Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Chiudendo questo banner, continuando la navigazione sul sito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie in accordo con la nostra policy. Per maggiori informazioni leggi qui. Accetto

Chiudi banner

Boris - Video

Sigla "Boris" - Fox

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/Uw1NdFTg5Kk

Elio e Le Storie Tese - Gli occhi del cuore

♫ ♫

Gli occhi del cuore
gli occhi del cuore
Boris

Userò gli occhi del cuore
per carpire i tuoi segreti
per capire cosa pensi
nei tuoi primi piani intensi
(Boris)
nei tuoi piani americani
(Boris)
così intensi e così italiani
(Boris)
fatti un po' a cazzo di cane
(Bo Bo Bo Bo Boris)

Userò gli occhi del cuore
come fa un dottore cieco
quando che opera i pazienti
stanno tutti molto attenti
(Oh Boris Boris)

♫ ♫


La formica rossa

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/-vT7RC5MAIM

canzone off, Giuliano Taviani-Carmelo Travia - La formica rossa


René Ferretti:

♫ ♫ ✒ ✒

Ringraziare voglio il divino,
labirinto degli effetti e delle cause
per la diversità delle creature
che compongono questo singolare universo,
per l'amore, che ci fa vedere gli altri
come li vede la divinità,
per la notte, le sue tenebre e la sua astronomia,
per il coraggio e la felicità degli altri,
per la musica, misteriosa forma del tempo.

♫ ♫ ✒ ✒


Francesco Pannofino - Ciak

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/WtRN5LUFsn8

Francesco Pannofino - Ciak:

♫ ♫

Ciak
Madonna mia che faccia ma che mattinata
Che ancora un altro po' me la sarei dormita
Ma c'è gente che mi aspetta
che non vede l'ora di battere il
Ciak
Pensa che dolore se ci metti le dita
Ma devo concentrarmi che la scena è partita
Se poi non mi ricordo oppure sbaglio la battuta
Sono tutti costretti a fare un'altro
Ciak

Ciak, ciak e ciak e passa la giornata
Magari nel frattempo un'altra guerra è cominciata
Una ragazza è sparita
E pure l'altra torre è crollata
Forse è proprio mentre provi un'emozione
O stai polemizzando con la produzione
Aoh!
E so' 3 ore che aspetto
Ci sei nel prossimo
Ciak

E allora tutti zitti con i propri dolori
E un giorno dopo l'altro nascono gli amori
Dai che sennò ti distrai
Però ti bacerei
E dai dai dai sbrighiamoci che c'è la partita
A me non interessa ho tanti guai nella mia vita
Ah sì!
E come ti posso aiutare?
Io provo a batterti un ciak
Così facciamo finta di essere da un'altra parte
Viaggiare, conquistare, fare scopa con la morte
Sapere la verità
Fregare la realtà
Puoi fare il Papa, il pazzo, il furbo o l'assassino
Cercare di far ridere alle sette del mattino
Cacciare i guai dalla testa
Prima dell'ultimo ciak

Spengono le luci, adesso è ora di dormire
Son stanco al punto che sogno di non sognare
Magari di non russare
Dopo che battono il ciak

Narararararara, narara nara narara
Fateci addormentare, ci aspettano altri ciak
Prprprprprpr prprprprprpr, prprprpr
Ttutututuuuuu.

Ciak!

♫ ♫


Gli occhi di Boris (Backstage Boris - Prima parte)

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/6lBFuEW6w7s

Pietro Sermonti: Questo è il set de Gli occhi del cuore 2, Occhi del cuore 2, d'accordo, che è la storia che si racconta dentro Boris che invece è la serie. Adesso vi porto un po' a spasso, però dai. Quello è mio zio. Queste sono le infradito di Alessandro, questo è un bel momento. Lei, costumista, vera. Ecco, questa è la vera, il vero aiuto regista. Come stai? Ti abbiamo svegliata? Forse da lontano, senza dire niente, vi facciamo vedere il regista. Fai un salutino agli amici del backstage di Boris? Lui è vero, non è un replicante. Dietro le quinte del dietro le quinte, perché in questa... in questa serie televisiva vedrete due di tutto, due registi, due direttori della fotografia, due... segretarie di edizione, due... due di tutto. Due, due, ricordate il numero due perché tutto è doppio in questa serie, tutto è doppio. Io sono triplo.

voce off, Arianna Dell'Arti: È buona! Azione!

