Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Chiudendo questo banner, continuando la navigazione sul sito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie in accordo con la nostra policy. Per maggiori informazioni leggi qui. Accetto

Chiudi banner

Boris - 1x04 - Qualità o morte

« Elenco episodi

Nella quarta puntata René parla con Arianna e le dice che aveva fatto un sogno in cui lui veniva premiato per un mediometraggio intitolato "Passami il sale". Il premio gli era stato consegnato per la libertà espressiva e la qualità. Al secondo posto si era piazzato Gioacchino Panè, amico di René. Il regista racconta questo suo sogno con tristezza perché si vergognava di come stava lavorando per Gli occhi del cuore. René si arrabbia quando sull'ordine del giorno legge che c'è Ada De Silvestri, un attrice che lui odiava. Tra l'altro il regista comunica ad Arianna che verrà a trovarlo sul set Giocchino Panè, regista che ha lavorato molto in America con grandi registi e che adesso voleva vedere il modo di lavorare in un set italiano. René decide allora di esigere qualità e di non lavorare più a cazzo di cane. Volendo fare le cose bene chiede ad Arianna di farsi portare una steadicam ma l'assistente alla regia gli risponde che la produzione non gliel'avrebbe data perché non c'erano i soldi.


Biascica intanto parla con Duccio e gli dice che era distratto e che non gli andava di fare nulla. Duccio gli dà una pacca sulla spalla e gli dice che era pienamente d'accordo. Il capo elettricista confessa al direttore della fotografia che gli piaceva una persona, solo che iniziamente non gli rivela chi è perché era imbarazzato. Mentre Duccio se ne stava andando, Biascica lo richiama e gli sussurra il nome all'orecchio. Intanto arriva Alessandro e va a parlare con Sergio che nel frattempo era nel suo ufficio a giocare a Snake con il cellulare. Lo stagista dice al delegato di produzione che non poteva lavorare più gratis per la produzione perché giustamente aveva delle spese da pagare. Sergio dice che c'erano altri candidati disposti a prendere il suo posto. Propone ad Alessandro di rimanere a lavorare gratis altrimenti poteva anche andarsene. Sergio gli dice di scegliere con calma cosa fare, se restare e lavorare gratis oppure andarsene. Nel frattempo arriva René ed Alessandro se ne va. René va a parlare con Sergio per farsi dare la steadicam. Sergio accetta a patto che René rinunci al trattore che sarebbe servito in una scena con Stanis.


Arianna va a parlare con Biascica ma quest'ultimo pensa ad altro e neanche l'ascolta. Arriva anche Gloria la quale riferisce ad Arianna che Ada De Silvestri voleva farsi truccare solamente dalla sua truccatrice. Biascica fa un complimento a Gloria la quale ringrazia. Intanto nei camerini, Ada e Stanis insieme ad Alessandro provano la scena. Durante le prove arriva René e spiega come voler giarare la scena. Biascica parlando con Duccio gli chiede un consiglio su come affrontare la situazione. Duccio gli consiglia di mollarla e di puntare ad una che gli piaceva di meno. René nel frattempo parlando con gli attori dice loro di voler girare una grande scena. Il regista cerca appoggio nel direttore della fotografia e gli chiede di fare bene in modo da girare bene la scena. René gli sottolinea che non si deve fare come al solito, questa volta bisognava fare meglio.


Lorenzo parla con Alessandro e gli chiede come era andato il colloquio con Sergio e lo stagista di regia gli dice che se ne sarebbe andato. Alessandro confessa allo stagista di fotografia di essersi affezionato al set ma che purtroppo è costretto ad andarsene. Arianna comunica a René che è arrivato Gioacchino Panè. Dopo aver fatto le presentazioni di rito, Panè sente il profumo del set italiano. Lorenzo è sorpreso di Panè e dice ad Alessandro che era un grande regista il quale aveva lavorato con grandi registi del calibro di Kubrick e Lynch. Appena seduto con René, Panè inizia con le sue osservazioni sul set. Mentre René parla con i 2 attori su come girare la scena, Panè osserva la scenografia e la fotografia della scena. Ada De Silvestri spiega a René come intendeva girare la scena e il regista la asseconda.


Non soddisfatto della risposta di Duccio, Biascica va dai 2 stagisti per fargli una domanda. Mascherandolo come sondaggio, il capo elettricista chiede come ci si deve comportare quando a qualcuno piace qualcuna. Lorenzo, inizialmente timoroso, gli dà una risposta ma questa non piace a Biascica. Alessandro invece gli consiglia, come primo approccio, di farsi spiegare una ricetta, poichè era un metodo per rompere il ghiaccio nella discussione tra 2 persone. Dopo aver ascoltato il consiglio, arriva Arianna, la quale dice ad Alessandro che era stato scorretto nei suoi confronti ma lo stagista spiega la sua decisione di andarsene. Prima di iniziare le riprese, Biascica va da Gloria, la quale si trovava dietro la scenografia. Subito le prime battute di Ada De Silvestri non convincono Panè il quale guarda René. Avendo visto Panè perplesso, René stoppa le riprese.


