Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Chiudendo questo banner, continuando la navigazione sul sito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie in accordo con la nostra policy. Per maggiori informazioni leggi qui. Accetto

Chiudi banner

Boris 2 - 2x11 - L'Italia che lavora

« Elenco episodi

Nell'undicesima puntata viene girata una scena tra Stanis e Mariano. Durante le riprese René legge le sceneggiature di Macchiavelli e non segue gli attori. Finisce la scena, il regista neanche si accorge che stavano girando ma ci pensa Arianna a dire che la scena era buona. Subito dopo la fine della scena sul set arriva Padre Gabrielli, il nuovo agente di Mariano. Padre Gabrielli è contento per la scena appena girata da Mariano. Dopo le riprese, Sergio va da Arianna e le chiede il programma del giorno. L'assistente alla regia gli spiega le scene che dovevano essere girate e Sergio chiede maggiori informazioni sugli ambienti delle scene. Il delegato di produzione le spiega che gli ambienti potevano essere arricchiti. Mariano presenta Padre Gabrielli, il suo agente, a René. René rimane stupito da Padre Gabrielli e quest'ultimo chiede a Mariano di mostrargli il suo camerino.


Biascica, intanto, è sempre più depresso. Sergio va da René e gli dice di non pensare al suo scontro con Cristina. Il delegato di produzione dice al regista che c'era un problema. Padre Gabrielli intanto dice a Mariano che non è contento del camerino dell'attore. Padre Gabrielli gli comunica che avrebbe dovuto fare un'intervista. Mariano comunica al suo agente che voleva annunciare il suo abbandono da Gli occhi del cuore ma il suo agente gli dice di tenersi il ruolo perché l'attore era molto conosciuto grazie al personaggio del Conte. Mariano spiega a Padre Gabrielli di non essere contento del suo personaggio perché era negativo e lui si era stufato. Sergio riferisce a René che avevano un problema di soldi. René pensava che fossero finiti ma la situazione è opposta. Nonostante fosse la fine del mese, Sergio aveva speso solamente la metà dei soldi a disposizione visto che la rete gli aveva concesso più denaro. Avendo più soldi, Sergio chiede a René di spendere tutti i soldi a disposizione e dice al regista di farsi venire un'idea su come spenderli.


Prima di iniziare una nuova scena, Stanis comunica al set che in serata avrebbe debuttato in teatro e per questo motivo invita tutti alla sua prima. Alessandro porta un tè a Stanis e l'attore confida allo stagista di essersi innamorato di Arianna. Alessandro confida a Stanis di essersi anche lui innamorato di Arianna ma Stanis gli dice non poteva competere con lui e che si sarebbe dovuto cercare una persona del suo stesso livello. Alessandro è infastidito dai discorsi di Stanis e l'attore ne approfitta cercando di creare una coppia tra Alessandro e Patrizia, la truccatrice del set. Alessandro chiede scusa alla truccatrice. Padre Gabrielli chiede ad Alessandro qualcosa da bere e gli chiede anche un luogo in cui fare l'intervista di Mariano. Lo stagista si mette subito all'opera. Prima di girare la nuova scena, Mariano chiede a René, tramite un suo ragionamento, di interpretare in maniera diversa la scena. René dà il permesso all'attore di sentirsi libero e di farla come voleva, purché la facesse. Alle riprese assiste anche Padre Gabrielli. Nella nuova scena sia René che Padre Gabrielli sono perplessi per l'interpretazione di Mariano. Anche Stanis rimane sorpreso. René interrompe subito la scena. Il regista non è convinto dalla scelta di Mariano della schiuma alla bocca e delle frasi in latino. Anche Padre Gabrielli appoggia le motivazioni di René. Stanis invece esprime la sua solidarietà a Mariano per la scelta di improvvisare.


Ricominciano nuovamente le riprese ma durante queste René ha una visione. Durante la pausa, Padre Gabrielli sistema gli ultimi dettagli prima dell'intervista di Mariano. Mariano cerca di concordare con Padre Gabrielli cosa dire nell'intervista. Sergio intanto cerca dei modi per fatturare tutto il denaro che aveva a disposizione. Il delegato di produzione fa una richiesta insolita a Padre Gabrielli e gli chiede una consulenza sulla famiglia. Sergio non è contento per la consulenza ma comunque ha la possibilità di fatturare qualcosa. Prima di iniziare a girare la nuova scena, Sergio chiama in disparte Biascica. Il capo elettricista è preoccupato per questa discussione con il delegato di produzione. Sergio gli consegna una busta e Biascica teme di essere licenziato. Dopo mille dubbi, perplessità e preoccupazioni, Biascica apre la busta. All'interno trova un assegno con 7.000 €. Quel denaro rappresenta il pagamento dei famosi straordinari di Aprile della fiction Libeccio. Biascica è contento, si mette a piangere ed abbraccia Sergio.


