Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Chiudendo questo banner, continuando la navigazione sul sito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie in accordo con la nostra policy. Per maggiori informazioni leggi qui. Accetto

Chiudi banner

Boris 3 - 3x13 - Ritorno al futuro (prima parte)

« Elenco episodi

Nella puntata 3x13, René si trova insieme ad Alessandro sulla barca dei 3 sceneggiatori. Il regista dice ai 3 autori di Medical Dimension di volersi salvare e per questo motivo voleva il loro aiuto. Intanto sul set Arianna prova a contattare René perché la sua assenza aveva causato caos sul set. Biascica chiede a Duccio quale sarebbe stato il loro destino e il direttore della fotografia gli dice che aveva già trovato un posto come guardia forestale nella riserva naturale dell'Abruzzo. Arianna chiede a Sergio se potevano girare qualcosa ma il delegato di produzione la caccia. Itala dice ad Alfredo che l'errore di Medical Dimension era quello di aver puntato tutto sulla qualità. I 3 sceneggiatori cercano insieme a René di trovare una soluzione per la trama di Medical Dimension ma nonostante gli sforzi non riescono a trovare una via d'uscita. Uno degli sceneggiatori trova una scusa per smettere di lavorare ma René li rimette in riga puntando loro una pistola. Sul set anche Stanis è stanco di aspettare il regista ed esprime all'assistente alla regia il suo disappunto. Visto la lunga attesa l'attore comunica ad Arianna che se ne sarebbe andato. René chiama Arianna e l'assistente alla regia gli dice che Stanis stava abbandonando la serie. Il regista prega Arianna di fermarlo in qualsiasi modo. Arianna dice a Stanis che erano pronti a girare una scena fondamentale di Medical Dimension in cui il protagonista era il Dottor Giorgio Corelli. Per attirare l'attenzione e la curiosità dell'attore, Arianna inventa una scena sul momento e Stanis rimane entusiasta per la nuova scena. Dopo 2 ore di attesa, anche Biascica inizia ad innervosirsi per la straziante attesa ed Arianna non sa cosa rispondergli.


Finalmente arriva sul set René insieme ad Alessandro e ai 3 sceneggiatori. Appena entrato in teatro, René da le sue disposizioni su come girare la scena. Arianna chiede spiegazioni ad Alessandro e lo stagista le risponde che René le avrebbe spiegato tutto con calma. Sul set arriva anche Cristina Avola Burkstaller, convocata da René per le nuove scene da girare. Alfredo e Sergio sono sorpresi di rivedere Cristina e rimangono stupefatti nel vedere che la giovane attrice si era recata sul set senza autista ed era arrivata con una utilitaria. L'attrice chiede subito di essere pagata e spiega i cambiamenti più recenti avvenuti nella sua vita. Cristina spiega di essersi staccata dalla sua famiglia e che adesso contava solo sulle sue forze e sui suoi guadagni. Prima di iniziare la scena, René chiama il reparto di fotografia. Lorenzo subito va dal regista ma René lo caccia in malo modo. Il regista voleva Duccio e a quest'ultimo spiega la scena da girare. Duccio dice al regista di riferire tutto a Lorenzo ma René decide di mettere le carte in tavola. Il regista sa benissimo che fino ad ora la fotografia era stata fatta da Lorenzo ma lui adesso per le nuove scene voleva la fotografia di Duccio. René voleva che Duccio aprisse tutto e ritornasse a fare la fotografia di una volta. Il direttore della fotografia rimane commosso dalla parole del regista e lo abbraccia. Dopo le parole di René, Duccio ne approfitta per dire a Lorenzo che la sua fotografia faceva schifo e che lo stagista di fotografia non aveva saputo cogliere l'opportunità.


Prima di iniziare a girare, Arianna comunica a René che Corinna era a Parigi a girare uno spot con Glauco Benetti, il regista amico di René e che quindi non poteva essere sul set. Il regista chiama Glauco e gli lascia un messaggio in segreteria. René rivede insieme ai 3 sceneggiatori l'ultima scena di Medical Dimension che aveva girato, quella con Valerio. Arianna, dopo aver rivisto la scena, dice che sarebbe stato meglio eliminare il personaggio di Valerio ma i 3 sceneggiatori insistono dicendo che avrebbero risolto la situazione. René va a dare il ciak di persona e svela a tutti la grande novità: la scena che avrebbero girato era la prima puntata della terza stagione de Gli occhi del cuore. In mezzo allo stupore di tutti, René annuncia il ritorno al passato e dichiara di voler abbandonare la qualità. Tra l'entusiasmo di tutti e l'incredulità di Arianna, René gira la scena di Stanis che serve da crossover tra l'ultima puntata girata di Medical Dimension e la nuova puntata de Gli occhi del cuore. René è contento della scena appena girata con Stanis. Dopo aver girato la scena René ringrazia Cristina, appena entrata in teatro, per essere venuta sul set a girare le scene della prima puntata de Gli occhi del cuore 3. La giovane attrice ringrazia il regista per l'opportunità di lavoro e gli spiega la sua situazione familiare. Dopo aver sentito il messaggio di René, Glauco contatta il regista. René chiede all'amico di girare alcune scene con Corinna e di mandargliele il prima possibile. Glauco comunica a Corinna che avrebbero dovuto girare alcune scene per René. Sergio propone di dare fuoco al teatro e di incassare i soldi dell'assicurazione ma René non è convinto dalla proposta del delegato di produzione.