{ { Ⓑ Ⓑ

René Ferretti: Allora, Stanis, scopre che il fratello gemello si sta spacciando per lui, va bene, e la giriamo, signori! E dai, dai, dai.

Stanis La Rochelle: Tu Eric, devi stare molto attento. Devi stare molto attento. È con te che parlo Giorgio. Guarda negli occhi del cuore di tuo fratello Eric una volta nella vita. Io ti rompo il culo, Eric. Come dico? No, io queste cose non le posso sentire. Smettila Eric. Oh, stronzo!

Ⓑ Ⓑ } }

Arianna Dell'Arti (vera): È un po' gay!

{ { Ⓑ Ⓑ

Stanis La Rochelle: Sai di banana, Eric. Mi ha usato...

Ⓑ Ⓑ } }

voce off, Luca Vendruscolo: Stop!

Pietro Sermonti: Questo è esattamente la cifra stilistica de Gli occhi del cuore.



Alessandro Tiberi: Alessandro Tiberi, ruolo Alessandro, stagista schiavo, nella fiction. Nella realtà...

Daniele De Luca: Nella realtà ci sono io che sono Daniele De Luca, stagista schiavo...

Alessandro Tiberi: Vero...

Daniele De Luca: Di regia, vero.

Alessandro Tiberi: Vero.

{ { Ⓑ Ⓑ

Arianna Dell'Arti: Allora, primo: tu non parli se non interpellato, mai. Secondo: se ti dico di fare una cosa, tu la fai e basta. Terzo: tu non sei lo stagista di regia, tu sei una macchina, sei una scheggia, sei un furetto. Se non ti sta bene, te ne vai.

Ⓑ Ⓑ } }

Alessandro Tiberi: Eh, lo devi accettare, no, lo accetti come se fosse il tuo ruolo.

Daniele De Luca: Sì, non puoi parlare, non puoi ribellarti.

Alessandro Tiberi: Una specie di cameriere in guanti bianchi.

Daniele De Luca: Ci sono anche persone che ti dicono: "Dovresti pagare tu per l'esperienza che stai facendo qui."

Alessandro Tiberi: Sì, esatto.

Alessandro Tiberi: Diciamo che non ci sono grandi lati positivi a far lo schiavo.

voce off, Arianna Dell'Arti (vera): Azione!

{ { Ⓑ Ⓑ

Orlando Serpentieri: Sono Orlando.

Alessandro: Ah, piacere, Alessandro.

Orlando Serpentieri: Mi dai una mano?

Alessandro: Certo, scusi.

Ⓑ Ⓑ } }

voce off, Luca Vendruscolo: Stop!

voce off, Arianna Dell'Arti (vera): Stop!

Daniele De Luca: Su una cosa che riguarda i caffè che è importantissima che mi hanno insegnato. La prima cosa che mi hanno insegnato è che i caffè vanno sempre portati già zuccherati e girati. Per cui sul set non c'è tempo...

Alessandro Tiberi: Eh, no, no, certo, certo... lo prendi...

Alessandro Tiberi: Tipo Lu..., il regista, lo vuole macchiato... giusto?

Daniele De Luca: Lo vuole amaro. Ci sono anche attrici, di cui non farò il nome, che non lo vogliono né zuccherato né amaro, bisogna trovare una via di mezzo...

Alessandro Tiberi: E li assaggiano tutti...

Daniele De Luca: E li assaggiano per scoprire qual è quello amaro in modo che tu devi farne altri 10.

Daniele De Luca: È zuccherato, capo.

Luca Vendruscolo: Devono farlo insieme... stiamo un po' bassi... poi c'entrerà il culo di Re...

