This website adheres to the EU Regulation /679, commonly known as GDPR. We use technical and third-party cookies to customize contents and ads, to provide social media features and to analyze our traffic. For more information, read the cookie policy and privacy policy.

Boris reunion at Lucca Film Festival
  • Italy flag
  • United Kingdom flag

News 2008

Boris don't leave us! In fact it doesn't leave us...

| L'Unità

L'Unità - Article - Boris don't leave us! In fact it doesn't leave us... - Page 01 L'Unità - Article - Boris don't leave us! In fact it doesn't leave us... - Page 02 L'Unità - Article - Boris don't leave us! In fact it doesn't leave us... - Page 03 L'Unità - Article - Boris don't leave us! In fact it doesn't leave us... - Page 04

Italy flag United Kingdom flag Show/hide the transcription and the translation.

TV Saporita Chiusa la seconda serie, verso la terza su Fox. Le avventure del conte Guzzanti che ci piacciono tanto

Boris non ci lasciare! Infatti non ci lascia...



di Silvia Garambois


Alla faccia dell'Auditel, Boris2 -andato in onda nottetempo su Fox, tv satellitare criptata, è il «fenomeno» televisivo dell'anno. Non sappiamo che percentuale di telespettatori ha potuto seguirlo (bassa, temiamo), ma chi lo ha «trovato» non lo ha più mollato: a riprova la giuria popolare del recente RomaFictionFest lo ha giudicato il miglior telefilm tra le 400 ore di fiction della mostra e sui siti internet dedicati alla tv è un osanna. Dove sta il trucco? Non è un kolossal. Non ha l'aria di essere costato un patrimonio. Vive su un'ideuzza carina (il dietro le quinte di una soap-opera all'italiana). C'è al lavoro una squadra di gente che sembra divertirsi. Tutto qui. Il risultato è che siamo di fronte a una fiction divertente, ironica, maledettamente verosimile, con i suoi raccomandati, frustrati, iper-attivi, e via elencando i caratteri di chi vive di spettacolo, recitando o sistemando le luci.

Incidentalmente, nel cast ci sono Corrado e Sabina Guzzanti, Paolo Calabresi (è quello «Zelig» che è riuscito a spacciarsi per Nicolas Cage per seguire la Nazionale in trasferta), Pietro Sermonti, Antonio Catania (finalmente dismessi gli abiti del carabiniere e del poliziotto, eterno secondo al fianco di Diego Abatantuono o di Flavio Insinna), Francesco Pannofino, eccetera eccetera perché è un peccato non citarli tutti, ma sono davvero una notevole squadra tra attori, tecnici, press agent finti e veri.

Il gioco è quello di seguire il set di una soap «troppo italiana» (come ripete il suo protagonista dall'ego sconfinato e frustrato, Stanis, ovvero Pietro Sermonti) e dall'emblematico titolo «Gli occhi del cuore». Uno strazio. Per soprammercato la sigla della soap è di Elio e le Storie Tese. Il regista (Pannofino) dopo aver dato il ciak pensa ai fatti suoi - e soprattutto al copione di Machiavelli, perché lo sa che se ti chiedono quella regia vuol dire che i tuoi giorni sono contati: nessuno dei dieci registi che lo hanno avuto tra le mani ha mai più avuto un futuro. (Supponiamo che sia un incubo ricorrente nei registi di fiction da quattro soldi). Il protagonista sogna il teatro, si sente sprecato e lo fa pesare nell'indifferenza di tutti. E nel cast quest'anno è comparso anche il «conte cattivo», Corrado Guzzanti, assolutamente in gran forma, che - per esagerare - schiuma come un indemoniato e vuole redimersi.

Purtroppo (purtroppo) è finita: l'altra sera sono andati in onda gli ultimi due episodi, «Stanis non deve morire» e - manco a dirlo - «L'ultima puntata». La sceneggiatura della soap prevedeva morte violenta per il protagonista: che altro fare con una soap che non ha soldi per andare avanti e non fa ascolti? Del resto: persino in Dallas avevano fatto morire il protagonista (salvo poi farlo resuscitare sotto la doccia: uno dei paradossi metafisici più folli nella storia della fiction tv). Ma anche se la rete ha deciso di non mandare più in onda la soap «troppo italiana» - questa la motivazione del finale cruento - a Stanis/Sermonti non piace lasciare il pubblico così. E, alla fine della fine, vengono resi noti i dati Auditel dell'ultima puntata: «Gli occhi del cuore» si salverà? Confidenza per confidenza: tutto il cast, in sala alla presentazione al RomaFictionFest, non aveva l'aria degli addii. Ci sono buone speranze che «Gli occhi del cuore 3» resusciti (e con lui Boris... tre). In attesa della terza stagione, un chiarimento per chi non è entrato nel «clan degli amici di Boris»: il Boris del titolo altri non è che un pesciolino rosso, che dalla sua boccia di cristallo tutto vede. Senza fiatare. Per fortuna.

