefilm Festival si è tenuta la conferenza stampa della seconda stagione di "Boris", la (fuori) serie italiana prodotta da Wilder per Fox Channels Italy, in onda da lunedì alle su Fox. (Fotogallery)


All'incontro erano presenti i registi e sceneggiatori Luca Vendruscolo, Giacomo Ciarrapico e Mattia Torre, oltre a Fabrizio Salini di Fox, Gabriele Immirzi di Wilder ed il cast, tra cui ricordiamo Pietro Sermonti, Antonio Catania, Caterina Guzzanti ed Alessandro Tiberi. Moderatore Umberto Brindani, Direttore di "Tv Sorrisi e Canzoni", che ha aperto l'incontro definendo la serie "una garbata presa in giro della fiction italiana".


In un solo anno, "Boris" si è saputa imporre nel panorama satellitare, facendosi apprezzare da critica e pubblico e mostrando come non sempre osare in tv comporti un fallimento. A confermare queste parole è stato Fabrizio Salini, che ha ricordato anche la presenza, oltre ai "regulars", di importanti guest star:


"La seconda stagione, visto il successo della prima, era inevitabile. Grazie al cast, ai registi ed ai produttori siamo riusciti a creare un piccolo evento per la seconda volta. Anche quest'anno, avremo molte guest star: Corrado Guzzanti (nei panni di un attore un po' fuori di testa che nella fiction "Gli occhi del cuore" sarà il cattivo Conte, ndr), Giorgio Tirabassi (già presente nella prima stagione, ndr), Massimiliano Bruno e tante altre".


A prendere la parola è stato quindi Gabriele Immirzi della Wilder, che non nasconde la soddisfazione di poter trarre visibilità da "Boris", oltre che di aver contribuito alla sua realizzazione:


"Il satellite più che una catacomba (riferendosi ad una frase detta da Pietro Sermonti in un'intervista a "Sorrisi" della prossima settimana, che poi Brindani ha pubblicamente ammorbidito per scagionarlo, ndr) è un'isola felice, dove abbiamo trovato persone che hanno contribuito in modo eccezionale al prodotto. La serie è nata dal rapporto fraterno con un gruppo di autori straordinario e ci ha dato la possibilità di lavorare ad altre fiction e di farci conoscere".


E' il turno di Luca Vendruscolo, che parla a nome del trio di autori-registi della serie. L'autore ha sottolineato le intenzioni, nello scrivere la seconda stagione, di dare una sferzata di cambiamento ai personaggi:


"L'anno scorso siamo partiti con l'idea di raccontare come dei personaggi fatti di una parte buona e di una malsana abbiano potuto realizzare un fiction di qualità media come "Gli occhi del cuore 2". Non pensavamo di fare una seconda serie, ed inizialmente volevamo farli evolvere, ma non ci sembrava realistico. Allora c'è stata l'idea di raccontarli allo stesso modo della prima serie, ma alla fine abbiamo deciso di farli regredire. I personaggi in questa seconda stagione evolvono, nel senso che regrediscono. C'è stato un gran contributo da parte degli attori, ma anche di ogni membro della troupe. C'è un senso di coesione intorno ad un'idea di fiction satirica come questa, e questa stagione sarà sempre anarchica ed anche più trasgressiva".


A proposito del cast, durante la conferenza sono intervenuti alcuni attori, che hanno riportato la loro esperienza sul set. Il primo è stato Antonio Catania:


"E' vero che il satellite è un'isola felice dove puoi fare quello che vuoi. Noi attori sul set di "Boris" riviviamo e prendiamo in giro serie che magari abbiamo girato fino a due mesi prima (si riferisce forse a "Ho sposato uno sbrirro"?Ndr). Penso che il mio personaggio rientri nella realtà di tutte le fiction: colui che pensa di sapere tante cose ma in realtà non sa niente.".


Tirata in ballo la questione "tv di qualità", è Pietro Sermonti che dice la sua, augurandosi che questa serie possa dare il via a


"Un circolo virtuoso, che possa contaminare in modo positivo il genere fiction".


A chiudere il giro di interventi, oltre che un'emozionata Eugenia Costantini, new entry della seconda stagione, è un altro nuovo ingresso, Karin Proia, il cui ruolo viene emblematicamente spiegato nella sigla di testa (sempre cantata dagli Elio e le Storie Tese): "le cosce".


"E' stato divertentissimo. Ho trovato attori straordinari ed un ruolo straordinario. Fox, non farti scappare questi sceneggiatori!".