Carolina Crescentini: Fantastico...

Francesco Pannofino: Ti dirò, ne ho già presi tanti... l'unico genere di conforto che c'è.

Persona 1: Ahhhhh!

Alessandro Tiberi: Come lo prendi te il caffè?

Daniele De Luca: Io non lo so, perché non l'ho mai preso.

Alessandro Tiberi: Ahahahah!

{ {

Sergio Potrin: Questi invece sono gli assegni della settimana...

Alessandro: Che a me non mi spettano, giusto?

Sergio Potrin: Esatto! Però tu li firmi e poi me li ridai. Gli assegni, me li ridai. Ecco, è un mondo difficile, ragazzo mio, che ci vuoi fa'.

} }

Daniele De Luca: Mi prometti che quando diventerai un attore famoso da qui a 2 anni, non mi dirai...

Alessandro Tiberi: Anche di più!

Daniele De Luca: Anche di più.

Daniele De Luca: Non mi tratterai mai male, anche in futuro.

Alessandro Tiberi: Mai male, non tratterò mai male nessuno stagista in vita mia.

Daniele De Luca: Mai male nessuno stagista, no me in particolare.

Alessandro Tiberi: Viva tutti gli stagisti e precari d'Italia.

Daniele De Luca: Perfetto.

Alessandro Tiberi: Viva gli stagisti.



Pietro Sermonti: Stamattina ho visto uno scroto a stomaco vuoto. Da sotto. Lo scroto di Nicolas Cage.

voce off, Arianna Dell'Arti (vera): Dai! Dai. Dai ragazzi! Che stamo ancora alla prima scena della giornata e ne mancano 8.

{ {

Stanis La Rochelle: Biascica!

Augusto Biascica: Oh!

Stanis La Rochelle: Il tuo entusiamo ci commuove a tutti. Lo sai?

Augusto Biascica: Sì, eh!

} }

Paolo Calabresi: Quinta de chiappa... primo attore in Europa.

Pietro Sermonti: Primo dialogo della mia vita e spero anche ultimo, con un culo.

{ {

Stanis La Rochelle: C'è un brufoletto, però.

Stanis La Rochelle: E quella è la pajata de Zia Nuccia.

} }



Daniele Zonetti: Biascica...

Paolo Calabresi: Augusto

Daniele Zonetti: Augusto

Paolo Calabresi: No, Augusto Biasica.

Daniele Zonetti: Il nostro caposquadra, elettricisti vero.

Paolo Calabresi: Lui è l'attore cane.

Daniele Zonetti: Io sono l'attore cane.

Paolo Calabresi: Io sono il finto attore cane, lui è il vero capo elettricista, cane, comunque cane.

Daniele Zonetti: Tutti cani.

Paolo Calabresi: Tutti cani.

Paolo Calabresi: La francese, francese m'hai spiegato, la francese...

{ {

Augusto Biascica: Seppia! Passami la francese qua sotto.

} }

Daniele Zonetti: So' quelle piccolette...

Paolo Calabresi: Cioè?

{ {

Augusto Biascica: Sai che è una bandiera francese?

Alessandro: Eh sì, è quella.

} }

Daniele Zonetti: So' quelle de metallo o quelle di vetro.

{ {

Augusto Biascica: Passamela. Daje, dici sempre che vuoi impara'. Adesso impari come se passa una bandiera francese.

} }

Daniele Zonetti: È bello vedervi recitare, anche se portate un po' all'estremo, però è bello vedervi raccontare la nostra vita dietro le quinte.

Augusto Biascica: E tu, e tu trovi che sia più o meno così, in quella direzione.

Daniele Zonetti: In parte sì.

{ {

Augusto Biascica: Che tocco delicato che hai! Che culo che hai che sono eterosessuale, se fossi dietrosessuale sarebbe tutt'artra cosa.

} }

Paolo Calabresi: Cosa manca? La sofferenza vera...

Daniele Zonetti: Manca il peso...