Biascica, dopo il primo stop, cerca di dialogare con Gloria ma la discussione viene interrotta subito visto che la De Silvestri chiama il trucco. Biascica, seguendo il consiglio di Alessandro, chiede a Gloria un consiglio su una ricetta ma prima che Gloria potesse rispondergli, riprendono le riprese. Panè esprime i suoi dubbi sulla bravura della De Silvestri e domanda a René perché l'avesse scelta. René ricorda che la De Silvestri gli era stata imposta poichè era la moglie di un senatore (Modafferi) ma a Panè dice lei era malata, che gli restavano pochi mesi di vita e che non se la sentiva di dirle di no. Dopo che Ada De Silvestri interrompe più volte le riprese, alla fine, seppure la recitazione sia stata pessima, René decide che la scena è buona e dice di andare avanti. Biascica, dopo aver ripoposto più volte la domanda sui pomodori di Pachino della ricetta dell'orata all'acqua pazza a Gloria, finalmente ottiene il risultato sperato, ovvero non una risposta sulla ricetta, bensì il capo elettricista e la truccatrice finalmente si baciano.


René presenta Stanis a Panè, e presentandolo dice all'attore che Gioacchino Panè era una persona importante che aveva lavorato con dei grandi registi americani, tra cui Kubrick. Dopo aver sentito il nome di Kubrick, Stanis non può evitare di dire la sua. Definisce Kubrick un incapace poichè passava da un genere all'altro e falliva ed oltretutto tra un film ed un altro passavano molti anni. Dopo che Stanis se ne va, Panè riferisce a René che la scena appena girata era completamente fuori fuoco. I 2 registi rivedono la scena e dopo la seccenteria di Panè, René si arrabbia e caccia malamente Panè dal set che, sconcertato, se ne va. René carica i suoi e dice di ricominciare facendo le cose a cazzo di cane. Arrivato a fine giornata, Alessandro va di nuovo a parlare con Sergio per comunicargli la sua decisione. Sergio lo saluta, ma mentre se ne stava andando, lo ferma e gli fa una proposta. Il delegato di produzione gli offre 150 € a settimana ed Alessandro ovviamente accetta. Fuori dall'ufficio, intanto, Arianna segue la vicenda e dopo aver sentito che Alessandro accetta la proposta, se ne va tranquilla e soddisfatta. Alessandro esce dall'ufficio e qui incontra Biascica il quale lo ringrazia per i suoi consigli.

Gianna Paola Scaffidi

Foto di Gianna Paola Scaffidi alias Ada De Silvestri

Ada De Silvestri

attrice de Gli occhi del cuore - Marina
Pietro De Silva

Foto di Pietro De Silva alias Gioacchino Panè

Gioacchino Panè

regista amico di René
 
Arianna

Arianna: René, questo è l'ordine del giorno di oggi. Neanche te lo dico, siamo in un ritardo mostruoso.


Biascica e Duccio

Biascica: Si oggi me vedi distratto no, nun ce fa' caso, perché, come si dice no, nun me va de fa' un cazzo.


Biascica e Duccio

Duccio: Sfondi una porta aperta, Biascica.


Biascica e Duccio

Duccio: No, no. Io sono assolutamente contrario alle canne.


Sergio ed Alessandro

Sergio: Io ti propongo di rimanere qui, da volontario, oppure, oppure te ne vai a 'fanculo.


Biascica e Duccio

Duccio: Ma ti piace veramente? Mollala. Mollala, punta su una che ti piace di meno.


Alessandro e Lorenzo

Lorenzo: È un genio. Quello ha lavorato con Kubrick, Lynch. Lavora solo con i malati di mente.


Alessandro, Lorenzo e Biascica

Biascica: Sto a fa' una specie de, come se dice, un sondaggio, sondaggio. Sondaggio è: si ve piace una, voi come ve movete?


Alessandro, Lorenzo e Biascica

Alessandro: Io faccio sempre la stessa cosa: me faccio spiega' 'na ricetta. Boh, funziona, per rompere il ghiaccio, funziona.


Biascica e Gloria

Biascica: Tu, nell'orata all'acqua calda, ce li metti i Pachino?


René, Gioacchino Panè e Stanis

Stanis: Io considero Kubrick un incapace. Lo considero il classico esempio di instabilità artistica. Abbia pazienza. È uno che affrontava un genere, falliva e passava ad un altro genere. Come lo vogliamo chiamare, eh? Poi anni e anni, tra un film ed un altro. Anni e anni di che cosa, eh? Di profondo imbarazzo per il film precedente.


René

René: E adesso, signori, si ricomincia e siccome abbiamo perso troppo tempo, si ricomincia a fare le cose a cazzo di cane se necessario. Portiamo a casa la giornata. E vai che siamo pronti.

► Condividi questa pagina

Share