In video conferenza René parla con Corinna. L'attrice è entusiasta per il film de Gli occhi del cuore ma René, in un primo momento perplesso, conferma quanto era stato detto da Glauco all'attrice. Glauco ordina all'attrice di andarsi a preparare per le scene da girare e confida a René che aveva perso la pazienza lavorando con Corinna. Prima di girare la scena, Glauco, su richiesta di Corinna, spiega all'attrice come dire le battute. René si appresta a girare altre scene de Gli occhi del cuore 3. La prima scena è quella in cui Sofia, in Africa, durante il cuore della notte ha la visione della cugina Giulia, dispersa tra le acque del fiume Ngube, che la avverte di ritornare a Roma perché Giorgio era in pericolo. Nella seconda scena troviamo il Dottor Corelli che si droga a causa della sofferenza per il figlio Jonathan che non aveva mai conosciuto. Nella terza scena troviamo il Dottor Giorgio nel suo studio che riceve la visita di Sofia con il piccolo Jonathan. Giorgio ammette a Sofia di amare ancora Sandra Gusberti e proprio sul più bello entra in scena il commissario di polizia che rivela di essere stata operata a Sidney e di essere entrata in un reparto speciale sotto copertura. La Gusberti ammette di essere ancora innamorata di Giorgio ma il Dottor Corelli le dice che Villa Orchidea era diventata un clinica degli errori. Sofia affida il piccolo Jonathan a Sandra e Giorgio. Sul finale della scena il Dottor Giorgio inizia ad avvertire dei problemi di vista. Dopo aver finito di girare la scena, i 3 sceneggiatori dicono a René che ancora mancava qualcosa. Uno degli sceneggiatori dice che erano necessarie delle novità e bisognava introdurre nella serie qualcosa che ancora non era stato visto nelle stagioni precedenti de Gli occhi del cuore.

Eugenia Costantini

Foto di Eugenia Costantini alias Cristina Avola Burkstaller

Cristina Avola Burkstaller

attrice de Gli occhi del cuore 3 - Dottoressa Sofia, cugina della Dottoressa Giulia
Carolina Crescentini

Foto di Carolina Crescentini alias Corinna Negri

Corinna Negri

attrice de Gli occhi del cuore 3 - Dottoressa Giulia
Giorgio Tirabassi

Foto di Giorgio Tirabassi alias Glauco Benetti

Glauco Benetti

regista amico di René
Karin Proia

Foto di Karin Proia alias Karin

Karin

attrice de Gli occhi del cuore 3 - Commissario di Polizia Sandra Gusberti
Arianna Mattioli

Foto di Arianna Mattioli alias truccatrice di Medical Dimension

truccatrice di Medical Dimension
 
  • Luigi Pirandello, citato da uno dei 3 registi, è nato ad Agrigento il 28/06/1867. Visto che uno degli sceneggiatori dice che in quel giorno avrebbe compiuto 143 anni, quella scena in barca dovrebbe essere ambientata il 28 giugno 2010.
  • Notting Hill, citato da René, si riferisce al celebre film del 1999 in cui hanno recitato Julia Roberts e Hugh Grant. Il film è stato girato nel distretto di Notting Hill, a Londra. (Fonte ed approfondimento: Wikipedia.it)
  • "Metti la cera, togli la cera", la frase pronunciata da uno degli sceneggiatori ad Alessandro, è tratta dal film Karate Kid.
  • L'11 Settembre citato da Sergio ovviamente si riferisce agli attentati dell'11 Settembre 2001 che hanno colpito gli Stati Uniti d'America.
Biascica e Duccio

Duccio: Sono io la guardia forestale. 2000€ al mese, 0 spese e c'ho pure una casetta dove si può andare a pensare.


Alfredo ed Itala

Itala: Stamme a senti': la cazzata vera è stata fatta 5 mesi fa co' sto Medical Dimension. Co' a qualità, a qualità, a me mi fa schifo anche solo la parola. 'A qualità! Quanno sarà tutto finito, cioè domani, a noi ce tratteranno come l'appestati, hai capito? Altro che Ferretti, condottiero de 'sta ceppa.