Paolo Calabresi: Il peso de svejarsi la mattina e veni' qua.

Daniele Zonetti: Eh...

{ {

Augusto Biascica: Te devo di' 'na cosa. Si oggi me vedi distratto no, non ce fa' caso, perché, come se dice no, non me va de fa' un cazzo.

} }


Gli occhi di Boris (Backstage Boris - Seconda parte)

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/vPS8HX-wPrk

Francesco Pannofino: René Ferretti è un... René Ferretti è... non lo so.

{ {

Diego Lopez: René, non è un regista. René è la regia.

} }

Francesco Pannofino: È un personaggio in trincea. È uno che deve comandare una truppa che sta... è avviata verso la catastrofe e però, come Don Chisciotte, va avanti e lotta contro i mulini a vento.

{ { Ⓑ Ⓑ

Stanis La Rochelle: Sergio!

Sergio Potrin: René vieni, scusami, vieni un attimo, vieni, c'ho i dati Auditel. Signori abbiamo fatto 17% e 5 milioni e mezzo e non va bene.

Ⓑ Ⓑ } }

Francesco Pannofino: Sì, è eroico in qualche modo lui, perché quando arriva la sconfitta la accetta in modo... da prigioniero di guerra.

{ { Ⓑ Ⓑ

Diego Lopez: Voi capite che la scena così com'è non va bene.

René Ferretti: Ma per carità, assolutamente. Anzi, io mi scuso. Veramente. Non so come...

Ⓑ Ⓑ } }

Antonio Catania: Noi produttori abbiamo sempre il tagliacarte tra i denti. Siamo sempre aggressivi, all'attacco.

{ { Ⓑ Ⓑ

Diego Lopez: No, no, questa va ad abortire e nessuno la ferma. Corinna non può essere favorevole all'aborto, non se ne parla proprio, René. No, no, non possiamo rischiare. Questa scena va rigirata e va rigirata domani.

Ⓑ Ⓑ } }

Antonio Catania: Il tempo è il nostro nemico. Il tempo è tutto. Perché il tempo è... danaro.

Francesco Pannofino: I registi poi sono costretti a fare, no, a dire "Mamma mia, questa... questa proprio... questo proprio... bravo però, bravo, bene, molto bene."

{ {

René Ferretti: Eh, azione!

Corinna Negri: Certe volte, avrei voglia di, di ricominciare tutto da capo.

Francesco Pannofino: Cagna!

} }



Carolina Crescentini: Volergli bene è difficile, eh, a Corinna. È veramente difficile.

{ {

Corinna Negri: Io ho, 24 anni.

René Ferretti: Stop! 34 devi dire, 34 anni.

Corinna Negri: No, scusate, ma io non la dico.

} }

Carolina Crescentini: È convinta di essere una bravissima attrice, è invidiosa di tutti gli altri attori perché vorrebbe l'attenzione tutta su di sé, si sente incompresa...

{ {

Corinna Negri: Io non la dico.

René Ferretti: Come non la dici?

Corinna Negri: Ho detto che non la dico.

René Ferretti: Dai, scusa, Corinna, quanti hanni c'hai? Non c'hai 31-32-33...

Corinna Negri: Tutti me ne danno 24, quindi ne ho 24.

} }

Carolina Crescentini: Ed è una che ha capito che per ottenere le parti deve essere, altruista con i produttori, ecco.

{ {

Corinna Negri: Io ho già parlato con il mio agente, ho parlato con la rete, ho parlato con il Dottor Cane che mi ha detto, testualmente, che potevo dire quello che volevo.

Dottor Cane: Ma certo, piccola, puoi dire quello che vuoi.

} }

Carolina Crescentini: È assolutamente antipatica e improbabile però alla fine è buffa.

{ {

Stanis La Rochelle: Mi sa che devo fare un po' di teatro, eh.

Corinna Negri: E dov'è il teatro?

Orlando Serpentieri: A Epidauro ce n'è uno.