Post Scriptum: su Fox, comunque, si replica. E della prima serie andata in onda nel è uscito un Dvd (tre dischi in cofanetto), dall'inequivocabile titolo «Boris - La fuori serie italiana», con le vecchie puntate della «fiction sulla fiction».

Fans scatenati su Fox per le avventure di questo telefilm con Corrado e Sabina...

Tasty TV Closed the second series, towards the third on Fox. The adventures of the Count Guzzanti that we like so much

Boris don't leave us! In fact it doesn't leave us...



by Silvia Garambois


To the face of the Auditel, Boris2 -aired at night on Fox, the ecrypted satellite television, is the television «phenomenon» of the year. We don't know what percentage of viewers could follow it (low, we fear), but who has «found» it has no longer given it up: as proof the popular jury of the recent RomeFictionFest has judged it as the the best tv series among the 400 hours of dramas of the festival and on the websites dedicated to the tv is glorified. What's the catch? It's not a blockbuster. It doesn't seem to have cost a fortune. It lives on a pretty little idea (the behind the scenes of an Italian soap-opera). There is at work a team of people that seems to have fun. That's all. The result is that we are faced with a drama funny, ironic, terribly likely, with its recommended ones, frustrated, hyper-active, and so forth listing the characters of those who life with the entertainment, playing or adjusting the lights.

Accidentally, in the cast the are Corrado and Sabina Guzzanti, Paolo Calabresi (is that «Zelig» who has been able to impersonate Nicolas Cage to follow the Italian National Football Team on away), Pietro Sermonti, Antonio Catania (finally abandoned the roles of policemen, eternal second alongside Diego Abatantuono or Flavio Insinna), Francesco Pannofino, etc. etc. because it's a pity not to mention them all, but they are really a notable team of actors, technicians, press agent fake and real.

The story is that to follow the set of a soap «too Italian» (as it's repeated by its protagonist with boundless and frustrated ego, Stanis, that is Pietro Sermonti) and with the emblematic title «Gli occhi del cuore» (The eyes of the heart). A pain. Over more the theme song of the soap is by Elio e le Storie Tese. The director (Pannofino) after giving the ciak thinks his own business - and especially to the script of Machiavelli, because he knows that if someone asks you that direction it means that your days are numbered: none of the ten directors who have had it in their hands has never had a future. (We suppose that is a recurring nightmare in directors of drama from peanuts). The protagonist dreams to play at the theater, he feels wasted and he makes weight it in the indifference of all. And in the cast this year is also appeared the «bad count», Corrado Guzzanti, absolutely in top form, that - to exaggerate - foams like a man possessed and wants to reedem himelf.

Unfortunately (unfortunately) it's over: last night aired the the last two episodes, «Stanis non deve morire» (Stanis must not die) and - needless to say - «L'ultima puntata» (The last episode). The script of the soap included violent death for the protagonist: what else to do with a soap that doesn't have money to go ahed and doesn't make audience? Moreover: even in Dallas had killed the protagonist (except then resurrecting him in the shower: one of the wildest metaphysical paradoxes in the history of the TV drama). But even if the network decided not to air the soap «too Italian» - this the motivation of the cruel final - Stanis/Sermonti doesn't like to leave the audience so. And, at the end of the end, are announced the Auditel data of the last episode: «Gli occhi del cuore» (The eyes of the heart) will be saved? Confidence for confidence: the entire cast, in the lounge at the presentation at the RomeFictionFest, had not the air of saying goodbye. There are good hopes that «Gli occhi del cuore 3» (The eyes of the heart 3) resurrects (and with it Boris... three). Waiting for the third season, a clarification for who is not entered in the « clan of the friends of Boris»: the Boris of the title is none other than a goldfish, which from its crystal ball sees everything. Without saying a word. Luckily.

Post Scriptum: Fox, however, replicates. And it was released the DVD (three discs in box set) of the first series aired in , with the unequivocal title «Boris - La fuori serie italiana» (Boris - The Italian off series), with the old episodes of the «drama about the drama».

Fans unleashed on Fox for the adventures of this tv series with Corrado and Sabina...

List of the news 2008

Fun

Merchandising | Buy DVD and gadgets about Boris

Boris - The Italian off series Season 01 Boris 2 Boris 3 Boris The movie (DVD) Boris The movie (Blu-ray) Boris 3 - Carmelo Travia Boris The movie - Elio e le storie tese Boris The movie - Carmelo Travia e Giuliano Taviani

Webmaster: Salvatore Blanca

© Boris Italia - . Boris Italia is a fansite about Italian tv series Boris. Since , with joy and passion.

Top