Tra le varie domande, che hanno trovato risposta nelle affermazioni sopra riportare, non si poteva fare quella relativa ad una probabile messa in onda su una rete generalista, a cui ha risposto prontamente Salini:


"Abbiamo ricevuto più di una proposta interessante, ma non si è concluso nulla. Per ora, dovrete continuare a vedere "Boris" su Fox".

Telefilm Festival 2008: press conference Boris 2: the generalist TV can wait

By Paolino | @ PaoloSutera | saturday


As planned, this morning as part of the Telefilm Festival was held the press conference of the second season of "Boris", the Italian (off) series produced by Wilder for Fox Channels Italy, airing from Monday at on Fox. (Fotogallery)


At the meeting was attended by the directors and screenwriters Luca Vendruscolo, Giacomo Ciarrapico e Mattia Torre, in addition to Fabrizio Salini from Fox, Gabriele Immirzi from Wilder and the cast, among which we remember Pietro Sermonti, Antonio Catania, Caterina Guzzanti and Alessandro Tiberi. Moderator Umberto Brindani, Director of "Tv Sorrisi e Canzoni", who opened the meeting defining the series "a gentle mockery of Italian drama"


In just one year, "Boris" has been able to impose in the satellite panorama, being appreciated by critics and audience and showing how not always dare on TV involves a failure. To confirm these words was Fabrizio Salini, who also mentioned the presence, in addition to the "regulars", of important guest stars:


"The second season, because of the success of the first one, was inevitable. Thanks to the cast, directors and producers we have managed to create a small event for the second time. Also this year, we will have many guest stars: Corrado Guzzanti (in the role of an actor a little out of mind that in the drama "Gli occhi del cuore" (The eyes of the heart) will be the villain Count, ndr), Giorgio Tirabassi (already present in the first season, ndr), Massimiliano Bruno and many others".


To take the word has been then Gabriele Immirzi of Wilder, that doesn't hide the satisfaction of being able to get visibility from "Boris", in addition to having contributed to its realization:


"The satellite more than a catacomb (referring to a phrase told by Pietro Sermonti in an interview for the tv magazine "Sorrisi" of the next week, that then Brindani has publicly softened to clear him, ed) is an happy island, where we found people who have contributed in an exceptional way to the product. The series was created from the fraternal relationship with a group of extraordinary authors and gave us the opportunity to work to other drama and let us make to know".


It's the turn of Luca Vendruscolo, speaking on behalf of the trio of the authors-directors of the series. The author pointed out the intentions, in writing the second season, to give a lashing of change to the characters:


"Last year we started with the idea of telling how some characters made of a good and unhealthy part have been able to realize a drama of average quality as "Gli occhi del cuore 2" (The eyes of the heart 2). We didn't think to make a second series, and initially we wanted to develop them, but it didn't seem realistic to us. Then there was the idea of narrate them in the same way of the first series, but in the end we decided to make them regress. The characters in this second season evolve, in the sense that they regress. There was a large contribution from the actors, but also from every member of the crew. There is a sense of cohesion around an idea of satirical drama like this, and this season will be always anarchic and also more transgressive".


About the cast, during the conference have intervened some actors, who reported their experience on set. The first was Antonio Catania:


"It's true that the satellite is an happy island where you can do whatever you want. We actors on the set of "Boris" relive and make fun of series that perhaps we have shot two months before (does he probably refer to "Ho sposato uno sbrirro" (I married a cop)? ed). I think that my character falls within the reality of all drama: the one who thinks to know many things but actually doesn't know anything.".


Pulled up the question "tv of quality", is Pietro Sermonti who says his opinion, hoping that this series can start a


"A virtuous circle, which can contaminate in a positive way the drama genre".


To close the round of the interventions, besides an emotioned Eugenia Costantini, new entry of the second season, is another new entry, Karin Proia, whose role is symbolically explained in the opening (always sung by Elio e le Storie Tese): "le cosce" (The thighs).


"It has been very funny. I found amazing actors and an extraordinary role. Fox, don't miss these screenwriters!".


Among the various questions, that have been answered in the statements above reported, it could not make the one concerning a possible airing on a generalist tv, to which Salini quickly responded:


"We received more than an interesting proposal, but nothing haven't been ended. For now, you'll have to continue to watch "Boris" on Fox".

Elenco delle news 2008

Social

Webmaster: Salvatore Blanca

Merchandising | Scopri tutto quello che puoi acquistare sulla serie Boris e Boris Il film

Boris - La fuori serie italiana Stagione 01 Boris 2 Boris 3 Boris Il Film (DVD) Boris Il Film (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris Il film - Elio e le storie tese Boris Il film - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

© Boris Italia - . Boris Italia è un fansite dedicato alla serie tv italiana Boris. Dal , con gioia e passione.

Top