} }

Carolina Crescentini: Recitare male è difficilissimo. Non so, l'altro giorno abbiamo fatto una scena con Herlitzka che è un attore che insomma tutti stimiamo moltissimo e quando l'ho visto che recitava in Occhi del cuore 2, male, con le pose da Occhi del cuore 2, io mi stavo sentendo male.

{ { Ⓑ Ⓑ

Stanis La Rochelle: Ma tu, Nonno Alberto, vuoi dirmi qualcosa?

Orlando Serpentieri: Forse.

Ⓑ Ⓑ } }

Luca Vendruscolo: Stoop!

Pietro Sermonti: Cagneggiare è una cosa che io... abbiamo visto mille volte, la parodia dell'attore cane.

Roberto Herlitzka: Bisognerebbe recitare bene, male.

Pietro Sermonti: Volevo che fosse una cosa...

Roberto Herlitzka: Molto consiste proprio nel voler essere naturali... così in modo da...

Pietro Sermonti: Quella è una chiave...

Roberto Herlitzka: Cioè magnandosi le parole.

{ {

Stanis La Rochelle: Chi è stato?

Corinna Negri: Il gioieiere.

} }



Giacomo Ciarrapico: Gli occhi del cuore è leggermente... ma di poco meglio di alcune fiction italiane e peggio di altre.

{ {

Lorenzo: Occhi del cuore è una merda. È una merda. Occhi del cuore, merda.

} }

Giacomo Ciarrapico: Abbiamo voluto raccontare anche un po' un modo sbagliato di lavorare, nel modo sbagliato di lavorare in un luogo dove sarebbe invece possibile fare delle cose fighissime. E invece molta gente ha la possibilità di raccontare delle storie e racconta delle storie un po'... , lui fa sì con la testa, un po' di merda.

{ {

Verena: Bella la nuova scena, eh... Sono sempre gli stessi sceneggiatori?

} }

Mattia Torre: Una delle novità poi di Boris, insomma di questa serie, è la libertà di casting, quindi avere tutti attori scelti, tutti attori voluti...

{ {

Stanis La Rochelle: Io e te, quest'anno, Telegatti!

} }

Mattia Torre: Boris nasce da un grosso bagaglio di storie che ci hanno raccontato, di storie che abbiamo vissuto direttamente e quindi anche un, come dire, lo sfizio di poter restituire, no, delle situazioni che uno ha subito...

{ {

René Ferretti: Corinna...

Corinna Negri: Sì...

René Ferretti: Non mi devi rompere il cazzo!

Itala: E quanno ce vo', ce vo'!

} }



Ninni Bruschetta: Duccio è... è un uomo buono...

{ {

Duccio Patanè: Ti è piaciuta la fotografia?

Alessandro: Molto.

Duccio Patanè: Non capisci un cazzo.

} }

Ninni Bruschetta: Lui vorrebbe fare, una grande fotografia ma adora mortificare anche il suo stesso lavoro.

{ {

Duccio Patanè: La fotografia fa schifo. Lo sai perché fa schifo?

Alessandro: Non lo so.

Duccio Patanè: Perché lo vogliono loro. Nella fiction la fotografia non deve essere più bella di quella della pubblicità sennò la gente cambia canale. Hanno pensato a tutto.

} }

Ninni Bruschetta: Lui è un vero direttore della fotografia e che a un certo punto ha perso completamente qualsiasi aspirazione, qualsiasi desiderio, non si aspetta più niente.

{ {

Augusto Biascica: Questa cosa, come la affronteresti, 'sta situazione?

Duccio Patanè: Ma ti piace veramente?

Augusto Biascica: Sì.

Duccio Patanè: Mollala.

} }



Arianna Dell'Arti (vera): Dobbiam guardare in macchina? Non lo so. Come si fanno 'ste cose?

Caterina Guzzanti: Questa ragazza deve andare a lavorare. Arianna c'ha da fa'. Mica come me che faccio per finta.

Caterina Guzzanti: Che cos'è che manca a questo personaggio, cos'è che avresti aggiunto al personaggio di Arianna?