René

René: Io voglio la merda del passato, io sono il re della merda, voi siete degli esseri di merda che vivono nella merda e insieme possiamo fare un grande classico.


I 3 sceneggiatori

Sceneggiatore 3: Signori, fermi tutti. Oggi Luigi Pirandello avrebbe compiuto 143 anni.


René, i 3 sceneggiatori ed Alessandro

Sceneggiatore 3: René noi su 'ste cose ci fermiamo.
René: Ma come vi fermate, scusa?
Sceneggiatore 3:Ci fermiamo, andiamo a saraghi.


Arianna e Stanis

Stanis: Sono rimasto perché sono molto affezionato a questo posto, a questo teatro, la sua particolare atmosfera. Non sono rimasto per aspettare René Ferretti, questo è chiaro? Perché Stanis La Rochelle non aspetta...
Arianna: Nessuno
Stanis: Nessuno.


Stanis e Arianna

Arianna: È una scena bellissima, una scena in cui, tu, sei, davanti allo specchio e prendi atto di quanto sei cresciuto, no, di quanto sei maturato, di quanto sei uomo, bello, un bellissimo, ecco e vedi proprio tutta la tua virilità.


René

René: Qui voglio un carrello, alla Notting Hill, capito, alla londinese!


Sceneggiatore 3 ed Alessandro

Sceneggiatore 3: E insomma sei diventato dialoghista di Libeccio, eh. Bravo ragazzo mio, vai è così che si inizia. Metti la cera, togli la cera. Metti la cera, togli la cera.


Alfredo e Sergio

Sergio: Oh, c'è la fija de Mazinga. Con la Uno, senza autista.


Alfredo e Sergio

Alfredo: Mortacci loro de 'sti miliardari. Guarda, c'hanno il cuoco personale, il jet privato e arrivano con la Uno fracica. Daje!


Cristina

Cristina: Io adesso conto solo su me stessa. Sulle mie forze, sui miei guadagni.


Sergio, Alfredo e Cristina

Cristina: No, ho chiuso con mio padre. Da 3 mesi.
Sergio: Ma va'?
Cristina: Sì. Sai, una volta è venuto da me e mi ha iniziato a fare tutti i discorsi strani tipo, sai, forse non sono tuo padre, io l'ho fermato subito e gli ho detto: allora caso mai, forse, sono io che non sono tua figlia. E poi comunque se le cose stanno così dammi la mia quota, arrivederci e grazie.


René, Lorenzo e Duccio

René: Io voglio te. Basta con la fotografia da fighetto de 'sto stronzo. Capito, io voglio la roba tua, la roba tua, 'n tanto al chilo, hai capito? La roba tua de 'na volta, voglio che apri tutto. Voglio che smarmelli!


Lorenzo, Biascica e Duccio

Duccio: Hai capito che cosa ha detto René? Che la tua fotografia fa schifo. Io ti volevo dare una possibilità ma tu non l'hai saputa cogliere perché hai voluto fare una fotografia politica, ignaro del fatto che i muri sono caduti.
Lorenzo: I muri?
Duccio: Adesso è tornato il tempo di aprire tutto.


René e i 3 sceneggiatori

Sceneggiatore 1: Lasciaci fare il nostro lavoro. Tu fai le cose tue, no. Vai a urlare alle comparse o cose del genere.


René

René: Occhi del cuore 3, 1 bis, prima!


René

René: Sì signori, avete capito bene. Occhi del cuore 3. Perché a noi la qualità c'ha rotto er cazzo! Perché un'altra televisione diversa è impossibile. Viva la merda!


René, Itala ed i 3 sceneggiatori

Itala: Hai capito 'sto puzzone! Faceva finta, non era un vero disabile. Da paura, eh!


Cristina e René

Cristina: Guarda, non me ne parlare. Da sola con questi 30 milioni. Anche perché a noi giovani non ci aiuta nessuno.


Glauco Benetti e Corinna

Glauco Benetti: Ma tu perché non te sei mai rifatta? Il naso, le labbra, le zinne. C'hai un problema, sei cattolica, hai fatto un voto, un fioretto?


Glauco Benetti e Corinna

Corinna: Glauco tu sei cattivo però, eh. Sei proprio cattivo.


Corinna

Corinna: René, ma allora è vera questa storia, si fa il film de Gli occhi del cuore?


Glauco Benetti

Glauco Benetti: Ma come hai fatto a sopportarla 2 anni questa? Io il giorno dopo volevo prendere il macete in macchina.


Stanis, Biascica e Karin

Karin: René, te credo che non funziona. Famoli sogna' 'sti italiani, no. Famole vede' un po' de zinne.


René ed i 3 sceneggiatori

Sceneggiatore 2: Questa è merda, vecchia, loro adesso vogliono merda, nuova.

► Condividi questa pagina

Share