Inizia l'intervista con Mariano ma l'attore sin da subito cerca di sabotare l'intervista. La giornalista interrompe l'intervista. Nel frattempo René si appresta a girare la scena della donna delle pulizia di Villa Orchidea. Durante le riprese René rivede il fantasma di prima e si allontana. Il fantasma si presenta a René e gli dice che è Sandroni, il regista che si era suicidato dopo che la rete gli aveva dato il progetto Machiavelli, progetto al quale stava ora lavorando René. Il regista è sconvolto ma Sandroni gli spiega che non si era suicidato a causa del progetto Machiavelli. Sandroni aveva dei problemi e Machiavelli è stato il detonatore che lo ha portato al suicidio. Sandroni dice a René di trovare "Tarzanetto" poichè quel nome era la chiave per risolvere la situazione di Machiavelli. René viene chiamato da Itala poichè si era addormentato durante la scena. Ricomincia l'intervista a Mariano e l'attore risponde alla domande della giornalista ma quest'ultima non è convinta dalle risposte date dall'attore.


Su suggerimento di Duccio, René chiede a Sergio di staccare 2 ore prima e il delegato di produzione accetta la proposta. Dopo la fine della giornata lavorativa, Mariano dice a Padre Gabrielli che non è soddisfatto per l'intervista e gli chiede di procurargli un provino per Padre Frediani. Se Padre Gabrielli non ci fosse riuscito, Mariano si sarebbe procurato un altro agente. Detto ciò Mariano si allontana dal set. Dopo aver ricevuto l'assegno Biascica si sente libero dalla oppressioni che lo turbavano e decide di sfidare le sue paure salendo sulla scala. Biascica è finalmente guarito e subito lo comunica alla sua psicologa. René dopo essere tornato a casa, cerca, su suggerimento di Sandroni, il nome di Tarzanetto su Internet ma non ha fortuna in quanto non riesce a trovare nessun risultato. In serata Stanis finalmente debutta in teatro. Sul palco l'attore ringrazia tutti e dedica la sua prima uscita teatrale ad una persona seduta tra il pubblico, ovvero Arianna Dell'Arti. L'attore fa una proposta di matrimonio all'assistente alla regia.

Corrado Guzzanti

Foto di Corrado Guzzanti alias Mariano Giusti

Mariano Giusti

attore de Gli occhi del cuore - Conte
Corrado Guzzanti

Foto di Corrado Guzzanti alias Padre Gabrielli

Padre Gabrielli

agente di Mariano Giusti
Eleonora Turco

Foto di Eleonora Turco alias Patrizia

Patrizia

truccatrice
Simone Arrighi

Foto di Simone Arrighi

macchinista
Alessio Piretti

Foto di Alessio Piretti

operatore
Giulio Ferretto

Foto di Giulio Ferretto alias Tino Tini

Tino Tini

drammaturgo di Stanis
Antonello Grimaldi

Foto di Antonello Grimaldi alias Sandroni

Sandroni

regista di Machiavelli
Alberta Viti

Foto di Alberta Viti

giornalista
 
Sergio e René

Sergio: Spendi, spendi, libera la tua fantasia, libera la tua creatività, sogna, lasciati andare René ma soprattutto, famme fattura'.


René, Alfredo e Padre Gabrielli

Padre Gabrielli: Iamme Mariano ca' si u megliu!


René, Alfredo e Padre Gabrielli

Padre Gabrielli: Mariano è 'na schifezza. Sembra che parli mentre ti lavi e' dienti. È na cosa che fanno solo i ricchiuni.


Padre Gabrielli e Biascica

Padre Gabrielli: Quaglio', tu o vuoi sape' qual è o segreta, o segreto pe' sta buono nella vita? Vuoi sape', qual è? O segreto, vuoi sape' qual è? A palestra.


Padre Gabrielli

Padre Gabrielli: Lascia sta' a fede. A fede è n'altra cosa. La fede è la Champions League, noi stammo giocando 'o Campionato. È n'altra cosa, o capisci?


Sergio

Sergio: Sono gli straordinari d'Aprile. De Libeccio!


Sandroni e René

Sandroni: Tu devi cercare Tarzanetto.


René e Duccio

Duccio: René, fai una scelta coraggiosa, stacchiamo 2 ore prima!


Padre Gabrielli

Padre Gabrielli: Gaetano, che c'è? T'avevo detto di chiamarmi tra 2 minuti. Ma che te importa che faccio domenica? Gaetano io n'aggia mai detto messa in vita mia e non voglio cominciare, è chiaro? È l'unico giorno che ho pe' sta co' me' figlio.


Biascica

Biascica: Pronto, signo'! So' guarito! Er problema nun era mi padre, nun era mi madre, erano 'i straordinari d'Aprile, signo'! So' guarito, signo'! So' guaritoooo!

► Condividi questa pagina

Share