Arianna Dell'Arti (vera): Un po' di cuore, forse.

Caterina Guzzanti: Ah sì?

Arianna Dell'Arti (vera): Sì.

Caterina Guzzanti: Ah, a me sembra di non essere abbastanza spietata per raggiungerti.

Arianna Dell'Arti (vera): Uno di voi due deve sta' qua.

persona 1: No, eravamo usciti... eravamo usciti un attimino... visto che stavo qua...

Arianna Dell'Arti (vera): Perché poi io mi arrabbio.

Caterina Guzzanti: Sì, io infatti aspetto sempre le scene in cui devo dar degli ordini... al mondo.

Arianna Dell'Arti (vera): Motore. Zitti tutti. Pronti. Zitti noi. Eh, azione!

Caterina Guzzanti: Signori grazie, giriamo. Silenzio noi. Motore. Eh, azione! E poi lei è cattivissima quando ringrazia, perché è tutto un grazie, sennò ti faccio un culo così...

{ { Ⓑ Ⓑ

René Ferretti: Et voila! Eccolo. Stanis mi ha dato un'idea straordinaria. Eh, tutti nudi, eh. Chi vuole stare su questo set, si spoglia, eh. Che dici?

Corinna Negri: Eh, non lo so. Cioè, non saprei.

René Ferretti: Ma sì, all'olandese proprio, all'olandese. Dai forza Biascica, forza, tutti, dai! Forza, tutti nudi, andiamo! Chi vuole stare su questo set, nudo! Biascica, dai, tutti, tutti quanti, forza. Ti piace così?

Corinna Negri: Ma nudi, nudi, nudi?

René Ferretti: Nudi! Nudi, nudi. Dai, dai, tutti pronti. È pronta la scena dell'orgia.

Corinna Negri: E allora dai, giriamola!

René Ferretti: Oh, Arianna, se tu vuoi puoi non esserci. Puoi...

Arianna Dell'Arti: No, no, non è un problema.

René Ferretti: Come... eh, certo, lo so, dimenticavo che per te non era un problema.

Ⓑ Ⓑ } }

Arianna Dell'Arti (vera): Beh, dipende se è una cosa che ti imbarazza o meno. Che problemi hai tu col fatto di spogliarti. Credo, no?

Caterina Guzzanti: Beh, qualcuno...

Arianna Dell'Arti (vera): Qualcuno ce l'ha...

Caterina Guzzanti: Io ce l'ho avuto...

Arianna Dell'Arti (vera): Tu ce l'hai avuto, a me non me frega un c'... assolutamente nulla.

Caterina Guzzanti: Una scena lunghissima col finto disabile seduto dietro di me che ha quindi lo sguardo sul... proprio altezza sedere...

Arianna Dell'Arti (vera): Altezza chiappa...

{ { Ⓑ Ⓑ

René Ferretti: Baciala sul collo, dove vuoi tu ma non in bocca, ecco, vi spogliate un po', stooop!

Stanis La Rochelle: Perché?

René Ferretti: Fa schifo. Non lo so perché, ma 'sta scena fa schifo. Io lo sapevo, le scene di sesso sono...

Ⓑ Ⓑ } }


Gli occhi di Boris (Backstage Boris - Terza parte)

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/2tzxYqRCNIk

Luca Vendruscolo: Se credi di avere lo stesso... gli stessi pudori di René nel girare le scene sentimentali, perché ti scopri moltissimo a girare una scena di sesso.

Luca Vendruscolo: Eh... gli apri... cominci a dargli dei baci qui, gli lasci dei segni così, ... lo baci, insommma...

Luca Vendruscolo: Metti proprio in... così, a nudo, quelli che possono essere il tuo senso di tenerezza che è una delle cose più private e intime che esistano al mondo...

Luca Vendruscolo: Dopodiché andrete spogliati... no spogliati...

Pietro Sermonti: Discinti...

Luca Vendruscolo: per niente spogliati, e sarete sul letto.

Pietro Sermonti: Ok, ok, il torero di Maccarese.

Luca Vendruscolo: No...

Pietro Sermonti: No, no, ma sempre composti.

Luca Vendruscolo: Avanzi... tu che ti disponi e poi tu... che gli stai di spalle...

Pietro Sermonti: Sempre tu? Io so' te?

Luca Vendruscolo: ... Il classico dell'erotismo...

Pietro Sermonti: Io so' te...

Luca Vendruscolo: Come?

Pietro Sermonti: Io sono te.

Luca Vendruscolo: Sì perfetto, ok?

Luca Vendruscolo: Lì è una quest... sì, insomma, ci si mette veramente molto in gioco. Però la scena funziona alla fine. Arianna risulta che ha girato una scena d'amore che a me sembra soddisfacente, diciamo. Anche se io l'ho guidata in questo modo tremendo.

voce off, Luca Vendruscolo: Prova... guarda da qua... e...

voce off, Arianna Dell'Arti (vera): E gli fa schifo...

voce off, Luca Vendruscolo: E gli fa schifo... risponderà... che gli fa schifo. Magari sarà qua inizialmente... e si controlla la situazione.

voce off, Arianna Dell'Arti (vera): Motore.

voce off, Luca Vendruscolo: Vai con la scena dell'orgia.

Persona 1: 716D, seconda, due macchine.

voce off, persona 2: Ciak.

Stanis La Rochelle: E annamo, e annamo.

voce off, Luca Vendruscolo: Stop!

Arianna Dell'Arti (vera): Silenzio!

voce off, persona 1: Ah, non era vero.

Arianna Dell'Arti (vera): Vi prego, vi prego. Grazie. Motore. Azione!

{ { Ⓑ Ⓑ

Augusto Biascica: Ma che te stai a fa'? Guarda questo, aoh! Sta a fotografa' tutto!

Corinna Negri: Ihh! No!

Stanis La Rochelle: Oh!

Augusto Biascica: Dai qua.

Fabio: Lascia.

Augusto Biascica: Lo sapevo che era un paraculo questo. Guarda qua. Ha fotografato tutto.

Fabio: Me lo devi ridare.

Augusto Biascica: Lassa perdere, lascia perdere.

Fabio: Il cellulare è una proprietà personale. Allora, non puoi cancellarle... oh, se le cancelli ti denuncio, eh. State molto attenti. Io sono figlio di un Senatore della Repubblica e voi mi state facendo violenza.

Augusto Biascica: De che partito è tuo padre?

Fabio: Dei Verdi! Beh?

Stanis La Rochelle: Ma vattene a casa, sto buffone! Sto catalitico, a catalitico!

Augusto Biascica: A catalitico tieneti sto 2%.

Stanis La Rochelle: Ma vatte a fa' 'na zuppa de farro va' e facci pure una bella pignetta. Al gabbio te mando.

Augusto Biascica: Accendi 'st'euro 4, daje.

Stanis La Rochelle: E vai con gli avvocati! Vattene a casa, banana.

Ⓑ Ⓑ } }



voce off, persona 1: Ma che scena c'è oggi?

Caterina Guzzanti: Dai.

voce off, persona 1: Dai, racconta.

Caterina Guzzanti: Dai, lo sai. Lo sanno tutti.

Arianna Dell'Arti (vera): Afferra Alessandro dietro la nuca e lo bacia generosamente.

Persona 2: Generosamente è un'interpretazione.

Alessandro Tiberi: Non oppone resistenza.

Caterina Guzzanti: Generosamente. Ma vaff...

Alessandro: Fai te, fai te.

Arianna Dell'Arti (vera): Alessandro è preso alla sprovvista e non oppone resistenza. E te pare!

Caterina Guzzanti: Sei a posto?

Alessandro Tiberi: Vabbé, tanto abbiamo fumato.

voce off, Pietro Sermonti: Sei nervosa per questa scena...

Caterina Guzzanti: Eheheh, sì...

Pietro Sermonti: Stai tranquilla, non ti guarderà nessuno. Ho appena venduto i posti.

Alessandro Tiberi: Dai, sarà più imbarazzante stare in mutande che darsi un bacio, no?

Arianna Dell'Arti (vera): Ok, fatemela.

Alessandro Tiberi: Mezzo bacio?

voce off, Persona 1: 723, prima.

voce off, persona 2: Ciak.

{ { Ⓑ Ⓑ

Alessandro: Mi è piaciuto molto come hai girato la scena oggi. Davvero. Anche Stanis, era diverso.

Ⓑ Ⓑ } }

voce off, Luca Vendruscolo: Stoop!

Caterina Guzzanti: Che voi? Che voi? Gli dici questo se se ne va, per favore?

Persona 1: Basta!

Francesco Pannofino:

♫ ♫

Ciak
Madonna mia che faccia ma che mattinata
Che ancora un altro po' me la sarei dormita
Ma c'è gente che mi aspetta
che non vede l'ora di battere il
Ciak
Pensa che dolore se ci metti le dita
Ma devo concentrarmi che la scena è partita
Se poi non mi ricordo oppure sbaglio la battuta
Sono tutti costretti a fare un'altro
Ciak

Ciak, ciak e ciak e passa la giornata
Magari nel frattempo un'altra guerra è cominciata
Una ragazza è sparita
E pure l'altra torre è crollata
Forse è proprio mentre provi un'emozione
O stai polemizzando con la produzione
Aoh!
E so' 3 ore che aspetto
Ci sei nel prossimo
Ciak

E allora tutti zitti con i propri dolori
E un giorno dopo l'altro nascono gli amori
Dai che sennò ti distrai
Però ti bacerei
E dai dai dai sbrighiamoci che c'è la partita
A me non interessa ho tanti guai nella mia vita
Ah sì!
E come ti posso aiutare?
Io provo a batterti un ciak
Così facciamo finta di essere da un'altra parte
Viaggiare, conquistare, fare scopa con la morte
Sapere la verità
Fregare la realtà
Puoi fare il Papa, il pazzo, il furbo o l'assassino
Cercare di far ridere alle sette del mattino
Cacciare i guai dalla testa
Prima dell'ultimo ciak

Spengono le luci, adesso è ora di dormire
Son stanco al punto che sogno di non sognare
Magari di non russare
Dopo che battono il ciak

Narararararara, narara nara narara
Fateci addormentare, ci aspettano altri ciak
Prprprprprpr prprprprprpr, prprprpr
Ttutututuuuuu.

Ciak!

♫ ♫


AdSense Boris su Rai 3 (Novembre 2011)

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/75iGmRQ4hO0

Nessun contenuto audio!


Il lancio di Boris su Rai 3 (09-10/11/2011)

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/v-znNA8jqpQ

Federica Sciarelli: Allora, noi adesso vi diciamo che inizia Boris, la serie televisiva Boris, buona visione a voi ma rimanete su questa rete perché a mezzanotte in punto con naturalmente notizie importantissime di politica c'è Linea Notte. Ci vediamo mercoledì prossimo, arrivederci.

Edoardo Camurri: Adesso finisce Mi manda Raitre. È iniziata già da ieri una nuova serie televisiva in onda per Rai 3. Una serie fantastica, è Boris, quindi io vi invito a rimanere sintonizzati su Rai 3 per vedere Boris. E come dice René Ferretti in Boris, daje, daje, daje! Ce la faremo, grazie.


Il lancio di Boris su Rai 3 (16-18/11/2011)

Leggi la trascrizione del video | Link: http://youtu.be/4SqD5RWs-L0

Federica Sciarelli: Mi raccomando non perdete l'appuntamento con Linea Notte a mezzanotte in punto. Dopo Boris. Arrivederci.

Edoardo Camurri: Vi dò appuntamento quindi, venerdì prossimo su Rai 3 sempre intorno alle 21:05, ce la faremo, grazie, ora Boris. Dai, dai, dai! Grazie.

► Condividi questa pagina

Share